Actions

Introduzione al corso di Storia Economica Internazionale

From Baripedia


L'era delle grandi scoperte è un grande cambiamento e un'apertura del mondo. Il XIX secolo può essere visto come un secolo cruciale nella storia economica mondiale. È un secolo che ha portato a una decompartimentazione senza precedenti dell'economia mondiale (ancor più della successione delle grandi scoperte). Questa decompartimentazione sta avvenendo nel contesto di un significativo sviluppo economico.

Durante il XIX secolo, dal 1815 (fine delle guerre napoleoniche) al 1914 (inizio della prima guerra mondiale), ebbero luogo alcuni importanti sviluppi economici.

  • Corso di industrializzazione;
  • rivoluzione nei trasporti e nelle comunicazioni;
  • gerarchizzazione dell'economia.

Processo di industrializzazione[edit | edit source]

Livello di industrializzazione per paese industrializzazione pro capite, Regno Unito nel 1900 = 100.

All'inizio del lungo XIX secolo, la rivoluzione industriale aveva interessato solo una piccola parte dell'Europa e una parte ancora più piccola del resto del mondo. Questo gruppo di paesi industrializzati non rappresenta nemmeno il 4% della popolazione mondiale in quel momento, stiamo parlando di una minoranza molto piccola del mondo.

Intorno al 1860 - 1870, i paesi industrializzati diventarono ancora più industrializzati. Inoltre, nuovi paesi si sono uniti a loro, come la Germania e la Svezia. I paesi industrializzati avevano una popolazione che rappresentava circa il 36% di quella del mondo intero.

La diffusione spaziale dell'industrializzazione si è combinata con un'intensificazione del processo di industrializzazione per spingere un'industrializzazione massiccia.

Produzione di ferro (e ghisa diretta) in migliaia di tonnellate.

Questo è un possibile indicatore della produzione industriale, e si può vedere che la produzione di ferro è in aumento. Nel 1870 era quasi 13 milioni di tonnellate, 20 volte il livello prima della rivoluzione industriale, nel 1910 era 100 volte la produzione prima della rivoluzione industriale.

Forza lavoro per settore come % della forza lavoro del paese.

Nel caso del Regno Unito, possiamo vedere già nel 1870 che esiste un settore industriale importante e dominante per il Regno Unito e la sua economia. È un caso atipico perché è la prima potenza mondiale, nel caso della Germania c'è un aumento in questo settore durante questo periodo. Se guardiamo agli Stati Uniti, che non sono inclusi in questa tabella, il settore agricolo rimane importante per la sua economia, rappresentando fino a 1/3 della sua economia. In Germania sta succedendo la stessa cosa, il settore agricolo non è trascurabile.

La complessità di queste economie influenzerà le politiche economiche. Possiamo vedere l'importanza del settore industriale, ma non dobbiamo minimizzare l'importanza del settore agricolo.

Ci sono anche cambiamenti qualitativi, verso gli anni 1870 vediamo una diversificazione dei prodotti industriali con l'emergere di nuovi settori. Alcuni storici parlano di una seconda rivoluzione industriale dal 1860 al 1870.

La chimica e l'elettricità sono in crescita e rappresentano nuove industrie. È soprattutto l'industria siderurgica ad essere interessata, ma possiamo vedere che c'è una trasformazione dei processi produttivi nel settore ferroviario.

Le innovazioni tecniche permettono una riduzione del prezzo dell'acciaio con guadagni molto importanti non solo per l'uso dell'acciaio, ma che apre una gamma molto ampia di possibilità per l'applicazione dell'acciaio nella costruzione di edifici e ponti. Ma l'uso più importante è per le ferrovie. Il settore dell'acciaio permette un materiale più durevole e meno costoso.

L'industria tessile è anche interessata da importanti trasformazioni nel suo processo di produzione. Le conseguenze di questa intensificazione sono importanti di per sé. Questi cambiamenti hanno conseguenze importanti per l'economia. Possiamo vedere che ci sono ricadute economiche per il resto dell'economia.

Le tecnologie sviluppate nel settore industriale hanno effetti in tutta l'economia. L'agricoltura è l'esempio migliore, con innovazioni come le mietitrici e i fertilizzanti chimici che hanno trasformato il modo di operare del settore agricolo, portando a una significativa diminuzione dei costi di produzione e innescando la concorrenza tra i settori agricoli mondiali.

