Actions

Tra libero scambio e protezionismo: 1846 - 1914

From Baripedia


Una battaglia ha avuto luogo nel XIX secolo tra i sostenitori del libero scambio e i loro oppositori che sostenevano il protezionismo. Quando si parla di libero scambio, si parla di un'organizzazione delle relazioni commerciali internazionali in cui gli stati non pongono alcun ostacolo all'entrata delle merci straniere. Le merci prodotte all'estero sono destinate ad essere vendute o lavorate sul territorio nazionale. Il protezionismo mira a proteggere i produttori nazionali dalla concorrenza della produzione estera. Tale protezionismo può essere sia tariffario che non tariffario, come le quote di importazione o la burocrazia che grida ostacoli. Il livello delle tariffe è usato come stima del livello di protezionismo. Quando guardiamo le tariffe, usiamo una stima per avere un'idea delle tendenze che abbiamo.

Se parliamo di una transizione tra queste due politiche, tale transizione applica lo smantellamento delle misure protezionistiche, compresa l'abolizione delle tariffe.

Se guardiamo le politiche commerciali degli europei nei secoli XVII e XVIII, parliamo di mercantilismo, che mira a ridurre le importazioni al minimo e ad aumentare le esportazioni al massimo. Lo scopo del mercantilismo è quello di concentrare la massima quantità di metalli preziosi in un paese. Verso la fine del XVIII secolo, le idee cominciarono a cambiare, in particolare con Adam Smith che, nel 1776, pubblicò Ricerche sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni attaccando il mercantilismo. Il cambiamento di idee non inizia necessariamente in Scozia, ma anche in Francia con i fisiocrati. C'è una tendenza ideologica che porta a un'apertura a relazioni commerciali più libere tra le nazioni.

Anticipazione, o la morte imminente del trattato commerciale francese. Vignetta di James Gillray che anticipa il conflitto nel Parlamento britannico sul Trattato di Eden.

Un primo sforzo apparve nel 1786 quando l'Inghilterra firmò un trattato di commercio e navigazione con la Francia basato sul libero scambio. Fu presto chiaro che questo trattato di libero scambio scontentava gli industriali francesi perché l'industria francese stava andando molto male.

« Nel primo anno dopo il trattato del 1787, gli inglesi introdussero in Francia più di 30 milioni di manufatti. Questa enorme quantità superava di gran lunga il consumo ordinario. Sono stati costretti a vendere al 30, 40 per cento di perdita. Queste vendite a prezzi sviliti erano molto dannose per le nostre manifatture, che non erano in grado di sopportare una concorrenza così impari. Essi reclamarono allora giustamente contro un trattato che aveva incoraggiato una simile speculazione; speculazione che non rimase impunita, poiché nel 1787 e 1788 ci furono più di 100 milioni di fallimenti nelle fabbriche inglesi. »

— Il signor Boislandry all'Assemblea Nazionale il 30 novembre 1790, Moniteur 1 décembre 1790.

Si critica il comportamento degli inglesi perché arrivano in Francia ondate di importazioni. Gli inglesi non sono in grado di produrre prodotti a questi prezzi ed essere redditizi allo stesso tempo. Questa non è una situazione sostenibile, ma una situazione che sta danneggiando le possibilità di sopravvivenza dei francesi.

Per tutto il XIX secolo, ci sarà la stessa reazione da parte degli industriali in Europa, creando un ostacolo molto significativo al libero scambio nell'Europa continentale. Fino agli anni 1850, le industrie inglesi dominavano il settore industriale mondiale, principalmente nel quadro delle industrie in crescita.

Il trattato del 1786 fu un primo fallimento, ma fu soprattutto la guerra franco-britannica durata vent'anni che portò a un ritorno al protezionismo. In Europa si pratica un protezionismo molto rigoroso. Nel 1848, il Regno Unito applicò una politica molto liberale, una rottura che fu vista come una tendenza duratura verso il libero scambio.

