Actions

Nuovo ordine monetario e finanziario: 1914 - 1929

From Baripedia


Una delle conseguenze della guerra sono gli effetti monetari e finanziari. La guerra è costosa, creando un problema di finanziamento. Le soluzioni a questo problema di finanziamento hanno conseguenze che sconvolgono l'economia mondiale nel dopoguerra. Ci sarà una rottura con il sistema monetario e finanziario internazionale.

Finanziamento della prima guerra mondiale[edit | edit source]

Costi della guerra[edit | edit source]

Spesa pubblica in Gran Bretagna % del PIL - Fonte: Feinstein, 1972, tabella 5.

Quando un economista si concentra sulla finanza di guerra, guarda alla spesa pubblica. Si può vedere chiaramente la grandezza di questa guerra per il bilancio della Gran Bretagna. Vedremo l'aumento dell'importanza della spesa pubblica per la Gran Bretagna. Siamo passati dall'8% del PIL a un picco del 37% del PIL nel 1918. Avere un tale aumento in un periodo di tempo abbastanza breve pesa molto sull'economia.

Spesa pubblica % del PIL - Fonte: Broadberry & Harrison, 2005, p. 15

Questo non è l'unico caso interessato, perché se guardiamo la Francia, il Regno Unito e la Germania, la spesa è simile. Le tendenze sono le stesse per i paesi continentali. La spesa statale di Francia e Germania è ancora più alta di quella della Gran Bretagna. Per gli Stati Uniti, la spesa aumenta dallo scoppio della guerra nel 1917. Nel 1918, tuttavia, la spesa è lontana da quella degli europei. Per un americano, tuttavia, la spesa è significativa, il che implica un ruolo maggiore per lo stato federale negli Stati Uniti rispetto al passato.

Menu di diverse opzioni per pagarli[edit | edit source]

Come si può finanziare l'aumento della spesa statale? Se la spesa aumenta, la spesa più logica è quella di aumentare il reddito sia a livello statale che familiare. Quando si parla di entrate statali, si parla di tasse. Quando guardiamo la spesa e il reddito britannico, vediamo un aumento delle tasse dal 7% del PIL al 16% del PIL, più che raddoppiando il livello delle tasse.

Spesa ed entrate del governo britannico - Fonte: Broadberry & Howlett, 2005, p. 216

Possiamo vedere che questo aumento non è sufficiente per pagare le spese delle guerre. Il 12% del costo della guerra è finanziato dalle tasse, il che dimostra che c'è ancora un deficit di bilancio da colmare.

Spesa ed entrate del governo britannico Fonte: Broadberry & Howlett, 2005, p. 216

Vediamo l'eccedenza e il deficit in milioni di sterline e come percentuale del PIL, evidenziando il fatto che c'è un grande deficit finanziario. La fonte di finanziamento più importante è il debito interno a lungo termine utilizzato come principale fonte di finanziamento del deficit di bilancio che rimane dopo l'aumento delle tasse. C'è un grande successo da parte degli inglesi nel finanziare la guerra sulla base delle tasse e sulla base del debito interno.

Questo non è sorprendente. Londra era un luogo importante come centro finanziario globale. Stiamo parlando di una città che è al centro del mondo finanziario e aveva forti competenze finanziarie. Quindi il fatto che la Gran Bretagna sia stata in grado di finanziarsi sulla base del debito interno non è sorprendente. C'è sofisticazione finanziaria, mobilitazione di capitale, quindi non è un problema finanziare la guerra. Ci vuole ancora un grande sforzo da parte del governo britannico per stimolare gli investitori a prestare il loro denaro.

Sources of Budget Deficit Financing in Britain - Fonte: Broadberry & Howlett, 2005, p. 218

C'è un appello al patriottismo degli investitori. Nonostante la sofisticazione finanziaria di Londra, gli sforzi del governo per stimolare gli investitori rimangono importanti. Anche in Gran Bretagna, vediamo che il debito interno non è sufficiente per finanziare la guerra. Altre opzioni vengono sfruttate. La Gran Bretagna fu costretta ad andare all'estero, soprattutto nella seconda metà della guerra, per cercare fondi altrove, soprattutto a New York. A partire dal 1915, ma in particolare dal 1917 e 1918, era importante per la Gran Bretagna avere il sostegno finanziario dei mercati di New York.

La manipolazione della massa monetaria creava rischi di inflazione, ma per quanto riguarda la pratica britannica, all'inizio della guerra, era un effetto shock che creava denaro per finanziare le spese. Immediatamente, si stabilisce una disciplina e non vediamo un ricorso significativo alla creazione di denaro in Gran Bretagna. Il controllo monetario è stabilito, ma bisogna capire che la possibilità di stabilire tale disciplina monetaria è un lusso. La Gran Bretagna ha accesso ad altre fonti di finanziamento.

Nel mix di opzioni di finanziamento, ci sono diverse tendenze. Ovunque, il debito è importante per finanziare la guerra. Alcuni stati come la Gran Bretagna hanno il lusso di un mercato finanziario molto sviluppato che permette loro di fare affidamento sul debito interno e di assumere debiti a lungo termine. L'accesso al mercato interno della Gran Bretagna le permette di fare affidamento sul debito interno e a lungo termine e questo è un lusso. Devi avere una certa fiducia come investitore per farlo.

