Actions

Impero della Libertà o Repubblica Imperiale (1890 - 1939)?

From Baripedia


Affronteremo la questione del posto della democrazia nella politica estera americana. La prima sequenza cronologica copre gli anni novanta del XIX secolo fino alla fine del periodo tra le due guerre, la seconda dalla seconda guerra mondiale alla fine degli anni ottanta e la terza dalla fine della guerra fredda ad oggi.

Perché il 1890 come pietra miliare cronologica fin dall'inizio? Dal punto di vista della politica estera statunitense e della proiezione internazionale, il 1890 è un anno cruciale perché è un periodo segnato da un processo di espansione estremamente importante. Questa espansione ha un carattere originale che è la proiezione internazionale degli Stati Uniti, della politica estera degli Stati Uniti e della politica di potere degli Stati Uniti. Questa originalità è dovuta a diversi punti:

  • il fatto che è piuttosto poco caratterizzato da conquiste territoriali;
  • c'è l'idea dell'espansione, della diffusione della democrazia americana, cioè di un regime politico che gli Stati Uniti considerano superiore a quello degli altri, e la loro concezione della democrazia è la certezza di aver raggiunto una sintesi politica perfetta entro la fine del XVIII secolo. Questo elemento è al centro della politica estera americana;
  • quindi c'è l'aspetto fondamentale per conquistare i mercati esteri. La dimensione economica è intimamente legata alla dimensione politica.

La questione del ruolo della democrazia nella politica estera americana deve essere considerata. Non si tratta affatto di adottare una prospettiva di età, né è una prospettiva emancipatrice dicendo che il discorso sulla democrazia è uno schermo per nascondere la politica imperialista statunitense. Dobbiamo prenderlo alla lettera. È la questione del regime democratico e della sua installazione internazionale come obiettivo storico della politica estera americana. C'è la questione della democrazia, che aspetto ha, com'è questa politica estera e quali sono le sue misure? L'idea è di capire che la promozione della democrazia è un filo conduttore della politica estera americana con l'idea fondamentale che la promozione della democrazia è assolutamente inseparabile dalla promozione degli interessi nazionali americani. La diffusione della democrazia è parte integrante della politica di sicurezza ricercata dagli Stati Uniti, perché dalla fine del XVIII secolo l'idea è che se si promuove la democrazia, si rafforza la sicurezza nazionale, perché si creano regimi amichevoli. C'è un'inseparabilità tra la promozione di un tipo di regime politico e la promozione degli interessi americani.

Se guardiamo a quanto è accaduto nel XIX secolo, dopo il fallimento delle rivoluzioni del 1848 e la reazione conservatrice degli anni '50 e '60 del XIX secolo, la questione democratica è diventata una questione nazionale all'interno di ogni paese. Quello che è interessante con gli Stati Uniti è che la democrazia sta tornando a essere una questione internazionale e gli Stati Uniti la vedono come una questione ideologica e di relazioni internazionali. Dalla fine del XIX secolo in poi, ci fu un'ascesa del potere americano, e con la rivoluzione russa del 1917, il tema della democrazia si affermò gradualmente al centro della politica internazionale. La Rivoluzione russa è stata infatti sia il rovesciamento del regime zarista sia una sfida alla concezione europea della democrazia, contro la quale ha preso posizione. Uno dei fili conduttori della politica estera americana fu, a partire dal 1917, proporre una risposta. Ci sono già due sistemi che si fronteggiano già prima della guerra fredda del 1947.

Contents

Gli inizi dell'impero americano[edit | edit source]

Gli anni novanta del XIX secolo sono stati un momento di fondazione estremamente importante.

L'imperialismo in discussione[edit | edit source]

Scena alla firma della Costituzione degli Stati Uniti, di Howard Chandler Christy. Questo grafico raffigura i 33 delegati che hanno firmato la Costituzione.

La questione dell'imperialismo è stata dibattuta all'interno della classe politica e della società statunitense fin dagli anni novanta del XIX secolo, quando fu finalizzata l'unificazione del territorio, e molti si chiedono se il confine debba essere spinto oltre i limiti del continente americano. C'è un importante dibattito sull'opportunità di conquistare un impero o di fermare l'espansione territoriale. Si tratta di un dibattito che si svolgerà dalla fine degli anni Ottanta del XIX secolo all'inizio del XX secolo. Pro-imperialisti e anti-imperialisti si scontreranno. Alla fine del XX secolo, gli Stati Uniti sono l'unico paese che non ha ancora un impero.

Gli antimperialisti sollevano tutta una serie di ragioni:

  • argomento economico: un impero deve essere conquistato, deve essere mantenuto, è costoso. Gli Stati Uniti come paese abbastanza ricco non ne hanno bisogno;
  • argomento politico: se gli Stati Uniti cominciano a conquistare un impero, contraddicono i principi fondanti della democrazia americana e sprofondano nell'imperialismo;
  • argomento razziale: se gli Stati Uniti dovessero mai conquistare un impero coloniale, scatenerebbe una migrazione che porterebbe a una diluizione della razza bianca a causa della migrazione per annessione. Un impero coloniale importerebbe tutta una serie di altre "razze" che indebolirebbero la razza bianca. Le élite americane stanno sviluppando il discorso del WASP America a questo punto della storia. Si tratta di una domanda interessante in termini di storia transnazionale. C'è una coincidenza cronologica tra il dibattito sull'imperialismo negli Stati Uniti e l'applicazione delle leggi sulla segregazione. In un certo senso ci si potrebbe chiedere se l'introduzione della segregazione abbia frenato l'imperialismo territoriale.

Gli imperialisti sostengono che gli Stati Uniti devono conquistare il loro impero, andare a "giocare" con le altre potenze europee:

  • argomento economico: le colonie sono una garanzia di ricchezza economica, soprattutto con le risorse naturali che possono essere sviluppate, ma sono anche punti di appoggio e di collegamento con i nuovi mercati. In un contesto in cui le aziende americane sono in crescita e alla ricerca di nuovi mercati, l'argomento economico viene utilizzato in modo importante;
  • argomento strategico: la conquista delle colonie e delle postazioni commerciali permette di costruire basi navali. La potenza militare si misura con la marina, per questo è necessario conquistare i porti e controllare il loro entroterra;
  • argomento razziale: è l'idea che, avviando un processo di colonizzazione, si porta la civiltà e si assume il "peso dell'uomo bianco".

È un dibattito che sta infuriando nella società, soprattutto nei media e negli ambienti politici, ma che si concluderà quando gli Stati Uniti inizieranno a creare un impero. Ci sarà un processo di costruzione dell'impero alla fine del 1890, ma sarà relativamente breve. Dall'inizio del XX secolo, gli Stati Uniti sotto il presidente Roosevelt teorizzeranno un nuovo tipo di espansionismo che non è conquista.

La conquista di un impero[edit | edit source]

Dal momento in cui gli Stati Uniti sono unificati, alcuni ritengono che si debba estendere il territorio degli Stati Uniti e intraprendere una politica imperialista nel senso di costruire un impero, estendendo il dominio oltre i suoi confini e non necessariamente in senso territoriale, poiché questo imperialista è un imperialista non territoriale.

Si tratta di capire se l'imperialismo americano è un incidente. Il governo degli Stati Uniti può essere stato spinto dalle pressioni e aver accettato situazioni di fatto, ma il processo di espansione degli Stati Uniti non è casuale, è il risultato di un processo.

Infine, il processo di espansione iniziò negli anni Settanta del XIX secolo e proseguì negli anni Novanta del XIX secolo. Se prendiamo il caso dell'arcipelago samoano, inizia con un semplice trading post nel 1872. Il Pacifico è una vasta area con forti inimicizie imperialiste. In tutta questa zona, ci sono grandi scontri tra francesi, inglesi e olandesi per il possesso di questi posti di commercio e luoghi di risorse naturali. Dalla fine degli anni Settanta del XIX secolo gli Stati Uniti iniziarono a negoziare, discutere con gli inglesi, i tedeschi e i francesi sulla regione del Pacifico e in particolare con i tedeschi e gli inglesi, il che, dagli anni Ottanta del XIX secolo agli anni Novanta del XIX secolo, portò alla creazione di un condominio fino all'annessione della parte orientale dell'arcipelago da parte degli Stati Uniti nel 1899. Per le isole Hawaii, lo stesso processo che fu un semplice posto di scambio, nel 1875 gli Stati Uniti stabilirono una base a Pearl Harbour fino all'annessione nell'agosto del 1898. L'equilibrio di potere era estremamente sbilanciato. Il processo di stanziamento si svolge nell'arco di circa 15 anni. Per le Hawaii, è un'isola strategica, e non c'è modo che i concorrenti possano stabilirvisi.