Principali tendenze della politica commerciale: 1846 - 1913[edit | edit source]

Verso il libero scambio in Europa: 1846 - 1875[edit | edit source]

Riunione della Lega Anti-Corn Law nel 1846.

Nel Regno Unito, la lotta politica tra i sostenitori del libero scambio e del protezionismo iniziò nel 1815. La Gentry, potente in parlamento, vota il primo Grain Act del XIX secolo per proteggere l'agricoltura britannica dall'importazione di grano straniero. Lo scopo delle Corn Laws era quello di mantenere alti i prezzi del grano.

Pertanto, ci sono altre implicazioni. Spinge in alto i salari dei lavoratori perché il grano continua ad essere una parte molto importante della dieta dei lavoratori, e se si decide di mantenere i prezzi abbastanza alti significa che anche il costo della vita viene mantenuto abbastanza alto. C'è una reazione negativa degli industriali alla politica dei contadini, perché vogliono aumentare la loro quota del mercato esterno giocando sui salari per rendere i loro prodotti meno cari sui mercati esterni.

Nel 1815, i proprietari di fattorie avevano molta influenza e l'opposizione degli industriali alle Corn Laws fallì. Possiamo vedere la struttura dell'opposizione che porterà ad un altro risultato un po' più tardi. Il potere degli industriali aumenta durante il 18° secolo e i liberi commercianti giocano sull'idea che l'aumento dei prezzi degli alimenti abbia un'influenza negativa sui salari. Riducendo le importazioni di cibo dai paesi con eccedenze agricole, le Corn Laws riducono le possibilità di esportazione verso altri paesi di manufatti. Questi due argomenti sono ampiamente utilizzati per chiedere una riduzione delle tariffe. Con l'intensificazione del processo di industrializzazione nel Regno Unito, vediamo che il settore industriale sta diventando più importante.

Ci sono altre ragioni per cui stiamo vedendo un aumento del sostegno politico, dato che una popolazione in crescita e una crescente urbanizzazione rendono sempre più difficile per la Gran Bretagna essere autosufficiente nel cibo. In Gran Bretagna c'è la preoccupazione di alimentarsi senza importazioni.

Il fatto è che gli industriali hanno alleati convinti e convincenti. Ricardo pubblicò i Principi di economia politica e di tassazione nel 1817 dove presenta i vantaggi comparativi che sono la base del commercio internazionale. Già durante gli anni 1820 - 1830, i liberi commercianti riescono a far bandire le restrizioni doganali, ma la protezione è ancora molto forte per quanto riguarda i cereali, così decidono di aumentare la pressione politica.

Nel 1838, Richard Cobden, un industriale di Manchester, partecipò alla Anti Corn Laws League, lanciando una campagna per convincere i più della posizione del libero scambio. Nel 1841, la battaglia fu dichiarata in parlamento. Il partito Whig era sostenuto dai mercanti che erano al potere, creando una situazione favorevole al libero scambio, ma quando il governo propose una riduzione delle tariffe sul grano e sullo zucchero, fu una sconfitta. I Tories ottennero la maggioranza, Robert Peel fu nominato primo ministro di un governo estremamente conservatore. Peel cambiò la sua posizione sotto l'influenza di Cobden, ma il suo partito rimase contrario all'abolizione delle misure protezionistiche.

La posizione cambiò dopo la carestia irlandese del 1845. Questa misura fu sostenuta dai conservatori e dai whigs, ma aprì la strada al libero scambio nel Regno Unito. Il 1846 è considerato dagli storici come l'epoca del libero scambio nel Regno Unito. Dopo l'abrogazione delle Corns Laws, ci fu una scissione nel partito conservatore. I whigs eliminarono altre tracce di protezionismo e nel 1860 la maggior parte delle tariffe era quasi scomparsa nel Regno Unito.