In Francia, c'è un appello al patriottismo, così come negli Stati Uniti e in Germania. È una tendenza che vediamo ovunque. C'è anche una richiesta di tasse, ma i successi sono vari. Per la Gran Bretagna, c'è un successo con un raddoppio delle tasse in relazione alla dimensione del PIL. Negli Stati Uniti, lo sforzo bellico è finanziato dalle tasse al tasso del 25%. Vediamo negli Stati Uniti una situazione non molto diversa da quella della Gran Bretagna. In Francia, c'è un forte aumento delle tasse e c'è opposizione, a cui si aggiunge il problema del caos della guerra che rende difficile riscuotere le tasse nel proprio paese devastato dalla guerra. Per difficoltà molto pratiche, vediamo che le tasse coprono solo il 15% del costo della guerra. La Francia ricorre più ampiamente al debito e alla creazione di denaro per finanziare la guerra. A Parigi si sviluppa un mercato finanziario che permette l'indebitamento all'interno del paese.

I francesi cercano fondi prima a Londra, ma una volta esauriti, si rivolgono a New York, che diventa l'importante centro finanziario del mondo durante la guerra. Cercare fondi negli Stati Uniti è difficile, tuttavia, perché gli Stati Uniti rimangono prima di tutto un paese neutrale. Nell'ottobre 1915, il grande banchiere americano JP Morgan cercò di raccogliere 500 milioni di dollari per gli inglesi e i francesi. Egli trova che le condizioni sono difficili per questo prestito con una riluttanza da parte del pubblico a farsi coinvolgere in una guerra che è considerata dalla maggior parte degli americani come una guerra puramente imperialista ed europea. C'è una forte riluttanza da parte degli americani nel destinare i loro fondi agli europei. D'altra parte, c'è un'aperta opposizione di una certa parte del pubblico di origine tedesca all'idea di finanziare i governi francese e inglese. Possiamo vedere che per questo prestito, alla fine, le obbligazioni non sono completamente sottoscritte ed è quindi un fallimento parziale.

Gli atteggiamenti cambiano con l'entrata in guerra degli Stati Uniti nell'aprile 1917. Anche prima, c'era meno riluttanza ad accettare finanziamenti dai governi alleati. Anche prima che gli Stati Uniti entrassero in guerra, era molto più difficile per le potenze centrali prendere in prestito da New York e dall'estero. Per la Germania divenne sempre più difficile finanziare la guerra, poiché non era possibile per i tedeschi indebitarsi a Londra o Parigi. Anche se gli Stati Uniti erano neutrali, c'era la possibilità per la Germania e le potenze centrali di fare appello al capitale americano, ma si parlò solo di 35 milioni di dollari in prestiti, una somma piuttosto piccola a causa della riluttanza del pubblico e degli investitori.

Possiamo vedere che per la Germania la situazione e la sfida di finanziare la guerra, specialmente attraverso il debito a lungo termine, è molto difficile perché il debito è difficile sia all'esterno che all'interno, perché i mercati finanziari non sono così sviluppati come a Londra. Quando gli investitori tedeschi sono disposti a prestare il loro denaro, è più a breve e medio termine con tassi di interesse più alti.

Come la Francia, la Germania ha grandi difficoltà a finanziare la guerra con tasse che coprono solo il 15% del costo della guerra. Il paese si sta indebitando in una certa misura, soprattutto a breve termine, e il paese sta creando denaro perché le altre opzioni sono così limitate per la Germania.

Approcci diversi a seconda del paese[edit | edit source]

Le scelte che i diversi paesi fanno per finanziare la guerra hanno conseguenze diverse a breve e lungo termine. Non si può capire l'instabilità del dopoguerra senza capire il finanziamento durante la guerra. Una delle conseguenze più importanti della creazione di denaro per finanziare la guerra è l'inflazione. Alcuni esperti credono che è a causa della prima guerra mondiale che il mondo ha riscoperto l'inflazione, che era un fenomeno quasi dimenticato dalla fine delle guerre napoleoniche.

Possiamo vedere che per questi paesi c'è una sfida da affrontare per controllare l'aumento dei prezzi. La creazione di denaro non è l'unico elemento importante, c'è anche una mancata corrispondenza tra domanda e offerta. In tempi di guerra, c'è una forte domanda per alcuni paesi, ma l'offerta è molto ridotta a causa di una riallocazione delle risorse. La creazione di denaro rafforza questo problema. C'è un controllo dei prezzi nel tentativo di limitare l'inflazione. Questi controlli stanno diventando importanti ed efficaci, come per esempio in Germania. Quello che stiamo aspettando è la fine della guerra e soprattutto con la fine del controllo dei prezzi, stiamo aspettando un'esplosione dei prezzi. Una volta liberati i prezzi, vediamo le conseguenze dell'inflazione soppressa in una certa misura durante la guerra. In alcuni paesi, come la Francia e la Germania, si sviluppa un vero problema in relazione all'inflazione del dopoguerra. In Russia, il pubblico sta perdendo fiducia nel rifiuto del governo di accettare banconote.