La svolta maggiore nella costituzione dell'impero coloniale fu la guerra contro la Spagna nel 1898, che portò a un cambiamento di sovranità di Cuba, Portorico, Guam e Filippine. Le Filippine sono state inizialmente sottratte alla Spagna, ma una ribellione ha portato a una guerra tra il 1899 e il 1902 che permetterà agli Stati Uniti di stabilirsi definitivamente fino agli anni Trenta del secolo scorso. Allo stesso tempo, la regione di Panama che faceva parte della Grande Colombia vivrà nel 1903 una ribellione contro la potenza colombiana sostenuta dagli Stati Uniti che garantirà l'indipendenza di Panama in cambio di una forte presenza americana.

Mentre stiamo discutendo se ci debba essere o meno un impero coloniale, alla fine degli anni Novanta del XIX secolo, di fatto, c'era un piccolo impero coloniale. Negli anni novanta del XIX secolo, la colonizzazione è diventata una questione politica.

Impero della libertà?[edit | edit source]

Soldati americani in movimento vicino a Manila, 1899.

Quali sono le caratteristiche di questo impero, qual è la sua originalità. Questo solleva la questione dell'Impero della libertà posta da Jefferson. Gli Stati Uniti promuoverebbero un diverso tipo di imperialismo. Quando guardiamo alla pratica dell'imperialismo, da un lato gli Stati Uniti conquistano un impero come qualsiasi potenza coloniale con una conquista militare. Le guerre coloniali americane sono violente quanto le guerre coloniali europee, che sono condotte con lo stesso pregiudizio razziale in un contesto di segregazione. La coincidenza di questi due elementi è significativa. Se prendiamo il caso della guerra nelle Filippine del 1899 - 1902, si tratta di un conflitto coloniale alla lettera con 200.000 soldati americani sul posto con la dimensione razziale estremamente presente.

Alla fine, gli Stati Uniti procederanno abbastanza rapidamente all'annessione dei territori di cui abbiamo parlato e troveranno presto soluzioni giuridiche diverse perché l'annessione pone dei problemi. Annettere un territorio significa integrarli negli Stati Uniti e renderli coloniali dei cittadini americani, e poiché sono razze inferiori, immigreranno e contribuiranno alla riduzione e all'indebolimento della razza bianca. Gli Stati Uniti hanno trovato un modo diverso di colonizzare e far vivere il loro imperialismo con una fioritura di statuti giuridici che troveranno statuti da annettere senza annettere.

Pagina uno dell'emendamento Platt.

Per esempio, Guam e Portorico sono prima annessi, ma noi cambieremo lo status inventando statuti specifici. Con il Foraker Act del 1900, Porto Rico non fu più annesso, ma divenne un "territorio non incorporato", cioè un territorio in cui la cittadinanza americana fu estesa ai portoricani, ma non potevano beneficiarne. La cittadinanza è stata data a Porto Rico nel 1917 senza dare ai portoricani il diritto di eleggere il Presidente degli Stati Uniti. Dal 1900 ha lo status di territorio non incorporato con cittadinanza limitata. Oggi, Porto Rico è ancora uno stato associato libero con uno status speciale. Sarà lo stesso per Guam, che diventerà un territorio non incorporato, Cuba e le Filippine saranno prima annesse e poi diventeranno protettorati. A Panama, ci sarà uno status di "sovranità titolare" stabilito dagli Stati Uniti sull'area del territorio lungo il canale. Panama è un territorio indipendente garantito dagli Stati Uniti, ma nella zona del canale gli Stati Uniti hanno la sovranità titolare. In particolare, quando si parla di Impero della Libertà, dal momento in cui gli Stati Uniti si insedieranno nei diversi territori, ci sarà una presenza fisica ed economica, ma anche una volontà di rimodellare il panorama politico locale con le prime esperienze di "nation building". Ciò è particolarmente evidente a Cuba con l'emendamento Platt del 1901 e nelle Filippine, dove gli americani cercheranno di riprodurre il modello americano in situ riformando le istituzioni politiche con la completa abolizione della legislazione spagnola e l'istituzione di un sistema politico sul modello del loro modello con un regime bicamerale, un sistema federale, una Corte suprema, un codice civile, un sistema elettivo censorio, università e scuole di legge, al fine di formare élite politiche e rafforzare le oligarchie locali. È l'idea di creare da zero una democrazia all'americana in questi territori, soprattutto con l'americanizzazione del sistema politico filippino.

William Howard Taft nel 1909.

Il primo governatore delle Filippine americane è William H. Taft, che diventerà presidente degli Stati Uniti, chiedendoci della dimensione transnazionale perché le cose sono vissute negli imperi coloniali prima ancora di essere applicate negli Stati Uniti. Le colonie possono essere un laboratorio politico per gli Stati Uniti. Nell'impresa coloniale c'è la volontà di creare regimi democratici a immagine e somiglianza degli Stati Uniti, caratteristica della politica americana e che non esiste affatto nell'impresa coloniale europea.

Il Corollario Roosevelt[edit | edit source]

La lettera in cui Roosevelt ha usato per la prima volta la sua ormai famosa frase.
Il cartone animato del 1904 di William Allen Rogers ricrea un episodio di Viaggi di Gulliver.

Per quanto la Dottrina Monroe fosse una dichiarazione d'intenti per separare radicalmente gli affari delle donne latinoamericane dagli affari dell'Europa, il corollario della Dottrina Monroe nel 1904 fu che Roosevelt, il cui motto era "parla piano e porta un grosso bastone, andrai lontano", si riservava il diritto di intervenire in America Latina.

Stiamo passando da una fase della dottrina Monroe in cui c'è una radicale separazione delle questioni europee a una fase all'inizio del XX secolo in cui gli Stati Uniti teorizzeranno il loro diritto di intervenire in questi settori dal momento in cui i loro interessi economici e politici sono minacciati. A quel tempo l'America Latina e centrale, poi l'America del Sud, divenne un cortile statunitense con interventi a Panama nel 1903, a Cuba nel 1906, che stava vivendo un periodo di disordini, e all'isola di Santo Domingo tra il 1905 e il 1941, che divenne un protettorato a seguito di disordini politici e problemi economici. Nel caso di Santo Domingo, possiamo vedere come questa installazione sia stata fatta anche per espellere le potenze europee da queste regioni. L'isola di Santo Domingo era estremamente indebitata con Francia, Gran Bretagna e Germania e gli Stati Uniti prenderanno il controllo delle dogane e del commercio dominicano. Non c'è un'acquisizione politica, ma i settori strategici sono stati rilevati dagli americani, che stanno creando un protettorato un po' diverso da Cuba. Il controllo dell'isola è nelle mani degli americani. Il protettorato di Santo Domingo e in quasi tutti gli altri non è stabilito da un "trattato" ma da un "accordo esecutivo" che permette al presidente di scavalcare l'approvazione del Senato. Si può vedere come la politica imperialista perseguita dagli Stati Uniti in quel periodo si svolga nel quadro di una opposizione abbastanza forte tra il presidente e il Congresso e gli accordi di protettorato fanno parte dell'affermazione della prerogativa presidenziale nei confronti del Senato, che spesso si trova su posizioni più maltusiane dal punto di vista dell'espansione territoriale.

Il corollario di Roosevelt è un momento in cui gli Stati Uniti stanno teorizzando il loro diritto di intervenire al di fuori del territorio statunitense e in particolare in America Latina e centrale. È sia la formazione di un impero stricto sensu perché gli Stati Uniti hanno conquistato un impero in modo simile a quello europeo, ma allo stesso tempo viene messa in atto una costruzione giuridica. In definitiva, si tratta di un tipo di dominio diverso in quanto la presenza è meno forte, si basa su contratti anche se forzata, e con una volontà di importare regimi democratici che non è quella dei colonizzatori europei.

La nascita dell'imperialismo morale[edit | edit source]

Vedremo l'originalità del processo di espansione. La nascita dell'"imperialismo morale" è un segno dell'originalità del processo imperialista statunitense.

Diritto internazionale e civiltà[edit | edit source]

Un aspetto importante da comprendere nella comprensione della specificità dell'espansione americana è il ruolo del diritto, che è inseparabile dalla certezza della missione civilizzatrice degli Stati Uniti. Dalla fine del XIX secolo, il movimento internazionale dell'arbitrato si è sviluppato negli Stati Uniti come in Europa. C'è tutta una corrente che è un movimento del movimento pacifista considerando che le relazioni internazionali devono essere regolate dalla legge, dal contratto e non dalla forza e dalla guerra. Ci sarà un numero enorme di organizzazioni che saranno coinvolte nell'attuazione del diritto internazionale, che non esiste. La legge è storicamente costruita su basi nazionali.

Con l'idea che le relazioni internazionali debbano essere regolate dalla legge, alla fine del XIX secolo sono state create tutta una serie di organizzazioni, come la Lake Mohonk Conference on International Arbitration nel 1895, l'American Society for Judicial Settlement of International Disputes e il Carnegie Endowment for International Peace nel 1910, che è sia un think tank che promuove la ricerca sul diritto internazionale. Queste organizzazioni sono guidate da giuristi e avvocati, molti dei quali proseguiranno la loro carriera politica, come Taft, che ha fondato l'American Society for Judicial Settlement of International Disputes ed è diventato Presidente degli Stati Uniti.