In Europa, vediamo un netto contrasto con l'esperienza britannica. La maggior parte delle nazioni europee, come la Francia e la Prussia, fecero cambiare ripetutamente la loro legislazione doganale a favore del libero scambio. Gli industriali continentali vedono il protezionismo come necessario per la loro sopravvivenza in un'economia mondiale sempre più dominata dagli industriali britannici. In Europa, gli agricoltori e gli industriali tendono ad essere d'accordo sui vantaggi del protezionismo. Tuttavia, i sostenitori del liberalismo sul continente stanno guadagnando sempre più peso, e i Tories stessi stanno facendo sforzi per impegnarsi nella politica liberale in Francia e in tutta Europa.

Cobden si imbarcò in un tour europeo, rimanendo all'estero fino al 1859 per fare campagna per il libero scambio. Cominciamo a vedere che ci sono alcune riduzioni tariffarie nella maggior parte dei paesi europei, ma queste riduzioni sono limitate, poiché riducono molto poco il carattere protezionista dei paesi dell'Europa continentale. Nei paesi più piccoli, il liberalismo progredisce; Danimarca, Paesi Bassi e Portogallo sono specialisti nel commercio internazionale. I Paesi Bassi hanno un atteggiamento diverso nei confronti della politica commerciale, che è stata piuttosto di libero scambio per molto tempo. Questi paesi continuano a mantenere la posizione liberale, ma non tutti i piccoli paesi come i paesi scandinavi rimangono protezionisti, e come per la Svizzera, ogni cantone ha la propria legislazione e politica commerciale.

Con il sostegno schiacciante al principio del libero scambio, il protezionismo rimase intatto fino agli anni 1850.

Il libero scambio in Europa iniziò veramente solo con un trattato franco-britannico e la pubblicazione di una lettera di Napoleone III. Questa lettera ha reso pubblici i negoziati non ufficiali con il Regno Unito. Fu il trattato Cobden-Chevalier che eliminò tutti i divieti britannici sulle importazioni francesi, mentre la Francia ridusse le sue tariffe doganali a una media del 15% del valore dei suoi prodotti.

I negoziati furono condotti da Michel Chevalier, che era professore di economia al Collège de France, spingendo William Gladstone, allora primo ministro, a firmare il trattato con l'aiuto del suo amico Richard Cobden. Tuttavia, non solo l'accordo degli inglesi ma anche quello dei francesi era necessario.

Napoleone III era impegnato nelle idee del libero scambio e voleva creare un avvicinamento diplomatico con il Regno Unito, che sosteneva il libero scambio. Grazie a una disposizione legislativa, è possibile per Napoleone III evitare il parlamento che probabilmente gli sarebbe stato fatale. In effetti, il trattato Cobden-Chevalier fu descritto come un colpo di stato dalla grande maggioranza della Camera dei Deputati dell'epoca.

Possiamo vedere che l'influenza del trattato Cobden-Chevalier fu molto significativa oltre i confini della Francia e del Regno Unito. Fu inclusa una clausola della nazione più favorita, secondo la quale il principio di qualsiasi vantaggio concesso da un paese a un altro doveva essere automaticamente concesso agli altri paesi con i quali si firmavano trattati.

Il trattato Cobden-Chevalier è seguito da altri trattati in altri paesi che partecipano al disarmo doganale in Europa. Già nel 1861, viene firmato un trattato franco-belga, la Prussia ratifica il trattato a nome del Zollverein con la Francia nel 1862, e tra il 1863 e il 1866, la maggior parte delle nazioni europee entra in una rete di libero scambio. Durante questo decennio assistiamo a una transizione dal protezionismo a un sistema che sembra essere di libero scambio. Anche se si può parlare di un disarmo doganale rispetto alla situazione interna, è lontano dall'essere completo come quello realizzato dal Regno Unito.

Fuori dall'Europa: paesi autonomi, domini e colonie[edit | edit source]

Media dei dazi doganali sui manufatti media ponderata: in % del valore.