Rivoluzione nei trasporti e nelle comunicazioni[edit | edit source]

Trasporti[edit | edit source]

Questa è una rivoluzione per mezzi di trasporto relativamente tradizionali come il cavallo. L'animale non è cambiato molto, ma è soprattutto il fatto che il cavallo è dotato di zoccoli migliori, tira carrozze migliori creando possibilità, progressi, diminuzioni dei costi di trasporto. La rete stradale fu anche migliorata con l'invenzione del macadam, che permise di coprire le strade con un materiale resistente. Possiamo anche parlare di canali. Possiamo anche vedere che ci sono sconvolgimenti nell'economia dei trasporti direttamente legati alla rivoluzione industriale a partire dal 1825 circa con il coinvolgimento della macchina a vapore nei trasporti.

Parliamo delle ferrovie che sono l'immagine della modernità. Il grande sconvolgimento avvenne nel 1814 quando Stevenson inventò la prima macchina a vapore. L'applicazione commerciale di questa invenzione richiese del tempo, ed è per questo che la prima linea fu aperta in Inghilterra nel 1825. Nel 1830 fu aperta la linea da Liverpool a Manchester.

Verso la metà del secolo, Londra era collegata a quasi tutte le altre grandi città con la ferrovia. Il continente seguì dapprima lentamente e poi più rapidamente. In Francia, le prime grandi linee collegarono Parigi alle grandi città a metà del 19° secolo.


Lunghezza delle linee ferroviarie gestite in migliaia di chilometri.

Se guardiamo ai paesi industrializzati, vediamo un'importante costruzione di reti ferroviarie. Per un paese come gli Stati Uniti questo continua un po' più tardi. Ciò che è più interessante è il fatto che le ferrovie dei paesi del futuro terzo mondo permettono di sottolineare che anche loro partecipano allo sviluppo delle reti ferroviarie. Possiamo vedere che la crescita della rete mondiale è stata estremamente rapida durante il periodo dal 1840 al 1913.

Le ferrovie non hanno portato all'industrializzazione di per sé, ma l'hanno accompagnata. Per rendere possibile la ferrovia, era necessaria la macchina a vapore, ma anche il prezzo del ferro doveva essere ridotto per poter costruire le ferrovie. Lo sviluppo della ferrovia si è basato sullo sviluppo e sull'innovazione dell'industria siderurgica. Le imprese dell'industria siderurgica, come negli Stati Uniti, dipendevano dagli ordini delle ferrovie per aumentare le loro vendite.

The launch of the steamship The great Britain in the presence of H.R.H. Prince Albert.

Nel XIX secolo, apparvero le navi a vapore con ruote, liberando la navigazione dai capricci del vento. I piroscafi collegheranno il lago e i fiumi, ma questo rimane limitato per ragioni tecniche, perché è necessario rifornire questi piroscafi che è difficile da fare in alto mare. Tuttavia, i progressi tecnologici sono diventati possibili attraverso l'Oceano Atlantico negli anni 1830.

I servizi regolari furono forniti entro il 1850, accompagnati da un grande sforzo per costruire porti e strutture per il carbone.

Bisognava costruire delle infrastrutture per permettere alle navi a vapore di attraversare gli oceani del mondo. Inizialmente, questi piroscafi trasportavano articoli di alto valore, quindi la gamma di prodotti era piuttosto limitata. Con il progresso tecnico, la gamma di prodotti trasportati diventa molto più ampia e vediamo anche che c'è un calo dei costi di trasporto che permette il trasporto inter-oceanico di prodotti fragili come la frutta tropicale. C'è una trasformazione delle possibilità di commercio internazionale.

C'è una competizione tra i clipper, che sono navi a vela, e le navi a vapore. Durante il periodo dal 1850 al 1880 si svolge questa competizione piuttosto brutale. Intorno al 1870 la flotta a vapore rappresentava il 50% della flotta totale e della capacità di trasporto. Nel 1910 il tonnellaggio delle navi a vapore superava ampiamente quello dei clipper.

La regolarità dei collegamenti e la velocità sono assicurati dalle navi a vapore. Le rotte marittime sembrano accorciarsi soprattutto perché i canali inter-oceanici accorciano alcune rotte particolarmente difficili.

Inauguration canal de suez.jpg

Il canale di Suez sostituisce parzialmente le rotte del Capo. La possibilità di navigare attraverso il canale si traduce in un notevole risparmio di tempo di viaggio. Per esempio, tra il Regno Unito e l'India, questo guadagno è del 41% per un viaggio da Liverpool a Bombay.

Anche il canale di Panama fu costruito per collegare gli oceani Atlantico e Pacifico, ma il progetto fu abbandonato nel 1889. Un canale con chiuse viene costruito dagli americani e viene aperto nel 1914.