Si tratta di organizzazioni al crocevia tra pubblico e privato con una profusione di organizzazioni che lavoreranno su ciò che è il diritto internazionale, che teorizzeranno ciò che è il diritto internazionale e teorizzeranno la posizione degli Stati Uniti sulla scena internazionale basata non solo sulla base militare ma anche sul diritto. C'è l'idea che gli Stati Uniti debbano imporsi sulla scena internazionale in modi diversi dalla forza militare.

Infatti, quando guardiamo alla struttura della linea politica americana in questo momento, vediamo che ci sono molti avvocati, avvocati che hanno carriere politiche ad altissimo livello, sia sul versante repubblicano che su quello democratico. Molti dei leader politici di fine Ottocento e inizio Novecento occupavano posizioni chiave nell'apparato statale.

Da parte repubblicana:

  • Elihu Root, Segretario di Stato 1905 - 1909
  • William H. Taft, Presidente degli Stati Uniti 1909 - 1913
  • Frank Kellog, Segretario di Stato 1925 - 1929
  • Henry Stimson, Segretario di Stato 1929 - 1933

Dal lato dei Democratici:

  • Woodrow Wilson, Presidente 1913-1921
  • William Jennings Bryan, Segretario di Stato 1913 - 1915
  • Robert Lansing, Segretario di Stato 1915 - 1920
  • Brainbridge Colby, Segretario di Stato 1920 - 1921

Si tratta di persone la cui attività di avvocato internazionale è inseparabile dalla loro attività nel sistema politico americano. Possiamo vedere come l'istituzione del diritto internazionale sia parte di una strategia statunitense. Gli Stati Uniti svolgeranno un ruolo importante nell'istituzione del diritto internazionale le cui regole corrispondono il più possibile alle norme in vigore negli Stati Uniti. La legge è importante nella strategia di ascesa degli Stati Uniti.

Woodrow Wilson: un personaggio complesso[edit | edit source]

C'è un cardine cronologico legato a una figura di spicco della politica americana nell'affermazione dell'imperialismo morale che è il periodo delle due presidenze Wilson dal 1912 al 1920. Wilson è una figura di spicco nell'affermazione dell'imperialismo morale. Egli sintetizza tutta una serie di elementi che si manifestano molto chiaramente a partire dal decennio 1910 nella strategia espansionistica americana. Possiamo vedere come l'imperialismo morale, che è la specificità dell'espansionismo americano con diverse caratteristiche, stia giungendo a maturità:

  • La forza del diritto e della democrazia: è l'idea che il diritto e la democrazia debbano essere i principi fondanti e organizzativi delle relazioni internazionali. Nella concezione e nel discorso, la forza del diritto deve essere uno degli aspetti principali nell'emergere di nuove relazioni internazionali;
  • La divina provvidenza: c'è una dimensione religiosa con la missione degli Stati Uniti in senso divino con il discorso del Manifesto del Destino;
  • La superiorità del modello americano: è la certezza della superiorità del modello americano;
  • una visione del mondo: è un imperialismo mondiale, perché le potenze europee hanno visioni in termini di blocco, mentre gli Stati Uniti penseranno un unico mondo su scala globale.
Il Presidente Wilson chiede al Congresso di dichiarare guerra alla Germania il 2 aprile 1917.

L'imperialismo morale e l'ascesa degli Stati Uniti sulla scena internazionale sono inseparabili dall'ascesa dello stesso Wilson e attraverso di lui la figura presidenziale nel sistema politico statunitense. La prospettiva transnazionale è molto importante perché vediamo come gli aspetti esterni interagiscono con quelli interni. Il Senato e il Congresso in generale sono sempre su una linea meno espansionistica rispetto al presidente. I periodi di espansione corrispondono spesso ad affermazioni della funzione presidenziale. Esiste un'importante connessione tra gli aspetti interni ed esterni. La presidenza di Wilson è una cerniera importante in questo processo.

Nelle relazioni internazionali, Wilson si limita spesso alla Prima Guerra Mondiale e ai Quattordici Punti. In concreto, l'imperialismo morale si cristallizza a questo punto perché c'è la prima guerra mondiale, ma anche tutta una serie di rivoluzioni in Russia, in Cina, ma anche in Messico. Queste rivoluzioni si svolgono sotto forma di una sfida alla democrazia europea. L'imperialismo morale wilsoniano è una risposta a queste rivoluzioni con la promozione della democrazia americana su scala globale. Nell'imperialismo morale c'è l'idea di una risposta a queste diverse rivoluzioni. I quattordici punti di Wilson sono prima di tutto una risposta alle diverse rivoluzioni, ma soprattutto una risposta alle convinzioni interiori di Lenin.

Wilson è un personaggio complesso perché c'è il paradosso di un personaggio che è il paladino della democrazia teorizzando la democrazia come soluzione globale per condurre le relazioni internazionali verso una nuova era, in particolare con il diritto internazionale, ma non esita a usare la forza in America Latina quando lo ritiene necessario nel momento stesso in cui teorizza la Società delle Nazioni. La presidenza di Wilson è un momento assolutamente importante nella cristallizzazione dell'imperialismo "all'americana", che è un imperialismo di libertà, un imperialismo non territoriale, un imperialismo morale.

America Latina: Il Laboratorio della Diplomazia di Wilsonian[edit | edit source]

C'è l'idea di vedere Wilson da una prospettiva globale. Prima di vedere Wilson in Europa, bisogna vederlo in America Latina. Il laboratorio della politica estera di Wilson è l'America Latina. L'idea che la democrazia debba imporsi senza intervento militare è di fatto messa in discussione. È una tesi impossibile tra l'idea che i paesi siano democratici e l'idea che l'ordine debba regnare all'interno. Dobbiamo "insegnare ai sudamericani come eleggere buoni leader", Wilson non esiterà a intervenire:

Carte-amerique-centrale-1024x769.png
  • Nicaragua, 1912 - 1925, 1926 - 1934
  • Messico, 1914
  • Haiti, 1915 - 1934
  • Repubblica Dominicana, 1916 - 1925
  • Cuba, 1917
  • Panama, 1918

Possiamo vedere come, in questa parte dell'America Latina, la politica wilsoniana userà come pretesto sia la retorica della democratizzazione che l'intervento militare. La posizione di Wilson a questo proposito è la continuazione del corollario di Roosevelt. Dal punto di vista delle concezioni di politica estera, i democratici erano molto isolazionisti e Wilson è il primo presidente democratico ad affermare opinioni espansionistiche nella stirpe dei presidenti americani e in particolare di Theodore Roosevelt. L'America Latina è il laboratorio della diplomazia wilsoniana.

La prima guerra mondiale e la globalizzazione del Progetto Wilsoniano[edit | edit source]

La prima guerra mondiale è stato un momento importante per la globalizzazione del progetto wilsoniano. Fino al 1917, la politica wilsoniana era limitata al continente americano, ma la prima guerra mondiale vide gli Stati Uniti entrare sulla scena mondiale. Inizialmente gli Stati Uniti erano neutrali, ma in seguito a un'inversione di opinioni, gli Stati Uniti entrarono in conflitto dal 1917 al 1918, portando ai Quattordici Punti.

I Quattordici Punti sono la risposta alla rivoluzione russa, che ha denunciato l'imperialismo delle potenze europee. Attraverso questi Quattordici Punti, Wilson afferma il ruolo degli Stati Uniti sulla scena internazionale. Il discorso dei Quattordici Punti fu pronunciato l'8 gennaio 1918, in occasione dell'anniversario del primo discorso di George Washington alla nazione americana, che è il precursore del discorso dello Stato dell'Unione, tranne che per il Congresso. È un simbolo dell'idea della missione mondiale degli Stati Uniti.[4] È un'affermazione del ruolo degli Stati Uniti nelle relazioni internazionali. Esso stabilisce un nuovo quadro di riferimento per le relazioni internazionali con l'istituzione del diritto internazionale come normale quadro di riferimento. Attraverso l'idea di una risposta alla rivoluzione russa emerge un'opposizione tra un modello americano e uno sovietico.

Wilson propone attraverso i Quattordici Punti:

  • finire la diplomazia segreta: la volontà di porre fine alla diplomazia segreta che è considerata tra i responsabili della dichiarazione della prima guerra mondiale;
  • Il giorno della conquista e dell'aggrandizzazione è passato": Wilson promuove una pace senza annessione territoriale;
  • Il diritto dei popoli all'autogoverno: per chi è in grado di farlo;
  • disarmo mondiale;
  • creazione della Società delle Nazioni.

È facile vedere come, da un lato, ci sia stata la vecchia concezione wilsoniana e, dall'altro, le concezioni leniniste che promuovono due sistemi politici antinomici, cioè l'estensione dei principi della democrazia americana al mondo intero e la rivoluzione proletaria mondiale e l'emancipazione dei popoli dominati.