Questa tabella evidenzia il fatto che non siamo in un sistema di libero scambio puro. Questa tabella mostra anche che, in opposizione alla svolta liberale che stiamo vedendo in Europa, praticamente tutti i paesi d'oltremare rafforzarono il protezionismo durante gli anni 1860-1880, in particolare quei paesi d'oltremare che avevano autonomia politica. Per esempio, per gli Stati Uniti, la politica protezionista ha giocato un ruolo chiave fin dal momento della loro indipendenza.

Per Paul Bairoch, la dottrina protezionista è nata negli Stati Uniti con Hamilton. Con la guerra civile, c'è un'opposizione tra il sud liberale e il nord protezionista perché quest'ultimo è nel processo di industrializzazione, in ritardo rispetto alla Gran Bretagna. C'è la stessa paura degli industriali americani che c'è nei confronti dei francesi. Questo momento è la cristallizzazione dell'opposizione tra queste due regioni tra il nord antischiavista, ma è anche una guerra tra il nord libero professionista e il sud. La vittoria del nord è quella del protezionismo. Le misure protezionistiche sono rafforzate nel 1866.

Se guardiamo il livello negli Stati Uniti, non è esagerato dire che dal 1866 al 1913, gli Stati Uniti sono stati forse il paese più protezionista dei paesi avanzati. Le tariffe sono tra il 40% e il 50%, e dobbiamo anche ricordare che stiamo parlando di un paese isolato, protetto dalla natura della concorrenza europea. Dobbiamo renderci conto che dobbiamo aggiungere questo aspetto geografico a questa politica per poter vedere il mercato che è strettamente controllato.

Nei domini britannici e soprattutto in Australia e Canada, questo periodo è l'attuazione della politica di industrializzazione attraverso le barriere doganali. Se guardiamo il discorso degli industriali negli Stati Uniti, parlano del protezionismo come di una politica per promuovere lo sviluppo industriale. Carnegie è un sostenitore di questa politica per permettere agli Stati Uniti di sviluppare la loro industria e competere con gli inglesi. In Australia e in Canada, vediamo più o meno la stessa cosa che vediamo negli Stati Uniti, ma anche in America Latina. In generale, nei paesi che conservano o ottengono l'autonomia politica, il protezionismo si mantiene fino alla vigilia della prima guerra mondiale.

Ferguson, uno storico economico, nota che l'imperialismo britannico fu una forza trainante della modernizzazione nel XIX secolo. Secondo la sua posizione, questa era una buona cosa, tuttavia, tutti concordano sul fatto che l'impero britannico non è il solo a costringere le sue colonie ad adottare una politica di libero scambio.

Ritorno del protezionismo in Europa: 1879 - 1913[edit | edit source]

Nonostante l'importante passo che i paesi europei fecero sul libero scambio negli anni 1860, questo nuovo regime internazionale non durò a lungo. Una Grande Depressione iniziò nel 1873 e durò fino al 1896. Questa depressione ha sostenuto il livello relativamente basso dei dazi doganali in Europa.

La rivoluzione dei trasporti portò alla globalizzazione del commercio e specialmente del commercio agricolo negli anni 1870, con grandi quantità di grano e prodotti agricoli esportati in Europa.

Importazioni nette di grano (e farina di grano) dal Regno Unito.

A quanto pare, verso la fine del XIX secolo, la concorrenza è diventata molto importante. La situazione è diffusa. L'aumento della concorrenza contribuisce a una diminuzione strutturale dei prodotti agricoli in tutto il mondo e soprattutto per gli agricoltori europei. Gli agricoltori europei che devono affrontare le esportazioni dai paesi di pianura come l'Australia, gli Stati Uniti e il Canada chiedono tariffe più alte.