Le conseguenze monetarie e finanziarie della guerra[edit | edit source]

Conseguenze monetarie[edit | edit source]

Il sistema internazionale basato sul gold standard è la sua capacità di controllare l'emissione di denaro sottolineando l'importanza di avere uno stretto legame tra la riserva aurea e l'offerta di denaro. Parlare della creazione di denaro al punto che comporta una significativa finalizzazione implica che il sistema del gold standard è stato terminato. Tutti i paesi stanno ponendo fine al gold standard nei fatti o nella pratica. C'è un momento di pausa per quanto riguarda il sistema monetario internazionale basato sull'oro.

Taux des changes ; moyennes annuelles, 1913 = 100 - Source: Asselain, p. 89

I tassi di cambio cominceranno a cambiare e quindi se c'è un'inflazione molto alta, significa che sta danneggiando il valore del denaro. Se guardiamo la situazione della Francia o della Germania, vediamo che c'è un crollo del valore di queste valute. Non siamo solo in un regime di cambio fluttuante, ma ci sono anche cambiamenti improvvisi nel valore della moneta. Possiamo poi parlare di alcune delle conseguenze monetarie della guerra, in particolare le conseguenze immediate.

Ci sono anche postumi come l'aumento della dimensione dei debiti e dei debiti tra paesi. Se guardiamo il debito nazionale della Gran Bretagna, vediamo un aumento significativo.

Il livello del debito nazionale per la Francia sarà leggermente superiore a quello della Gran Bretagna.

Il peso del debito aumenta per i paesi in guerra. Questi debiti sono contratti non solo verso investitori nazionali, ma anche verso investitori esterni che coinvolgono questi paesi nelle conseguenze di questa tendenza.

Conseguenze finanziarie della guerra[edit | edit source]

Debito interalleato e posizione netta di investimento internazionale (escluse le riparazioni) nel 1919 in milioni di dollari - Fonte: Pierre-Cyrille Hautcoeur, 2009, La crise de 2009, La Découverte.

Gli Stati Uniti sono il più grande prestatore a livello internazionale. Possiamo vedere che la Gran Bretagna gioca anche un ruolo importante nel finanziare i debiti dei paesi alleati. In particolare, Francia, Russia e Italia sono finanziate in misura molto significativa dalla Gran Bretagna. Nel mezzo della guerra, le risorse finanziarie della Gran Bretagna sono esaurite. Anche la Francia ha potuto prestare soprattutto alla Russia.

A livello geopolitico, l'esistenza di questi prestiti interalleati giocò un ruolo importante nel corso degli anni venti. I debiti degli alleati ammontavano a 18 milioni di dollari, quasi l'equivalente dello stock di beni esteri britannici alla vigilia della guerra. Se guardiamo l'ammontare dello stock di attività estere della Gran Bretagna nel 1913, abbiamo l'ammontare dei prestiti contratti dagli alleati in quattro anni che spiegano la grandezza dello shock finanziario all'economia mondiale provocato dalla prima guerra mondiale.

I prestiti interalleati erano fatti dai governi e solo alcuni intermediari privilegiati erano coinvolti, come JP Morgan negli Stati Uniti. È la banca che servirà come porta d'accesso per gli europei al mercato finanziario statunitense. Gli impegni esteri dei belligeranti europei aumentano molto bruscamente, soprattutto quelli dei paesi alleati. Allo stesso tempo, possiamo vedere che le attività nette all'estero diminuiscono bruscamente durante la guerra.

Gli inglesi vendono i loro beni alla vigilia della prima guerra mondiale. La Gran Bretagna sta liquidando dei beni per finanziare la guerra. Quando parliamo della Gran Bretagna, stiamo parlando del più grande creditore del mondo e stiamo parlando del debito estero, che è molto alto. Gli investitori britannici hanno investito molto denaro nel finanziamento delle ferrovie negli Stati Uniti e la somma investita è molto alta. Una volta che la Gran Bretagna inizia a vendere i suoi titoli per pagare i prodotti necessari da importare, vediamo una forte volontà da parte del governo britannico di organizzare una vendita dei titoli detenuti negli Stati Uniti al fine di avere dollari disponibili per pagare le importazioni dagli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno paura delle potenziali conseguenze di questa vendita. Anche se questa è una guerra considerata europea, possiamo vedere che le conseguenze per gli Stati Uniti sono immediate. Dato che gli Stati Uniti sono molto coinvolti nel sistema economico internazionale, possiamo vedere che il mercato finanziario si sta chiudendo a causa della vendita di titoli europei. Questa è una vera crisi del mercato americano.