Alla conferenza di pace del 1919, Wilson impose il suo programma, ma non aveva familiarità con la situazione europea. Questa mancanza di conoscenza della situazione europea lo isola. Da questo punto di vista, Wilson non aveva intenzione di imporre le sue soluzioni, ma ciò che lo interessava era l'immagine globale di una società che funzionava secondo i principi del diritto con la Società delle Nazioni. Egli rifiuterà di discutere i dettagli delle situazioni e accetterà la creazione del sistema dei mandati.

Il periodo tra le due guerre: la fine del messianismo democratico?[edit | edit source]

Il periodo tra le due guerre ha visto un declino del messianismo democratico. In primo luogo, perché il Trattato di Versailles, che avrebbe dovuto firmare il trionfo del diritto all'autodeterminazione dei popoli, non lo è stato. L'accettazione del sistema dei mandati è percepita come un ritiro da Wilson da parte dei paesi colonizzati. Per questo motivo alcuni dei movimenti indipendentisti si rivolgeranno alla parte sovietica, che affermerà senza ambiguità il diritto dei popoli all'autodeterminazione, mentre Wilson è vincolato dalla sua compagnia con le potenze europee. Agli occhi dei partiti indipendentisti, l'URSS diventa più credibile del modello americano.

La delusione per il ritiro americano si confermerà negli anni '30, quando la situazione politica in Europa si aggraverà. Tra il 1935 e il 1939 gli Stati Uniti entrarono in un sistema politico isolazionista con le tre leggi di neutralità che disimpegnarono gli Stati Uniti dagli affari europei. La prima legge sulla neutralità fu il Neutrality Act nel 1935 quando l'Italia invase la Libia, poi fu rinnovata nel 1936 con la guerra di Spagna, e nel 1937 fu approvato il Cash and Carry Act che impegnava gli Stati Uniti a non vendere armi a un paese in guerra se non pagando in contanti e venendo a ritirarle.

Il ritiro del messianismo democratico è un ritiro relativo. Durante il periodo tra le due guerre è stato un completo ritiro, tuttavia, il Wilsonismo è sopravvissuto tra gli attori non governativi e in particolare nell'ambito di fondazioni private come l'Associazione della Società delle Nazioni fondata nel 1922, di fondazioni filantropiche come le Fondazioni Rockefeller e Carnegie o attraverso i sindacati come l'AFL-CIO e Samuel Gompers all'ILO.

Seconda Guerra Mondiale[edit | edit source]

La seconda guerra mondiale è stata un importante punto di svolta nella storia mondiale e americana, in quanto ha continuato il processo di coinvolgimento degli Stati Uniti negli affari internazionali iniziato durante la prima guerra mondiale, che è stato messo in "stand-by" nel periodo tra le due guerre. Dalla seconda guerra mondiale in poi, possiamo parlare di un impegno irreversibile degli Stati Uniti negli affari internazionali.

C'è un paradosso al centro della politica americana, che entrambi affermano principi democratici universali con l'idea di applicare al mondo intero le cose che sono riuscite alla nazione americana, d'altra parte la tentazione di una politica di potere che si basa su questi principi. C'è un equilibrio nella politica americana tra l'affermazione di questi principi e la pratica. L'importante è considerare che non c'è l'uno o l'altro, ma entrambi allo stesso tempo.

Ci occuperemo della questione della diffusione del modello americano con l'importanza della costruzione della democrazia nella politica estera americana. Si tratta di una politica che ha avuto risultati estremamente disomogenei.

Entrare in guerra[edit | edit source]

Con l'entrata in guerra degli Stati Uniti, ci sono diversi temi. L'entrata in guerra degli Stati Uniti non è un fenomeno automatico in quanto è oggetto di discussioni e trattative all'interno dello Stato americano e della macchina amministrativa e in particolare tra il Presidente e la sua amministrazione e più specificamente tra il Presidente e il Dipartimento della Guerra. In tempi di crisi, il presidente è spesso più interventista della sua amministrazione, e d'altra parte, i tempi di crisi sono momenti di affermazione del potere presidenziale rispetto a quello del Congresso. Lo scoppio della seconda guerra mondiale non fa eccezione alla regola; c'è un conflitto tra Roosevelt e la sua amministrazione che va a vantaggio di Roosevelt. Gli Stati Uniti andranno in guerra dopo un processo abbastanza lungo.

Dal 1937 in poi, ci sono alcuni elementi che fanno sì che l'opinione pubblica americana, la classe politica americana e il Presidente si rivoltino gradualmente e siano a favore di un intervento a fianco delle potenze europee. Il 1937 fu l'anno in cui scoppiò la seconda guerra mondiale, un po' a causa dell'invasione della Cina da parte del Giappone, che fu un'affermazione delle ambizioni giapponesi che furono chiaramente dimostrate.

Hitler e i suoi ufficiali, con la Torre Eiffel sullo sfondo.

Il 1938 è importante perché in Europa ci sono persecuzioni antisemite, soprattutto in Germania c'è una violenza senza precedenti, soprattutto durante la Kristallnacht. L'immigrazione ebraica diventa importante, portando la realtà del regime nazista all'attenzione dell'opinione pubblica americana. Nel settembre 1939 scoppia la guerra con l'invasione della Polonia.

Come nel 1914, nel 1939 si pone la questione se gli Stati Uniti debbano rimanere neutrali. Da qui nasce un grande dibattito tra Roosevelt e il suo Senato. Si tratta di stabilire se gli Stati Uniti debbano dichiararsi o meno a favore delle democrazie europee. C'è tutto un momento di attesa. Ciò che davvero metterà in moto la macchina dell'impegno americano è l'invasione della Francia e la caduta della Francia.

La caduta della Francia nel maggio 1940 è simbolicamente importante, perché è stata una delle nazioni che ha vinto la prima guerra mondiale, che si ritiene sia stato il primo anno nel mondo. Fu un vero trauma per i francesi, ma anche per Roosevelt, perché l'opinione americana e Roosevelt, tra gli altri, capì che la Francia non era più una grande potenza. Questo avrà un ruolo importante nella volontà di Roosevelt di schierarsi con le democrazie contro il nazismo.

A partire dal 1940 è stata messa in piedi una macchina, anche se la dichiarazione di guerra non era all'ordine del giorno. C'è un processo di preparazione in particolare con l'organizzazione della coscrizione nel settembre 1940. Soprattutto, il Lend-Lease Act del 1941, che ha rovesciato il Cash and Carry Act del 1937, è una legge che permette agli Stati Uniti di vendere o prestare tutte le possibili attrezzature di cui le democrazie potrebbero aver bisogno. Ciò ha colpito in particolare la Gran Bretagna nel marzo 1941, poiché era praticamente l'unico paese al di fuori del dominio nazista in Europa. Questo è un modo per contribuire allo sforzo bellico europeo senza andare in guerra.

L'entrata in guerra è graduale, non è meccanica e avviene attraverso una serie di gradazioni dalla fine degli anni '30 al 1941.

Le Quattro Libertà[edit | edit source]

Il contesto intellettuale e la giustificazione per andare in guerra è importante nella misura in cui Roosevelt sta per coinvolgere gli Stati Uniti nella guerra, lo fa in nome di una serie di principi, in particolare la difesa della democrazia contro il totalitarismo, che diventerà un filo conduttore del suo discorso. Questo discorso è stato fatto già nel dicembre del 1940, quando gli Stati Uniti sono entrati gradualmente nell'organizzazione di un'economia di guerra anche se non c'era ancora. Era la prima volta che Roosevelt annunciava che gli Stati Uniti dovevano essere "l'arsenale delle democrazie", cioè mettere il proprio apparato industriale al servizio della lotta contro il nazismo anche se non erano entrati in guerra. È anche un modo per preparare l'opinione pubblica a quello che un giorno potrebbe essere l'ingresso degli Stati Uniti nella guerra.

Il 6 gennaio 1941 è la data del discorso sullo Stato dell'Unione, che è una valutazione della situazione dell'Unione all'inizio di ogni anno. Tuttavia, il 6 gennaio 1941, Roosevelt non solo fece un discorso sullo Stato dell'Unione dal punto di vista interno, ma tenne anche il suo discorso sulle Quattro Libertà che riguarda il mondo intero, la lotta contro il nazismo. Questo discorso sullo Stato dell'Unione è anche un discorso sullo Stato del mondo. Nel progetto americano, il confine tra ciò che accade all'interno degli Stati Uniti e ciò che accade all'esterno è estremamente sfumato, in linea con l'idea che il mondo sia un'estensione degli Stati Uniti.