Questo sta portando a una deflazione generale che è stata profonda nelle economie europee per venti anni. Anche gli industriali sono colpiti dalla deflazione, ed è per questo che gli industriali chiedono un ritorno al protezionismo. Queste richieste hanno avuto un grande successo. La risposta più visibile alla crisi del 1873 fu un ritorno al protezionismo nell'Europa continentale nell'ultimo quarto del XIX secolo. Si parla di 1879 perché fu allora che la parentesi liberale della Germania con una nuova tariffa nel 1879 cambiò idea sulla politica commerciale. Il 1879 è ricordato come la fine del periodo di libero scambio e l'inizio di un nuovo periodo protezionista.

La situazione in Germania è interessante perché la crisi gioca un ruolo decisivo nel convincere gli Junker della Germania orientale a sostenere gli industriali. Fino a questo periodo, gli Junker erano piuttosto a favore del libero scambio, poiché esportavano il loro grano attraverso il Mar Baltico. Tuttavia, con l'invasione del grano in Europa, gli Junkers stanno soffrendo per il calo dei prezzi. Bismarck ne approfitta per far funzionare una nuova alleanza politica chiamata "Alleanza della segale e dell'acciaio" che spinge per una politica protezionista. Va notato che Bismarck è lui stesso uno Junker che segna una drastica transizione di politica estera denunciando i trattati dello Zollverein. "Finora, i porti ampiamente aperti alle importazioni hanno fatto di noi una discarica per la sovrapproduzione di prodotti stranieri". L'idea del dumping porta la nazione in una spirale deflazionistica.

Questo può essere visto in tutti i paesi europei, ma ci sono alcune eccezioni. Il Regno Unito rimase un libero commerciante fino allo scoppio della prima guerra mondiale. Possiamo vedere che la pressione protezionista aumenta in Gran Bretagna con l'opposizione alla politica di Cobden, ma i sostenitori del protezionismo non sono riusciti ad applicare politiche protezionistiche prima della prima guerra mondiale.

Il pensiero economico va verso il libero scambio nel XIX secolo, il mondo industriale è simile a quello del 1815. I paesi liberali rimangono isole. D'altra parte, per i paesi autonomi, ci sono tendenze piuttosto protezionistiche e i paesi colonizzati sono sottoposti a trattati che li obbligano a ridurre le barriere doganali.

Spiegazioni della politica commerciale dei diversi paesi[edit | edit source]

Perché la Gran Bretagna sta seguendo la strada del libero scambio?

Elementi domestici[edit | edit source]

Abbiamo suggerito l'importanza dell'interesse economico in una battaglia tra industriali e agricoltori. La Gran Bretagna non è così efficiente nella produzione di grano come i paesi di pianura rendendo il prezzo del grano più alto che a Chicago o in Ticino. Gli industriali britannici preferiscono prezzi del grano più bassi per rendere i prezzi più convenienti e giustificare salari più bassi. Questo è un argomento economico in cui vediamo un'opposizione tra agricoltori e industriali in Gran Bretagna.

Prezzi del grano.

Il processo di industrializzazione si intensificò nel corso del XIX secolo. Alla fine, gli industriali ebbero successo contro l'agricoltura semplicemente a causa della loro crescente importanza nell'economia britannica, il che spiega in parte le forze che portarono la Gran Bretagna al libero scambio. Tuttavia, questa tesi è troppo semplicistica.

Il cambiamento nell'equilibrio di potere tra gli industriali e i contadini nell'economia britannica non influenzò immediatamente la politica britannica. Anche nei primi anni 1840, gli industriali non controllavano la politica del paese. I whigs tentarono di dominare il paese nel 1841, ma persero il potere. In effetti, la situazione politica in Gran Bretagna è un rompicapo, perché il partito conservatore è salito al potere nel 1841 e si è impegnato a proteggere gli agricoltori. La nobiltà continuò a dominare la Camera dei Comuni nel 1846 e fu il loro leader Robert Peel che abrogò le leggi sul mais. C'è una situazione in cui la nobiltà agisce in modo irrazionale in termini di interessi economici.