Il governo britannico sta organizzando una grande campagna pubblicitaria per convincere gli investitori britannici a scambiare i loro beni in dollari con titoli di stato in sterline. L'obiettivo è recuperare dollari per pagare le importazioni. La Francia sta facendo più o meno la stessa cosa, liquidando i suoi debiti per pagare le importazioni necessarie a condurre la guerra. Una cosa è che questi paesi scelgano di vendere una certa parte di questi beni. C'è anche una perdita di questi beni all'estero durante la guerra. La Francia perde probabilmente i ¾ del suo patrimonio in Europa soprattutto a causa del ripudio dei debiti russi. Le potenze centrali perderanno anche beni durante e soprattutto dopo la guerra. Con il trattato di Versailles, la Germania perde quasi tutti i suoi beni esteri. Le passività estere aumentano, le attività estere diminuiscono.

Dopo la guerra, l'Europa non è più il banchiere del mondo. D'altra parte, gli Stati Uniti, in precedenza il più grande debitore fino alla fine del XIX secolo, sono diventati in seguito il principale creditore internazionale. C'è una transizione in termini di egemonia finanziaria internazionale.

Da un lato, gli alleati europei stanno prendendo in prestito all'estero e soprattutto dagli Stati Uniti per finanziare la guerra, quindi le attività estere degli Stati Uniti stanno aumentando. Questo significa che gli Stati Uniti hanno interessi sempre più importanti all'estero. Una parte significativa dei beni esteri delle potenze europee sono titoli europei e questi titoli sono venduti agli americani durante la guerra. Così, vediamo un calo delle passività estere degli Stati Uniti. Questo crea una posizione esterna positiva per gli Stati Uniti.

Per le potenze centrali, dobbiamo andare oltre perché ci sono le riparazioni alla fine della guerra che rappresentano le conseguenze finanziarie più importanti della guerra. Il trattato di Versailles assegna la responsabilità della guerra alla Germania imponendo il pagamento di riparazioni. L'importo da pagare è molto controverso, essendo fissato nell'aprile 1921 a 132 miliardi di marchi d'oro o quasi 3 volte il PIL della Germania di allora. La questione dell'ammontare dei risarcimenti è oggetto di dibattito tra i contemporanei e anche tra gli storici.

All'epoca, i francesi insistevano che la Germania pagava i danni di guerra. La Francia era un paese invaso che ha perso molti beni stranieri e un paese che si è indebitato a lungo per pagare i costi della guerra. Non è sorprendente che la Francia chieda il maggior numero di risarcimenti alla Germania. Clemenceau si presenta in una logica vendicativa in questi negoziati, ma esprime l'atteggiamento dominante dei suoi concittadini.

Clemenceau extrait de Javel coq gaulois.jpg

La preoccupazione della Francia è di ristabilire il suo equilibrio economico e militare, ma anche di punire la Germania. La fine della guerra dipende dalla resa incondizionata dei tedeschi, che è una sconfitta inequivocabile per l'esercito, ma allo stesso tempo la Germania non viene invasa rendendo più difficile accettare la sconfitta. Il Kaiser non doveva accettare la responsabilità della guerra. Fu la nuova repubblica fondata nel novembre 1918 che dovette negoziare la pace e soddisfare le condizioni del Trattato di Versailles. La Germania uscì indebolita dal conflitto e nel dopoguerra l'economia tedesca si deteriorò molto rapidamente. C'è stato un forte calo della produzione industriale e un forte aumento della disoccupazione. Nel 1919, il numero di disoccupati superava il milione e i salari erano in ritardo rispetto all'inflazione galoppante. È una situazione che diventa rapidamente rivoluzionaria in Germania. Una carenza di cibo persiste nel dopoguerra. Il raccolto di grano nel 1919 fu solo la metà di quello dell'anteguerra.

Si aggiunge un altro fattore:

« Under the terms of the Armistice the Allies did imply that they meant to let food into Germany… But so far, not a single ton of food had been sent into Germany. The fishing fleet had even been prevented from going out to catch a few herrings. The Allies were now on top, but the memories of starvation might one day turn against them. The Germans were being allowed to starve whilst at the same time hundreds of thousands of tons of food were lying at Rotterdam… these incidents constituted far more formidable weapons for use against the Allies than any of the armaments it was sought to limit. The Allies were sowing hatred for the future: they were piling up agony, not for the Germans, but for themselves… »

— David Lloyd George, Minutes of the Supreme War Council, 17th Session, 3rd Meeting, 7 March, 1919, quoted in Avner Offer, The First World War: An Agrarian Interpretation, 1991.

Il blocco continua anche dopo la guerra. Lloyd George aveva una grande esitazione a continuare questa politica.

« Crimes in war may not be excusable, but they are committed in the struggle for victory, when we think only of maintaining our national existence, and are in such passion as makes the conscience of people blunt. The hundreds of thousands of noncombatants who have perished since November 11, because of the blockade, were destroyed coolly and deliberately after our opponents had won a certain and assured victory. Remember that when you speak of guilt and atonement. »

— Speech of Count Brockdorff-Rantzau on 7 May 1919 at Versailles, quoted in Avner Offer, The First World War: An Agrarian Interpretation, 1991.

Possiamo vedere l'importanza della politica del blocco. Brockdorff-Rantzau nota che non c'è una vera carestia in Germania. La continuità del blocco evidenzia il fatto che i tedeschi sono sempre più arrabbiati con gli alleati, che hanno difficoltà ad accettare le condizioni di pace. C'è una forte riluttanza da parte dei tedeschi, ma c'è una forte riluttanza a firmare il trattato di Versailles. Le conseguenze della pace sono molto controverse. Questo solleva la questione di quanto lontano possiamo andare in termini di una politica di pressione per ottenere la firma di un trattato di pace.