Il discorso offre le famose quattro libertà, che sono quattro libertà necessarie, vale a dire la libertà di parola e la libertà di religione applicate a tutto il mondo, ma derivate dalla costituzione americana, suggerendo la dimensione potenzialmente internazionalizzabile della sintesi politica americana. Infine, la libertà di vivere liberi dal bisogno, che non è contenuta nella costituzione americana, ma che è una conquista del New Deal poiché la libertà di vivere liberi dal bisogno è stata formalizzata nel Social Security Act del 1935, cioè la nascita di un sistema di sicurezza sociale che permette di costituire una rete contro i rischi della vita, la crisi e in particolare la crisi economica. La quarta libertà è la libertà di vivere liberi dalla paura con una professione politica di fede che è quella di una lotta contro il totalitarismo è quella di porre il cursore con una semplice alternativa tra democrazia e totalitarismo.

Attraverso il discorso delle Quattro Libertà, c'è un progetto globale e mondiale che si afferma anche se gli Stati Uniti non sono entrati in guerra. Questo progetto fu ulteriormente chiarito nell'agosto 1941 con la Carta atlantica, che riprese il discorso delle Quattro Libertà e pose la lotta al nazismo e quindi la costruzione o ricostruzione della democrazia al centro delle priorità internazionali degli Stati Uniti. Possiamo vedere come la Carta atlantica sia solo una rinascita o un'estensione del progetto wilsoniano e in particolare come è stata espressa nei Quattordici Punti del 1918. C'è una continuità tra Wilson e Roosevelt. C'è anche l'affermazione del principio anticolonialista che è consustanziale alla politica estera americana e diventa al centro di un progetto che ha una vocazione internazionale con l'idea di farne un principio strutturante di quella che sarà la futura organizzazione del mondo a guerra finita. Nella Carta atlantica si affermava chi saranno i futuri pilastri dell'Organizzazione delle Nazioni Unite che sono in gran parte di origine americana, cioè la pace nel mondo, la democrazia ovunque, l'economia di mercato come legata alla democrazia e la questione della sicurezza sociale.

La divisione delle zone di influenza[edit | edit source]

Alla fine della guerra e proprio mentre il conflitto stava per essere risolto, il punto essenziale era la condivisione di zone di influenza tra coloro che erano diventati i due principali attori e potenze del conflitto, cioè gli Stati Uniti e l'URSS, con tutta una serie di conferenze tenute a Teheran tra novembre e dicembre 1943, a Mosca nell'ottobre 1944, a Yalta nel febbraio 1945, a San Francisco da maggio a giugno 1945, e infine a Potsdam nel luglio 1945. La soluzione delle questioni del dopoguerra è stata portata avanti per diversi anni con una serie di importanti conferenze al vertice che hanno affrontato due tipi principali di questioni: questioni militari e politiche. Le questioni militari erano strategie da attuare in quanto problemi immediati dal punto di vista militare, e le questioni politiche riguardavano ciò che sarebbe successo dopo la guerra. Nel 1944, la questione in gioco non era se la guerra sarebbe stata vinta, ma piuttosto quando. Si sta già instaurando una logica di sistema contro sistema, di concezione contro concezione. Sono due idee estremamente diverse da quello che dovrebbe essere l'ordine geopolitico dopo il 1945.

Les dirigeants alliés à la conférence. De gauche à droite : Winston Churchill, Franklin D. Roosevelt et Joseph Staline.

E 'a Yalta, dove questo è discusso in modo più dettagliato, i principi fondamentali sono:

  • la distruzione definitiva del nazismo, cioè la resa incondizionata;
  • Affermazione che tutti i popoli liberati dovrebbero poter scegliere il regime politico che vogliono adottare con l'idea che le elezioni libere dovrebbero svolgersi ovunque;
  • il fatto che Stalin entrerà in guerra contro il Giappone una volta che la Germania sarà sconfitta per conquistare il Giappone;
  • la ricostituzione e il trasferimento della Polonia in Occidente;
  • l'allargamento del governo provvisorio polacco in modo che il governo polacco sia aperto ai non comunisti. La Polonia è un elemento centrale nella geopolitica dell'Europa orientale come lo era dopo la prima guerra mondiale.

Yalta è stata oggetto di grandi mercanteggiamenti. Roosevelt e Churchill sono pronti a fare grandi concessioni per ottenere in particolare l'impegno militare di Stalin contro il Giappone. A Yalta, quello che la fa franca è Stalin che ottiene molto da Churchill e Roosevelt facendo promesse estremamente vaghe sulle elezioni nell'Europa dell'Est e in particolare in Polonia.

Nel periodo 1944-1945 si assiste a una condivisione di aree di influenza dove finalmente i rispettivi progetti politici cominciano a confrontarsi con tutta una serie di ambiguità non formalizzate, ma che si chiariranno nelle settimane e nei mesi successivi.

L'ingresso nella Guerra Fredda: l'Europa[edit | edit source]

Denazificazione e ricostruzione democratica[edit | edit source]

La posta in gioco è la denazificazione in Germania e in Austria. In Germania è in gioco la ricostruzione della società e della politica tedesca. Uno degli obiettivi estremamente importanti degli Stati Uniti è la ricostruzione democratica della società tedesca. Il progetto di costruzione della nazione americana sarà attuato, con la Germania come uno dei campi di prova. L'idea è, in ultima analisi, quella di sradicare i semi del totalitarismo dalla società tedesca e di costruire una società su nuove basi, in particolare su basi democratiche, da cui il tribunale di Norimberga. Denazificare significa giudicare i colpevoli di crimini di guerra. La nozione di crimini di guerra fu costruita presso il Tribunale di Norimberga, dove furono processati i dignitari nazisti.

Robert Jackson si rivolge alla corte.

Il tribunale di Norimberga riguarda solo le più grandi personalità, ma l'obiettivo americano è quello di denazificare la società tedesca in profondità. A coloro che avevano responsabilità amministrative a qualsiasi livello nello Stato nazista viene sottoposto un questionario estremamente dettagliato. Alla fine, si scopre ben presto che è complicato attuare il processo di denazificazione, poiché in varia misura sono interi settori della società tedesca che hanno partecipato più o meno volentieri o con la forza all'impresa totalitaria. L'ambizione americana di realizzare un'indagine sulle dimensioni della società tedesca si sta esaurendo abbastanza rapidamente perché è difficile da realizzare, è difficile conoscere il grado di responsabilità di ciascuna parte, sapere se è stata volontaria o meno. Inoltre, l'azienda si trova di fronte ad una realtà concreta che è che per rimettere in funzione la macchina politica, economica e sociale tedesca abbiamo bisogno di manager in grado di gestire lo Stato, l'amministrazione locale e nazionale, le aziende, ecc. Da un lato, il bilancio è piuttosto eterogeneo, e dopo alcuni processi, già nel 1948 e nel 1949, l'impresa di denazificazione è stata più o meno abbandonata. Il progetto è stato molto meno ambizioso del previsto.

Oltre al processo di approfondimento, c'è una ristrutturazione delle istituzioni politiche che è importante e reale, poiché è l'intero funzionamento politico e amministrativo della Germania che viene rifuso con la completa abrogazione di tutte le leggi naziste del 1945 e della Legge fondamentale dell'8 maggio 1949 che è la costituzione di quella che diventerà la Repubblica Federale di Germania. Se si guarda alla Legge fondamentale e alla Costituzione americana, ci sono molte somiglianze e infatti il sistema politico tedesco è costruito sul modello del sistema politico americano, con in particolare uno Stato federale, un sistema bilaterale. Il modello americano è abbastanza chiaro, abbiamo una manifestazione concreta di una strategia volta a ricostruire un regime politico ex nihilo, poiché c'è la completa abrogazione delle leggi naziste e la costruzione di una costituzione democratica in un Paese che non ha una tradizione democratica.

In Austria il processo è più o meno lo stesso con lo stesso progetto e gli stessi problemi. Tuttavia, l'Austria è la posta in gioco di un oggetto geopolitico che la rende non ancorata all'Occidente, il Trattato di Stato austriaco approva la neutralizzazione dell'Austria nel 1955. In un certo senso, l'impresa di ricostruzione politica in Austria è andata molto meno lontano che in Germania.

Denazificazione e ricostruzione democratica sono due cose che vanno di pari passo e che, nonostante le ampie ambizioni iniziali, vengono gradualmente abbandonate.

L'URSS: La strategia di Glacis[edit | edit source]

Da un lato, gli Stati Uniti stanno attuando una strategia globale, dall'altro l'URSS si trova in una posizione difensiva che attua una strategia glacis su scala continentale piuttosto che globale. È una superpotenza come gli Stati Uniti, ma in una posizione di debolezza rispetto agli Stati Uniti che sono meno sviluppati economicamente.