Tuttavia, se ci prendiamo più tempo per capire i veri interessi economici dei grandi proprietari di fattorie, questo paradosso può essere risolto. Se guardiamo agli agricoltori, con la diffusione dell'industrializzazione, alcuni proprietari stanno diversificando i loro portafogli per diversificare i loro investimenti in ferrovie, miniere e industria, tra le altre cose. Per questo motivo, alcuni proprietari stanno diventando piuttosto neutrali e persino leggermente positivi nei confronti del libero scambio.

È possibile sfumare l'analisi degli interessi economici, ma c'è qualcosa che può essere spiegato sulla base di un'analisi degli interessi economici. Possiamo vedere che abbiamo bisogno di altre idee e dobbiamo mescolare gli argomenti per spiegare la svolta del 1846.

Stiamo ancora cercando un argomento convincente e completo. È possibile guardare un altro elemento spesso sottolineato da storici e specialisti, che è l'ascesa di un'ideologia di libero scambio nel Regno Unito nel XIX secolo. È vero che stiamo assistendo a un aumento di questa ideologia, ma nonostante l'aumento di questa ideologia, se guardiamo i voti tra il 1841 e il 1845 e l'opposizione presa dai Tories e dal Partito Conservatore, non c'è nessun cambiamento nel loro voto per un maggiore protezionismo. Non vediamo un cambiamento nel loro atteggiamento. Le idee cambiano in relazione a uno shock esterno che è la carestia irlandese del 1845.

Abbiamo bisogno di un mix di argomenti per spiegare questo cambiamento. Prima di tutto, ci siamo concentrati sugli aspetti strutturali. Senza la carestia irlandese, dato che vediamo cambiamenti strutturali che portano a un movimento verso il libero scambio, ci sarebbe stato un altro shock che avrebbe portato la Gran Bretagna nella stessa direzione?

Per quanto riguarda l'elemento interno, vediamo l'importanza degli interessi politici e come sono organizzati. Il ruolo delle istituzioni ci permette di concentrarci sulle strutture statali e politiche e sugli individui che ne sono responsabili. Il ruolo delle idee è che la politica commerciale riguarda sistemi di credenze o idee.

Elementi internazionali[edit | edit source]

La politica commerciale di un paese deriva anche dalla posizione di ogni nazione sulla scacchiera politica, militare, diplomatica, economica e finanziaria internazionale.

Interazioni tra Stati[edit | edit source]

Nel caso dell'esempio britannico, si tratta di un paese importante, il più potente del mondo in termini economici in quel momento. Gli industriali sono sicuri di fare una campagna per il libero scambio perché sanno che domineranno i mercati internazionali. Inoltre, poiché l'Inghilterra ha una potente marina che le permette di dominare i mari, le permette di assicurarsi le sue fonti di approvvigionamento da altrove.

Se guardiamo la stessa gerarchia di un paese dal basso, possiamo parlare di relazioni coercitive, i paesi sono obbligati o direttamente come colonia o indirettamente come dipendenza a seguire la politica di un paese.

Diffusione della politica[edit | edit source]

Inoltre, non c'è bisogno di rappresentare le relazioni interstatali in modo gerarchico, c'è la possibilità di imparare e fondere le politiche. Ci sono anche processi di infatuazione. Per certe politiche, in particolare il libero scambio e le politiche monetarie, Bismarck guarda alla Gran Bretagna e ritiene che la sua politica monetaria spieghi la sua ricchezza.

Les tendances dans le commerce international[edit | edit source]

On peut voir des possibilités de décalage entre politique libre-échangiste et les importations et les exportations. Avec les Corn Laws, les agriculteurs redoutent le pire avec l’invasion des blés étrangers et l’effondrement des prix.

Importations nettes de blé (et farine de blé) du Royaume-Uni.