Questo sfondo dei negoziati di pace con evidenzia due lati del problema. Possiamo vedere che questo dibattito è in corso e prende diverse forme. Nella storia economica, possiamo già vedere che nel 1919, 1920 e 1921 ci furono dibattiti sulle riparazioni richieste dai tedeschi. Ci sono critici tra gli economisti britannici come John Maynard Keynes. Keynes propose 20 miliardi di marchi d'oro come risarcimento. La sua proposta viene rifiutata e critica questa decisione nel suo libro "Le conseguenze economiche della pace".

Gli americani credono anche che le riparazioni imposte siano eccessive e continuano a fare pressione su inglesi, francesi e italiani per pagare i debiti contratti durante la guerra. La posizione americana può essere considerata ipocrita da alcuni storici. Si stabilì un circolo vizioso che costrinse gli alleati a chiedere risarcimenti. Oggi il dibattito si divide in due campi: gli storici come Keynes insistono sul ruolo nocivo delle riparazioni tedesche, e nella vita politica tedesca questo porta al successo del movimento nazista. Altri dibattiti considerano che, dato il suo PNL, la Germania era in grado di pagare le riparazioni richieste. Queste prospettive indicano le debolezze dell'economia francese dopo la guerra per giustificare l'atteggiamento revanscista dei francesi verso i tedeschi.

Sfide finanziarie e monetarie del dopoguerra[edit | edit source]

Ci sono importanti conseguenze e questioni che rimangono molto importanti. Per quanto riguarda le sfide da affrontare a medio termine, dobbiamo anche guardare un po' più avanti. Una volta che gli anni '20 cominciano a svolgersi, cosa vediamo in termini di sfida finanziaria e monetaria?

Gli squilibri fiscali continuarono e persistevano dopo la guerra, con gli stati in guerra che sperimentavano grandi deficit di bilancio come risultato del crollo delle entrate fiscali a causa del forte calo della produzione e del commercio internazionale. Inoltre, c'è anche un forte aumento delle spese e dei pagamenti delle pensioni per le persone che tornano dalla guerra o per le loro famiglie, ci sono costi di ricostruzione e rimborsi del debito da mettere in conto. Con la fine della guerra, non si può dire che stiamo tornando alla normalità con una diminuzione della spesa statale fino al punto di partenza. Il problema dei deficit di bilancio continua dopo la guerra. Una soluzione sarebbe quella di ridurre l'entità del deficit di bilancio, ma questo comporterebbe una riduzione della spesa statale, cosa che all'epoca era ancora molto difficile in Europa.

Bisogna cercare un'altra soluzione per finanziare il deficit di bilancio. L'opposizione principale è alle tasse, ma un aumento delle tasse rimane molto difficile dato il crollo del livello di attività economica, ma anche del clima. C'era la possibilità di importare, ma è una soluzione costosa perché ci sono interessi da pagare. Alla fine, questa soluzione dichiara semplicemente il problema e c'è finalmente la possibilità di emettere moneta. Possiamo vedere che c'è una tentazione alla quale la maggior parte degli stati comincia a cedere già durante la guerra, ma anche dopo la guerra. C'è il rischio di un'alta inflazione, che può rovinare la redditività degli investimenti finanziari nella valuta in questione, e possiamo vedere che questa tendenza incoraggia la fuga di capitali. Alla fine, questo fa crollare il valore della moneta in questione. Più alta è l'inflazione, maggiore è il rischio di crollo monetario.

Vediamo il problema di un continuo deficit di bilancio e lo stesso menu di opzioni per affrontare questo deficit. Se guardiamo ai diversi paesi, le reazioni sono diverse. Se guardiamo alla Gran Bretagna, essa decide di tornare al più presto al pareggio di bilancio a costo di grandi aumenti di tasse. Quel paese decide di disciplinare rapidamente l'economia. D'altra parte, il paese si trova in una situazione che non è così difficile come per i paesi continentali, ma vediamo anche una volontà politica di affrontare i conflitti sociali per equilibrare il bilancio. Vediamo anche che la Gran Bretagna sta attuando politiche per combattere l'inflazione. C'è un costo da pagare per la Gran Bretagna perché queste politiche sgonfiano l'economia e sono costose in termini di riduzione dell'economia, con aumento della disoccupazione e riduzione degli investimenti, tra le altre cose.

In Francia, la situazione è più complicata. È difficile per la Francia stessa entrare in una discussione per equilibrare il bilancio perché i costi della guerra sono così grandi che è difficile immaginare come sia possibile per la Francia risolvere il problema dell'equilibrio. Un altro aspetto complica la questione del bilancio perché è coinvolto nel dibattito sulle riparazioni di guerra. Il governo non ritiene necessario aumentare le tasse per pagare il debito nazionale, causando l'aumento del debito francese. C'è una riluttanza da parte dei politici in Francia ad aumentare le tasse perché vedono che le riparazioni pagheranno una gran parte del deficit di bilancio. In Germania, vediamo la stessa cosa con una forte opposizione all'aumento delle tasse per pagare le riparazioni. C'è un aumento dei deficit di bilancio e uno sforzo per monetizzare questi deficit che porta ad un'alta inflazione.