L'URSS ha pagato il prezzo più alto con 20 milioni di morti, quasi la metà delle vittime totali della seconda guerra mondiale, il paese è completamente traumatizzato dalle due invasioni successive del 1914 e del 1941 e il cui obiettivo ossessivo è quello di garantire la sicurezza contro una futura e possibile invasione, da qui la strategia del glacis per creare una serie di stati cuscinetto tra le potenze occidentali e l'URSS. Tutti i regimi comunisti istituiti nel 1945 - 1946 e confermati nel 1947 - 1948 sono regimi destinati a garantire la sicurezza dell'URSS. La questione che si pone in questo processo è se questa strategia sia una minaccia per l'Europa occidentale e quali siano le intenzioni di Stalin.

Nella visione americana, c'è l'idea che il comunismo possa diffondersi in Europa e che i glacis possano andare sempre più a ovest. Questo potrebbe spiegare l'affermazione della politica della guerra fredda in Europa dal 1946 al 1947.

La risposta americana: Containment[edit | edit source]

È in risposta alla potenziale minaccia che la politica statunitense della guerra fredda, nota come "containment", viene attuata. All'inizio c'è un atteggiamento passivo da parte di Roosevelt, che è alla fine del suo mandato e alla fine della sua vita. Era disposto a fare molte concessioni per ottenere tutta una serie di cose da Stalin, in particolare l'impegno di Stalin contro il Giappone. È dal 1946 che il nuovo presidente Truman reagirà gradualmente con l'attuazione di una strategia, in particolare con il telegramma di Kennan del febbraio 1946 che descrive la strategia sovietica e sostiene il contenimento.

Tra l'inizio del 1946 e l'inizio del 1947 fu messa in atto la strategia di contenimento, la cui prima manifestazione concreta fu il marzo 1947 con l'aiuto dei governi greco e turco, che fu una prima erogazione di fondi per porre rimedio alla situazione, in particolare in Grecia, che gli Stati Uniti consideravano potenzialmente vincibile dall'URSS. Infine, il marzo 1947 è l'inizio del Piano Marshall ancor prima dell'inizio del Piano Marshall.

Quello che è interessante da vedere è come viene messa in atto la strategia di contenimento. Ci sono entrambi i principi globalisti e allo stesso tempo l'ingresso nella Guerra Fredda non è meccanico. Tra il 1945 e il 1947, la logica della guerra fredda fu messa in atto e la dottrina americana del contenimento divenne più chiara e applicata all'Europa, diventando rapidamente una dottrina globale su scala mondiale.

La strategia è globale perché copre tutti i settori di attività, è militare prima di tutto, riferendosi in particolare alla questione del National Security Act, è una strategia economica che si riflette nell'attuazione del Piano Marshall, è anche una strategia politica con l'idea della costruzione della nazione per aiutare alcuni paesi finanziariamente e militarmente e per sostenere alcune organizzazioni che gli Stati Uniti considerano particolarmente importanti per la costruzione e la solidificazione di una società.

Il confronto sul terreno[edit | edit source]

Un'esplosione nucleare del 1962 vista attraverso il periscopio di un sottomarino della Marina degli Stati Uniti. L'obiettivo era quello di contenere l'espansione comunista senza una guerra nucleare.

Sul campo, siamo in un confronto molto concreto tra i due. Tra il 1947 e il 1949, ci fu tutta una serie di eventi molto importanti, come l'episodio del ponte aereo di Berlino dopo il blocco sovietico della zona alleata di Berlino.

Con la creazione del Patto Atlantico, nell'aprile 1949, si crea un'alleanza militare tra i diversi Paesi europei e gli Stati Uniti. Il significato del Patto Atlantico è la collocazione di tutta l'Europa occidentale sotto l'ombrello militare americano. È una logica di confronto con la creazione del Patto di Varsavia che risponderà al Patto Atlantico.

La crisi greca del 1949 è importante dal punto di vista della strategia americana, poiché da un lato ci sono gli Stati Uniti, che proclamano il principio della diffusione universale della democrazia, considerando la Grecia come un Paese assolutamente fondamentale e fondamentale, pronto a cadere dalla parte comunista. Nella crisi greca, gli Stati Uniti verranno a sostenere un regime dittatoriale imposto alla fine degli anni '40 per evitare che il Paese cadesse sotto il dominio comunista. Vediamo la contraddizione o il paradosso tra i principi e la strategia e l'azione globale sul terreno, dove la realpolitik prevale sull'attuazione dei principi fondamentali.

Infine, negli anni '50, la strategia americana non seguiva una linea guida molto chiara; era una strategia in evoluzione, esitando tra un atteggiamento fermo nei confronti dell'Unione Sovietica o un atteggiamento molto più flessibile volto a risparmiare l'avversario.

Globalizzazione del modello americano?[edit | edit source]

Giappone[edit | edit source]

Il Giappone è un posto chiave da quando è stato occupato dagli americani tra il 1945 e il 1952 sotto l'amministrazione del generale MacArthur. Uno degli obiettivi dell'occupazione militare americana era anche quello di ricostruire la società giapponese su basi democratiche per sradicare le basi del militarismo giapponese. Come la Germania, l'obiettivo americano è quello di ricostruire una società su basi democratiche sulla base del modello americano. Gli americani agiscono per conto proprio, mentre in Germania l'occupazione americana si svolge con gli inglesi e i francesi. Il processo di costruzione della nazione si sta svolgendo secondo lo stesso schema che in Germania con l'abolizione delle leggi approvate sotto il regime militare, l'istituzione della libertà religiosa e della libertà di espressione, ma anche l'istituzione di un regime politico simile a quello degli Stati Uniti con pluralismo politico, un regime bicamerale, la costituzione di corpi intermedi e in particolare dei sindacati. È un regime politico democratico anche se da un punto di vista strettamente legale il Giappone è una monarchia costituzionale, ma funziona come una democrazia.

La costituzione giapponese del 1947 è una sorta di "copia-incolla" della costituzione americana, c'è un'importante influenza del sistema politico americano nella ricostruzione del sistema politico giapponese. Ci sono anche una serie di processi a criminali giapponesi. Ha anche attuato una riforma agraria per deconcentrare la proprietà terriera e un processo di decartellizzazione, poiché l'economia giapponese era concentrata in pochi gruppi.

C'è tutta una serie di processi che sono abbastanza simili, a livello globale. C'è lo stesso processo che in Germania, e come in Germania, il processo deve affrontare gli stessi problemi. Il processo di smilitarizzazione e "detotalitarizzazione" della società giapponese si trova ad affrontare gli stessi problemi della Germania, cioè, se si giudicano tutti, non è rimasto nessuno per ricostruire il Paese. Ad un certo punto il processo si arresta e soprattutto in campo economico, la decartellizzazione si arresta abbastanza rapidamente poiché i grandi gruppi industriali sono gli unici in grado di dare una rapida svolta all'economia.

Dal momento in cui la logica della guerra fredda viene annunciata e si afferma, la denazificazione in Germania e la smilitarizzazione in Giappone sono seconde solo alla lotta contro il comunismo. Il progetto politico di democratizzazione diventa secondario rispetto alla realpolitik degli equilibri di potere con l'URSS. Le élite tradizionali ritornano molto rapidamente, compresi coloro che sono stati pesantemente coinvolti nell'impresa espansionistica giapponese sono poco preoccupati. L'imperatore stesso è completamente scagionato e non viene giudicato, perché gli Stati Uniti hanno bisogno di un simbolo che incarni l'unità del Giappone. Qualsiasi discussione sul ruolo dell'imperatore nell'impresa di dichiarazione di guerra del Giappone viene ignorata.

C'è un importante processo di costruzione della nazione con un innegabile rimodellamento delle istituzioni giapponesi, ma è un processo che rimane in gran parte incompiuto per ragioni sia interne che esterne che hanno a che fare con la logica della guerra fredda.

Cina[edit | edit source]

La Cina è un paese estremamente importante nella strategia di Roosevelt. Se Roosevelt voleva coinvolgere la Cina nel Consiglio di sicurezza alla fine degli anni Trenta, era perché il Partito comunista era quasi pronto a prendere il potere. L'obiettivo primario di Roosevelt era di evitare che la Cina cadesse nella trappola comunista ammettendola nel Club delle Grandi Potenze nel 1945. L'idea è quella di cercare di ancorarla il più possibile in occidente e di darle la possibilità di una ricostruzione democratica.

Una strategia che gradualmente fallirà a causa di una fortissima opposizione tra nazionalisti e comunisti che, dopo aver stabilito un modus vivendi durante la seconda guerra mondiale, riprendono a combattere, portando all'insediamento di Mao al potere nel 1949. Vediamo il limite dell'influenza americana nel mondo. La presa del potere da parte dei comunisti nel 1949 è uno degli innegabili segnali che indicano che il progetto politico americano sta incontrando una certa resistenza. Il progetto perseguito era identico, ma è stato fermato dalla preghiera dei comunisti per il potere.

Corea[edit | edit source]

In Corea, troviamo lo stesso tipo di situazione da quando il sud della Corea è stato occupato dagli Stati Uniti nel 1945. A Yalta, allo stesso tempo, Stalin, Roosevelt e Churchill condividevano aree di influenza in Europa, ma anche in Asia. Si prevedeva che la Corea del Nord sarebbe stata sotto l'influenza sovietica e la Corea del Sud sotto l'influenza americana.