Dans ce tableau on voit les effets à terme. Il faut attendre un certain temps afin d’avoir cette invasion parce que même s’il y existe du blé qui coûte moins cher en 1846, les coûts de transport sont encore élevés en 1846. C’est-à-dire que le libre-échangisme en soi n’est pas capable lui seul de promouvoir la croissance du commerce international. La chute des coûts de transport peut compenser un protectionnisme très fort.

Malgré le fait que le XIXème siècle se termine avec un fort protectionnisme, le commerce entre les pays du monde entier connaît une croissance historique. La croissance annuelle est de 3,5% au cours du XIXème siècle contre 1% de 1500 à 1800. Par conséquent, l‘importance des échanges extérieurs des pays par rapport à leur économie progresse nettement, ces économies deviennent de plus en plus ouvertes.

Exportations de marchandises pour quelques pays développés en 1910.

Les exportations représentent 2% du PNB en 1830, en 1860 c’est 9% et en 1913 on parle de 14%. Il y a une augmentation de l’ouverture de l’économie européenne. L’expansion des échanges touche de façon inégale les différents pays. Ces différences reflètent plusieurs éléments, mais surtout la taille différente des économies. On le voit clairement avec les États-Unis, car si on regarde le niveau des exportations, elles arrivent presque au même niveau en valeur absolue que celles de la Grande-Bretagne, mais ne compte que pour 6% du PIB alors qu’au Royaume-Uni on parle de 18%.

L’importance des échanges de l’éventuel tiers-monde progresse aussi. Si on regarde les estimations, la part des exportations entre 1830 et 1913 augmente d’à peu près de 2% à 19%.

Commerce international en produits manufacturés.

Les pays européens dominent le commerce international en produits manufacturés. D’une manière plus générale, la participation du pays dans le commerce international est étroitement liée à la structure de son économie. À la fin de la période, l’excédant des exportations est impressionnant pour la Grande-Bretagne alors que pour l’Amérique latine c’est le contraire. C’est typique parce que c’est une région qui a du mal à s’industrialiser.

Commerce international en produits bruts – US$ billions.

Il faut reconnaitre que malgré le fait que l’on voit une intensification de l’industrialisation, lorsqu’on regarde une distribution du commerce international du monde, même si ce commerce devient de plus en plus important, on voit que quand même le commerce international en termes de produit brut devient de plus en plus important. La Grande-Bretagne dépend d’autres pays pour ses produits bruts, la taille du déficit augmente pendant cette période. Pour l’Amérique latine, la situation est différente.

Apparaissent certains cas où il y a les deux choses en même temps avec des capacités en produit manufacturé et des ressources naturelles à exploiter.

È necessario avere una politica di libero scambio per promuovere lo sviluppo economico?[edit | edit source]

La risposta è più del 90% "sì" per gli specialisti della domanda. Tuttavia, questo argomento crea un grosso problema per i sostenitori del libero scambio. Per esaltare i vantaggi del libero scambio, la Gran Bretagna è il modello da seguire perché ha seguito una politica di libero scambio dal 1846 al 1913.

Questo paese era già altamente industrializzato prima di fare la transizione al libero scambio con un vantaggio economico dietro le tariffe. È il fatto che sono consapevoli del vantaggio della Gran Bretagna e delle loro origini che i concorrenti britannici non si vergognano di attuare politiche protezionistiche, è l'idea del protezionismo educativo per difendere la sua industria dietro le barriere doganali che si trovano in Germania e negli Stati Uniti.

Commercio internazionale: manufatti e lordo, miliardi di dollari.

L'esperienza dei paesi sviluppati è una sfida al libero scambio. Il protezionismo e non il libero scambio secondo i dati sarebbe un fattore di crescita. Ma questo non tiene conto di altri esempi di paesi che non hanno la stessa crescita nonostante le politiche protezionistiche. Hanno evitato la stessa trappola in altri con una forte relazione tra protezionismo e crescita economica.

Allegati[edit | edit source]

Riferimenti[edit | edit source]