In entrambi i paesi, la tentazione di monetizzare i deficit è grande e la frustrazione è alta. Le posizioni fiscali dei singoli paesi hanno un'influenza molto forte sulle sfide monetarie del dopoguerra. Ripristinare il gold standard del dopoguerra è l'obiettivo primario di tutti i paesi. All'epoca, il gold standard era visto come l'unico garante della stabilità. Per molte élite, evocava il ricordo di un mondo migliore. L'idea di ripristinare il gold standard è la promessa di una maggiore stabilità.

Gli Stati Uniti stanno ripristinando la libera convertibilità del dopoguerra, ma i paesi europei devono affrontare enormi sfide per ripristinare un tasso di cambio fisso, perché un ritorno al pareggio di bilancio è necessario per la stabilizzazione monetaria. Se un deficit di bilancio sfugge di mano, non è possibile stabilizzare la moneta perché c'è sempre la tentazione di usare la moneta per finanziare il bilancio e il deficit. Ci vuole fino alla metà degli anni '20 per ristabilire il gold standard, ed è un sistema nuovo rispetto allo standard convenzionale. C'è un ristabilimento del sistema monetario internazionale basato sull'oro con principi molto simili. Anche se la gente pensa che con una tale restaurazione vedrà tornare la stabilità, vedremo che non è la stessa cosa che accadrà, aprendo un periodo di forte instabilità monetaria e finanziaria che porterà alla Grande Depressione.

In una situazione di squilibrio fiscale, c'è sempre la tentazione e la necessità di stampare denaro per finanziare il deficit. Se il bilancio non è equilibrato, c'è espansione monetaria e inflazione. È solo dalla metà degli anni '20 che possiamo parlare di un nuovo sistema monetario internazionale per il mondo.

Per la Germania, la prima metà degli anni '20 fu segnata dall'esperienza dell'iperinflazione, che era legata alla debolezza dell'economia tedesca e alla risposta tedesca a queste debolezze. Già nel 1919, i tedeschi iniziarono a pagare le riparazioni in denaro e in natura. Alla fine di aprile 1921, la commissione per le riparazioni informò i tedeschi della somma da pagare, 132 miliardi di marchi d'oro, ma la capacità dei tedeschi di pagare una tale somma dipendeva dalla loro capacità di esportare per guadagnare valuta estera. Eppure la situazione sui mercati mondiali era difficile in quel momento, e le restrizioni furono imposte ai tedeschi dagli alleati. C'erano problemi all'interno della Germania e anche problemi di trasporto che impedivano ai tedeschi di fare ciò che era necessario per guadagnare abbastanza valuta estera per pagare le riparazioni. Comincia a esserci una reazione in termini di valore del marco perché gli investitori internazionali temono il peggio perché non sono convinti che i tedeschi saranno in grado di pagare le riparazioni. Il valore del marchio scende, segnando una perdita di fiducia. Il marco, che aveva un valore di 4,2 contro il dollaro nel 1914, valeva solo 14 alla fine della guerra, 1 dollaro valeva 500 marchi nel luglio 1922, e 70.000 marchi nel luglio 1923. La drammatica caduta del valore del marco riflette i problemi dell'economia tedesca e la difficoltà dei tedeschi sui mercati internazionali.

I tedeschi hanno smesso di pagare le riparazioni perché hanno ritenuto che non erano più in grado di pagarle. I francesi reagiscono furiosamente in modo aggressivo con un'invasione della Ruhr per prendere il controllo delle miniere di carbone e ferro per esigere la riparazione del carbone. Quando i francesi arrivano, c'è una resistenza passiva da parte dei tedeschi, i francesi devono chiamare migliaia di ingegneri e operai per prendere il carbone dalla Germania. I francesi riescono a trovare il carbone, ma è molto costoso. Il governo tedesco che invita alla resistenza passiva inizia a stampare denaro per compensare i lavoratori della Ruhr per sostenere questa resistenza passiva. Nel 1922, un dollaro vale 4,2 trilioni di marchi.

Aumento dei prezzi all'ingrosso - indice base 100 nel 1913.

L'indice dei prezzi all'ingrosso è un indicatore dell'inflazione. C'è una vera e propria crisi monetaria in Germania. Il governo tedesco deve agire perché non c'è fiducia nella moneta tedesca. Il governo sta demonetizzando il marco sostituendolo con una nuova moneta che è il rentemark. C'è un crollo quasi totale del valore tedesco. La svalutazione del valore della moneta tedesca è così grave che il governo tedesco non è in grado di gestire la situazione da solo, utilizzando l'assistenza internazionale per stabilizzare la moneta tedesca.