Syngman Rhee, maggio 1951.

La Corea è occupata e l'occupazione del paese è mal preparata. Gli Stati Uniti avevano poca conoscenza della regione e c'erano pochissimi interpreti che parlavano il coreano che non facilitavano la comunicazione con la popolazione. Infine, gli Stati Uniti non erano sicuri di cosa fare in Corea rispetto alla Germania e al Giappone. C'è un tentativo di ricostruire sul modello americano senza aver preparato le cose in modo adeguato. Gli Stati Uniti cercheranno di incoraggiare lo sviluppo di una classe politica moderata che condivide gli stessi obiettivi senza riuscirci. I leader che troveranno sono molto più conservatori, soprattutto con Syngman Rhee, che è salito al potere dopo le elezioni del 1948 e che si rivela essere molto meno democratico di quanto gli americani avessero immaginato. Gli Stati Uniti potranno conviverci perché dal 1947 al 1948 siamo in una logica da Guerra Fredda, e la stabilità è molto più importante della democrazia.

Mentre questo regime veniva instaurato in Corea del Sud, il regime comunista veniva instaurato anche in Corea del Nord, lanciando un'offensiva in Corea del Sud nel giugno 1950. A ciò ha fatto seguito una controffensiva americana, seguita a sua volta dall'ingresso della Cina nella guerra di Corea da parte di personale militare non ufficiale. Ben presto si raggiunse uno status quo tra le due Coree, che fu approvato dall'armistizio del 1953 che spaccò la Corea in due e che continua ancora oggi. L'armistizio stabilì una divisione politica che fu più che altro una divisione di zone d'influenza nel 1945-1946, diventando una chiara divisione.

Dopo l'armistizio, gli Stati Uniti continueranno a sostenere il regno di Syngman Rhee, che non è un regime molto democratico e che sarà rovesciato nel 1961 da un colpo di stato militare che manterrà una dittatura piuttosto feroce fino all'inizio degli anni '80, appoggiata anche dagli Stati Uniti. Si nota lo stesso tipo di configurazione tra l'obiettivo della democratizzazione e poi della realpolitik, così come l'adattamento al contesto della guerra fredda con l'idea di stabilità che è più importante dell'attuazione di una democratizzazione della società locale.

Vietnam: tra la costruzione della nazione e la guerra a tutto campo[edit | edit source]

In Vietnam, come in altri Paesi e in altri teatri della guerra fredda, gli Stati Uniti hanno cercato di attuare una politica di costruzione della nazione sui mecenati democratici per ancorare il Vietnam all'Occidente. C'è concorrenza tra due regimi politici. Questo processo di costruzione della nazione andrà di pari passo e contraddice violentemente un processo di guerra che è stato messo in atto dagli Stati Uniti fin dagli anni Sessanta. Inizialmente, alla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti erano favorevoli all'indipendenza del Vietnam sulla base della postura anticolonialista da essi sostenuta, ma questa postura fu rapidamente declassata a mezz'asta a causa dell'apertura della guerra fredda nel 1947.

Quando i francesi si reinsediarono in Indocina nel 1945 - 1946, dopo essere stati cacciati dai giapponesi, non furono i benvenuti, ma gli Stati Uniti li lasciarono fare, dato che i francesi avrebbero esercitato la retorica del contenimento. Dopo la fine della guerra d'Indocina persa dai francesi nel 1954, gli Stati Uniti subentrarono ai francesi e si stabilirono in Vietnam con un programma interventista che avrebbe raggiunto un grado molto importante negli anni Sessanta.

La crisi del modello[edit | edit source]

Alla fine degli anni Quaranta, per tutti gli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta, fu una situazione di opposizione frontale tra gli Stati Uniti e l'URSS con un modello americano che aveva un notevole prestigio e un'immagine abbastanza positiva in gran parte del mondo. Per una parte del mondo, gli Stati Uniti incarnano un modello spesso più attraente dell'URSS.

Questo modello doveva entrare in crisi a partire dagli anni '60, soprattutto per motivi interni ed esterni.

I difetti del modello proposto al mondo[edit | edit source]

Le ragioni interne sono innanzitutto i difetti di questo modello proposto al mondo. Da un lato, una superpotenza che propone l'esportazione della democrazia, la liberalizzazione del mercato, che denigra; all'interno degli Stati Uniti, la società non è così democratica come vorrebbe essere. In particolare, c'è il tema della "democrazia imperfetta" o "democrazia incompiuta", poiché gli Stati Uniti promuovono la democrazia nel mondo:

  • La '"segregazione razziale"' è una società basata sulla rigida separazione dei bianchi e dei neri fino al 1954 con Plessy contro Ferguson. Questo è un elemento costante nel dibattito sul ruolo relativo degli Stati Uniti nel mondo;
  • gli emarginati della società dei consumi: uno degli elementi importanti del progetto di democrazia americana è quello di collegare la democrazia e l'economia di mercato. Uno degli elementi importanti del progetto democratico americano è quello di collegare la democrazia e l'economia di mercato: si diventa cittadini attraverso l'accesso all'economia di mercato e al consumo. Tuttavia, la società dei consumi, anche se è più ampia di quella dei paesi europei allo stesso tempo, ha molte persone escluse.

Per tutti gli anni Quaranta, Cinquanta e Sessanta, non solo nei paesi che si oppongono agli Stati Uniti, ma anche in quelli che si trovano nell'orbita americana, gli Stati Uniti sono stati pesantemente criticati su entrambi i fronti. I difetti di questo modello diventeranno ancora più evidenti negli anni Sessanta con il Movimento per i diritti civili negli Stati Uniti, che ha portato a una grande agitazione negli stessi Stati Uniti, segnati da lotte estremamente violente.

La questione del discorso da un lato e la questione dell'azione sul terreno dall'altro si riferisce alla questione dei fini e dei mezzi. Da un lato, c'è una politica mondiale di cui la democrazia è uno dei pilastri e allo stesso tempo gli Stati Uniti stanno attuando il National Security Act del 1947, la CIA che è una sorta di elettrone libero nel labirinto amministrativo americano essendo coinvolta in una serie di colpi di stato con l'idea di democratizzare con la forza o di mettere in atto regimi più anticomunisti. Il ruolo della CIA è ampiamente dibattuto in tutta Europa e questo è uno degli elementi in cui il modello americano viene messo in discussione sul tema che non possiamo democratizzare con la forza.

Questo dibattito sta prendendo sempre più piede dalla fine degli anni '50, quando è stato possibile fare il punto sulla politica di democratizzazione americana dalla fine della seconda guerra mondiale. C'è un record estremamente eterogeneo, perché da un lato ci sono due Paesi in cui, nonostante qualche battuta d'arresto, c'è stata una ristrutturazione relativamente riuscita dei regimi politici con la Germania e il Giappone, ma c'è anche tutta una serie di fallimenti, in particolare Corea e Vietnam, scoppiati a metà degli anni Sessanta.

La metà degli anni Sessanta è stato il momento in cui sia il movimento per i diritti civili all'interno degli Stati Uniti ha iniziato a diventare estremamente violento e fuori dagli Stati Uniti è stato il momento in cui gli Stati Uniti sono diventati molto presenti in Vietnam. Proprio in Vietnam, la politica di costruzione della nazione si è scontrata con una guerra a tutto campo. Il principale fallimento degli Stati Uniti in Vietnam è stato quello di aver messo in atto entrambe le cose allo stesso tempo: aver messo in atto una politica di costruzione della nazione con il finanziamento di organizzazioni, infrastrutture e il tentativo di creare quadri di società civile in parallelo con una logica di guerra eccessiva e il sostegno del regime sudvietnamita, che è un regime dittatoriale, rendendo la loro politica illeggibile per le popolazioni locali, rendendole ancora più odiate. La guerra del Vietnam è l'attuazione della strategia di costruzione della nazione e di guerra eccessiva.

Tutta una serie di altri paesi più o meno non allineati evidenzieranno, a partire dagli anni '60, il fatto che gli Stati Uniti non sono riusciti a farli salire a bordo. Dalla metà degli anni Sessanta in poi, siamo entrati gradualmente in un periodo di crisi del modello americano, che durerà fino ai primi anni Settanta.

Controversie domestiche[edit | edit source]

La protesta contro la guerra del Vietnam inizia all'interno della stessa società americana con dibattiti estremamente forti. La protesta contro la guerra del Vietnam è iniziata nei campus americani all'inizio e a metà degli anni Sessanta perché gli studenti americani non volevano andare in Vietnam a combattere. Non si deve pensare che l'opposizione alla guerra del Vietnam sia solo esterna, essendo dibattuta all'interno della stessa società americana.