Jules Vernes scrisse il suo libro Il giro del mondo in 80 giorni nel contesto della rivoluzione dei trasporti che ridusse il prezzo del trasporto durante il XIX secolo. Questo calo dei costi di trasporto rende redditizie le culture di pianura come in Argentina e in Australia che esporteranno i loro raccolti verso l'Europa.

Prezzo del grano.

Nel 1850, il prezzo del grano a Londra e 2 volte quello di Chicago, ma nel 1913 il prezzo è quasi simile. Questa convergenza può essere attribuita alla diminuzione dei costi di trasporto.

Costo reale del trasporto oceanico (1910 = 100).

Vediamo che c'è una diminuzione del 65% tra questi due periodi. Per il viaggio da Londra a New York. Una cosa altrettanto sorprendente è l'impressionante diminuzione tra Chicago e New York.

Comunicazione[edit | edit source]

Quando si parla di estensione delle reti di comunicazione, si parla principalmente di telegrafi sia all'interno di un paese che tra paesi diversi. Per quanto riguarda la rete telegrafica negli Stati Uniti, bisogna aspettare il 1839 per aprire la prima linea telegrafica destinata a una ferrovia. Lo sviluppo del codice Morse a partire dagli anni 1840 permise di applicare il sistema. Dopo il 1845, il telegrafo esplose, soprattutto in Gran Bretagna e negli Stati Uniti.

La rete telegrafica negli Stati Uniti.

La rete di cavi transatlantici era una sfida ingegneristica. Questa mappa mostra il primo cavo transatlantico tra Terranova e l'Irlanda. Tuttavia, è stato un fallimento. Un nuovo cavo fu costruito negli anni 1860 e poi furono stabiliti dei collegamenti tra tutti i continenti.

Mappa del cavo telegrafico transatlantico del 1858.

Il telefono avrebbe detronizzato il telegrafo. Gli effetti della concorrenza hanno cominciato a farsi sentire all'inizio del XX secolo. L'estensione della rete telefonica risale al 1831 con l'apertura della linea Parigi - Nantes. Già intorno al 1913, lo sviluppo della rete telefonica fu più importante e si intensificò negli anni 1920.

Gerarchizzazione dell'economia globale[edit | edit source]

Le grandi tendenze di cui sopra portano a importanti cambiamenti nel dominio dell'economia mondiale. Da un lato, è la relazione tra i paesi industrializzati, dall'altro, la relazione tra gli Stati Uniti e il resto del mondo.

Durante la prima metà del XIX secolo, il dominio dell'economia britannica continuò a crescere.

Alla vigilia della prima guerra mondiale, vediamo un cambiamento nel ruolo economico della Gran Bretagna, c'è un declino relativo. Rispetto ad altri paesi, specialmente gli Stati Uniti e la Germania, la Gran Bretagna stava perdendo terreno, creando una concorrenza globale. Nel 1913, l'egemone comincia a spostarsi verso gli Stati Uniti.

Nel 1914, ci sono tre grandi potenze, Regno Unito, Stati Uniti, Germania, ma in misura minore Francia, Austria-Ungheria e Giappone.

Uno dei fatti più importanti del XIX secolo è la diffusione dell'industrializzazione in un vasto numero di paesi. Tuttavia, nonostante questo significativo aumento del livello di industrializzazione globale, ciò non significa che tutti i paesi siano industrializzati. Nessun paese non occidentale ha avviato un vero processo di modernizzazione, ad eccezione del Giappone nel 1868. Il XIX secolo segna l'apertura di una grande divergenza tra l'apertura tra i paesi sviluppati e gli altri.

Questa divergenza crea un divario tra i paesi sviluppati e quelli sottosviluppati in termini di industrializzazione, ma anche in termini di industria. Questo divario è legato a un'altra grande tendenza. Possiamo vedere che i paesi sottosviluppati sono situati in zone con climi diversi che permettono loro di variare la produzione. I paesi sottosviluppati sono specializzati nella produzione di materie prime. C'è stata una divisione del lavoro mondiale molto marcata dalla fine del XVIII secolo e ci vorranno decenni per cambiare.

Il XIX secolo è stato un secolo chiave di uno sviluppo senza precedenti delle economie mondiali, che ha portato a rotture, soprattutto nelle relazioni commerciali. Ha anche cambiato il sistema finanziario e la distribuzione degli investimenti nel mondo. Alcuni autori si riferiscono a questo periodo come il periodo della prima globalizzazione.

Allegati[edit | edit source]

Riferimenti[edit | edit source]