Sotto la guida di Dawes viene istituita una commissione internazionale chiamata Piano Dawes che cerca di aiutare i tedeschi a stabilizzare la loro moneta con una diminuzione delle riparazioni e un prestito internazionale. L'idea è di diminuire l'ammontare delle riparazioni, ma anche di dare loro un prestito internazionale per pagare le rimanenti riparazioni. Un prestito internazionale permetterebbe alla Germania di riprendere il pagamento delle riparazioni, ma ad un tasso ridotto, e poi di rendere la sua moneta nuovamente convertibile in oro. L'esperienza dell'inflazione galoppante pesa fino agli anni '30 e fino ad oggi.

In Francia c'è stata la crisi del franco. In Francia non si parla di iperinflazione. C'è un aumento significativo dei prezzi. Le crisi per la Francia hanno avuto luogo negli anni '20. Per la Francia, la stabilizzazione monetaria è una prova difficile che sarà completata a metà degli anni '20. Il governo francese pratica una politica di deficit per finanziare la ricostruzione delle regioni devastate. È una politica per mettere sotto pressione i tedeschi e pagare le riparazioni. Lo stato francese crea denaro per permettere la ricostruzione del paese e creare inflazione economica. Il franco diventa volatile di fronte all'aumento dei prezzi.

Un'altra cosa che pesa sul valore del franco è la crescente incertezza del pagamento delle riparazioni da parte dei tedeschi con l'invasione della Ruhr. Tutti stanno prestando attenzione. Questo è visto sempre più come un fallimento, il che fa sì che gli investitori internazionali siano sempre più preoccupati per il valore del franco. Guardando la situazione di bilancio, se i tedeschi non pagano le riparazioni, dovranno svalutare. Il governo sta cercando soluzioni di bilancio per mantenere la fiducia nella moneta francese. Nel 1924, c'è la volontà di risolvere i problemi di bilancio francesi. Tuttavia, c'è una difficoltà nell'accettare il piano proposto perché dipende dall'aumento delle tasse e nessuno è veramente convinto che sia possibile aumentare le tasse per pagare il deficit di bilancio. Questo tentativo fallisce portando ad un cambio di governo.

Il cartello di sinistra ha proposte per stabilizzare il bilancio. Nuovi progetti fiscali sono proposti dal cartello di sinistra e la misura principale è quella di tassare il capitale. Ma questa proposta sta causando una fuga di capitali dalla Francia verso la Svizzera e i Paesi Bassi, portando ad un ulteriore calo del franco. C'è più pressione sul valore del franco e possiamo vedere chiaramente l'interazione tra la crisi di bilancio in Francia e la crisi valutaria. Non è possibile risolvere il problema monetario senza risolvere il problema di bilancio. Il governo chiederà finalmente un aumento delle tasse e lo sforzo porterà al successo con una stabilizzazione del franco. Tuttavia, non è possibile riportare il franco al suo valore precedente, stiamo parlando di una parità all'80% del valore prebellico. I francesi devono accettare che la loro economia è molto più debole di quella che era prima della prima guerra mondiale. Alcuni esperti credono che il governo abbia sottovalutato il franco per aiutare l'industria e l'economia a crescere, perché se la moneta è sottovalutata, le esportazioni costano meno sui mercati mondiali.

Tutti i problemi che la Francia sta affrontando rafforzano l'interesse per un ritorno a un sistema di cambio fisso. C'è una forte critica al tasso di cambio fluttuante. Un ritorno a un tasso di cambio fisso è difficile da attuare. Un ritorno di successo a un regime di tasso di cambio fisso richiede un bilancio equilibrato, ma anche una scelta di parità che sia sostenibile data la situazione economica di ogni paese. Per essere sostenibile a lungo termine da un punto di vista economico, la scelta di un peg deve tenere conto del potere d'acquisto nei diversi paesi. Il tasso di cambio per essere sostenibile deve uguagliare il livello dei prezzi tra due paesi.

In Germania, l'iperinflazione porta a una distruzione totale del valore della sua moneta. Per realizzare questa realtà economica, i tedeschi devono ripristinare la convertibilità del marco in una moneta molto più economica. Se una moneta vale poco, è difficile da comprare sui mercati internazionali. I risparmi nei vecchi marchi non valgono quasi nulla. Per i francesi, la situazione non è così grave, ma la Francia accetta anche una significativa svalutazione della sua moneta con il nuovo franco. Alcuni paesi sono nella stessa situazione della Francia, come il Belgio e l'Italia.

La Gran Bretagna è un'eccezione. Non è disposto ad accettare una tale svalutazione della sua moneta. C'è uno sforzo per ripristinare la convertibilità della sua moneta alla stessa parità del 1914. La City insiste molto sull'importanza della vecchia parità poiché considerava che la sua reputazione dipendeva dalla forza della sterlina. La priorità è ripristinare la parità della sterlina per mostrare agli investitori internazionali che possono avere fiducia nella valuta britannica. Per tornare al cambio precedente con il dollaro, il problema è che nel frattempo ci sono differenze di inflazione tra gli Stati Uniti e il Regno Unito. Una politica sta per essere attuata per sgonfiare l'economia britannica. Il ritorno al tasso di cambio del 1914 implica una politica di austerità per ridurre il livello dei prezzi interni e dei salari. La convertibilità della sterlina viene ripristinata nel 1925 al valore del 1914 dopo una riduzione di 1/3 dei prezzi. Questo successo monetario dipende da una stagnazione dell'economia, da un cambiamento massiccio e da una vera crisi sociale nel Regno Unito. Inoltre, a livello internazionale, la sterlina britannica rimase sopravvalutata, pesando sulle esportazioni del paese durante gli anni 1920. In termini monetari, il Regno Unito è stato un successo. È un obiettivo ricercato da una certa parte del popolo britannico e soprattutto dai finanzieri.

Un nuovo regime monetario e finanziario[edit | edit source]

Con questi due casi ci furono grandi difficoltà nel ripristinare il gold standard, ma dalla metà degli anni '20 fu stabilito un nuovo gold standard internazionale. Tuttavia, non è lo stesso gold standard di prima. Se guardate il livello dei prezzi mondiali nel 1920 e nel 1922, il livello dei prezzi mondiali è molto più alto di quello del 1915. Si pone la vecchia questione del gold standard: c'è sempre il rischio che la quantità di oro tenuta in riserva sia troppo bassa per sostenere il livello di attività economica.

Alla conferenza di Genova del 1922 fu proposto il gold exchange standard. I governi centrali e nazionali hanno cercato di aumentare la base della moneta internazionale. Le banche centrali sviluppano la loro capacità di fare soldi non solo sull'oro, ma anche su certe valute che sono esse stesse convertibili in oro. C'è uno sforzo per espandere le possibilità in termini di riserve che possono essere tenute. Con l'espansione delle riserve utilizzabili come base monetaria, questo significa che lo stock d'oro stesso non limita l'offerta di denaro nello stesso modo in cui lo faceva prima della prima guerra mondiale. La forza di un tale sistema è che ha aumentato la dimensione della riserva della banca centrale, ma questo richiede fiducia nel valore del denaro. Con lo svolgersi degli anni '20, ci fu un declino della fiducia. Ci sono vantaggi in questo sistema, ma c'è anche una grande vulnerabilità.

Se possiamo parlare di un nuovo regime monetario negli anni '20, possiamo anche parlare dell'emergere di nuovi regimi finanziari. Va notato che i paesi neutrali durante la prima guerra mondiale, come i Paesi Bassi e la Svizzera, aumentarono il loro successo come centri finanziari. Bisogna notare l'ascesa degli Stati Uniti come finanziatore internazionale. Questa tendenza era già evidente durante la guerra, ma nel dopoguerra fu rafforzata dall'entusiasmo del pubblico americano per le valute straniere.

Emissioni estere negli Stati Uniti, 1919-1929 in milioni di dollari 1929.

L'esportazione di capitali negli Stati Uniti si sta dirigendo verso l'Europa. I tedeschi attirano molti capitali dagli Stati Uniti. Anche il Canada e l'America Latina sono coinvolti. Per l'America Latina, c'è un aumento dell'importanza degli Stati Uniti e quindi una crescente dipendenza dalle imprese e dai governi latinoamericani.

[[Image:The recipients of foreign broadcasts in the US.png|thumb|300px|The recipients of foreign broadcasts in the US]

La domanda negli anni '20 era: dove sono gli europei? La Francia e la Gran Bretagna sono ancora lì, ma soprattutto la Gran Bretagna sta ancora prestando denaro. A causa dei problemi interni della Gran Bretagna, il ruolo della Gran Bretagna è in diminuzione. Tuttavia, con gli Stati Uniti, c'è una concorrenza che crea un duopolio. Ma durante gli anni '20, gli Stati Uniti guadagnarono una reale superiorità. La presenza degli Stati Uniti cambia le cose. Per gli Stati Uniti, è stata la prima volta che abbiamo visto un forte livello di investimenti stranieri creando un forte contrasto con la Gran Bretagna. Ci sono alcuni esperti che vedono che gli investitori americani prendono troppo rischio quando investono all'estero. C'è una forte critica agli investimenti che gli Stati Uniti stanno facendo in Germania, per esempio. Quando parliamo degli Stati Uniti come un grande investitore, non stiamo parlando della Gran Bretagna.

Emissioni estere, 1920 - 1931.

Anche al picco degli investimenti, queste emissioni rappresentano una minoranza degli investimenti, tra il 17% e il 18%. Per la Gran Bretagna, il 50% degli investimenti sono destinati ai mercati internazionali.

Con lo svolgersi degli anni '20, questa dipendenza divenne sempre meno importante. Si sviluppa una bolla speculativa e gli investitori americani hanno sempre meno soluzioni. O possono investire all'estero o in patria. Quando la bolla speculativa si sviluppa, sono attratti dagli investimenti interni. Gli inglesi sono anche attratti dagli investimenti negli Stati Uniti. Sta cominciando a esserci un cambiamento nella direzione in cui il capitale sta andando. Questo cambiamento nella direzione dei flussi internazionali di capitale contribuisce ad un circolo vizioso che contribuisce alla vulnerabilità del sistema finanziario internazionale.

Allegati[edit | edit source]

Riferimenti[edit | edit source]