Un elemento è anche importante da tenere in considerazione, che è l'evoluzione della sinistra americana e parte della classe politica in relazione al progetto americano. Se guardiamo al lungo termine, c'è l'instaurazione del messianismo democratico americano che prima viene gestito dai repubblicani con Theodore Roosevelt, per poi diventare un consenso all'interno della classe politica, dato che i democratici si approprieranno di questo termine in particolare con Wilson. Fino alla fine degli anni '50, il messianismo democratico è stato oggetto di un consenso all'interno del Partito Repubblicano e del Partito Democratico. Il messianismo democratico cesserà di essere oggetto di consenso, in particolare all'interno del Partito democratico, dove la contestazione della politica e del coinvolgimento americano in Vietnam comincia a svilupparsi. Johnson, che succede a Kennedy, è un presidente democratico, ma dovrà affrontare una crescente opposizione da parte dei suoi stessi ranghi contro il suo coinvolgimento in Vietnam. Un'intera sezione del Partito democratico e della sinistra democratica, dalla fine degli anni Sessanta in poi, criticherà il messianismo americano. C'è una rottura nel consenso politico e vediamo come un certo numero di membri del Partito democratico si stacca da questa idea, che non gode più necessariamente del consenso nella politica americana.

La crisi di questo modello ha aspetti esterni, ma anche interni. Il consenso si sgretola negli anni '60.

Protesta esterna: antiamericanismo[edit | edit source]

Ci sono crescenti critiche al modello politico americano, anche nei paesi alleati. A partire dagli anni Sessanta, l'antiamericanismo, anche in Europa occidentale, è diventato estremamente forte, soprattutto durante eventi come la guerra del Vietnam, che ha rappresentato un punto di svolta.

La recessione degli anni '70[edit | edit source]

Gli anni Settanta sono stati segnati da un periodo in cui gli Stati Uniti stavano ridimensionando la missione di diffusione universale della democrazia, in primo luogo perché il messianismo globale stava segnando il tempo, e in secondo luogo perché, di conseguenza, tutta una serie di paesi del Terzo Mondo non si sono schierati con il mondo occidentale nel segnare un fallimento degli Stati Uniti. Gli anni Settanta sono stati un'epoca di contraccolpi in un'epoca in cui il modello sovietico ha avuto numerosi successi:

  • 1970: creazione della Repubblica Democratica dello Yemen del Sud
  • 1974: Colpo di stato in Etiopia
  • 1975: Il MPLA prende il potere in Angola
  • 1975: fondazione della Repubblica Popolare del Mozambico
  • 1975: Riunificazione del Vietnam
  • 1975: acquisizione della Cambogia da parte dei Khmer Rossi
  • 1975: Creazione della Repubblica Democratica Popolare del Laos.
  • 1978: colpo di stato comunista in Afghanistan.

Questi sono paesi in cui i regimi comunisti prendono il potere essendo le sconfitte strategiche per gli Stati Uniti. Dal momento in cui gli Stati Uniti si disimpegnano, il Vietnam del Nord si impadronirà del Vietnam del Sud, portando alla riunificazione del Vietnam nel 1975. C'è la presa del potere da parte dei regimi comunisti che sono punti guadagnati dai sovietici e punti persi dagli Stati Uniti. Dopo il 1973, gli Stati Uniti hanno registrato un calo di influenza in America Latina in seguito al colpo di stato in Cile.

Gli anni Settanta sono segnati da un'espansione del modello sovietico, che è un modello già completamente in crisi dal punto di vista interno, ma che dal punto di vista esterno ha un potere di attrazione estremamente forte se guardiamo ai diversi Paesi in cui questi regimi si stanno insediando.

L'ultimo simbolo del riflusso americano è la rivoluzione iraniana del 1979 e la presa del potere da parte dell'ayatollah Khomeiny che si conclude con la crisi degli ostaggi all'ambasciata americana. Se guardiamo agli anni Sessanta e Settanta, c'è stato un periodo di splendore del modello americano dopo i primi anni della guerra fredda, un periodo di decenni abbastanza forti in cui il messianismo basato sulla diffusione globale di una democrazia all'americana si è arrestato negli anni Sessanta e Settanta. Alla fine degli anni Settanta siamo giunti alla fine di un momento segnato dalla rivoluzione iraniana.

Les transformations de l’impérialisme moral[edit | edit source]

Il y a une mutation à la fois des bases idéologiques et des formes de l’interventionnisme américain à l’étranger dans la diffusion de la démocratie.

1980 à 2013 correspond à la sortie de Guerre froide, le processus de sortie de Guerre froide est relativement long. Un certain nombre de choses présentent dans les années 1990 ont déjà été mis en place dans les années 1980 et sous la présidence Reagan. Dans cette période, il y a une domination extrêmement forte des États-Unis sur la scène mondiale. À partir du délitement de l’URSS, il y a un déséquilibre extrêmement fort entre les États-Unis et les autres puissances. Cette période de la fin des années 1970 jusqu’à nos jours et marquée par un retour de l’unilatéralisme américain même si cela n’est pas valable pour toute la période, mais surtout valable pour la décennie des années 1990 à nos jours.

Il Partito Democratico e il Declino del Messianismo Democratico[edit | edit source]

L'imperialismo morale non è solo una specificità americana che ha cominciato ad essere forgiata all'inizio del XX secolo con la presidenza Wilson. L'imperialismo morale è rimasto un elemento di consenso nella classe politica americana fino alla fine degli anni Sessanta, quando il consenso si è incrinato e si è spezzato. L'imperialismo morale americano rimane, ma ci sono alcune trasformazioni.

Il passaggio dal messianismo morale è dal Partito Democratico al Partito Repubblicano, poiché c'è un punto in cui il messianismo americano, in gran parte formulato dai Democratici, diventa molto più un discorso repubblicano con altre aspettative.

Ritratto ufficiale di Jimmy Carter, 1977.

La guerra del Vietnam è un momento assolutamente fondamentale che è una crepa nel modello, il momento in cui il modello americano appare sempre più dubbio in parti sempre più importanti del mondo. Questo vale sia per la classe politica americana, sia per l'opinione pubblica americana, sia per quella mondiale. C'è un momento in cui il consenso è incrinato e lo vediamo nelle presidenze successive e in particolare nella presidenza di Jimmy Carter che è il primo presidente dopo Wilson, che è un democratico, a declassare il tema della diffusione globale della democrazia. Questo è un momento in cui il modello americano è in ritirata, c'è tutta una serie di successi del modello sovietico. C'è un ritiro dal modello americano e durante la presidenza Carter dal 1976 al 1980 c'è un declassamento di questo processo a favore di un dialogo nord-sud. D'altra parte, le relazioni e il dialogo con l'URSS sono stati resi più flessibili, in particolare attraverso accordi di disarmo. È chiaro che la presidenza Carter segna un cambiamento nella posizione degli Stati Uniti dal punto di vista del messianismo democratico.

Ritratto ufficiale di Barack Obama, 2012.

Sia la presidenza Clinton che la presidenza Obama hanno alcuni elementi di un allontanamento dal messianismo democratico da parte dei democratici. Il discorso è apparentemente molto wilsoniano, ma alla fine, sul terreno, c'è una politica estera piuttosto cauta che si sta rapidamente orientando verso l'unilateralismo. Quando guardiamo ai diversi quadri di intervento, in particolare dopo la repressione dei disordini di piazza Tienanmen del 1989, non c'è quasi nessuna reazione se non dal punto di vista della presidenza americana. Se consideriamo l'atteggiamento nei confronti dei disordini politici ad Haiti all'inizio degli anni '90, quando Haiti è tradizionalmente un terreno d'intervento americano, e lo è stato fin dall'inizio del XX secolo, c'è una politica relativamente cauta. In Somalia, ci sono stati alcuni danni all'intervento americano e gli Stati Uniti si sono rapidamente ritirati. La retorica rimane la stessa, ma una delle caratteristiche di questo è che le aree di intervento sono ridotte e dal 1994 in poi gli Stati Uniti si ritirano dalle operazioni di mantenimento della pace dell'ONU. Questo è un simbolo forte sapendo che gli Stati Uniti sono stati molto coinvolti nella creazione dell'ONU. Nel resto degli anni Novanta, questo disimpegno sarà confermato come la ragione per cui gli Stati Uniti non sono intervenuti nel genocidio ruandese del 1994, mentre il loro intervento nell'ex Jugoslavia è stato molto limitato. Sotto la presidenza Clinton, la nozione di messianismo morale e democratico è stata introdotta e gestita con estrema cautela. Questo è paradossale, dato che gli Stati Uniti hanno un viale davanti a sé da quando il modello sovietico è crollato, offrendo agli Stati Uniti l'opportunità di incarnare l'unico modello disponibile. Dal 2008, con la presidenza di Obama, questa prudenza si nota in particolare con il ritiro dall'Iraq e uno status quo in Afghanistan con un ritiro previsto nel 2014.

Che si tratti di Carter, Clinton o Obama, la questione che può sorgere è se i democratici possono ancora prendere in mano il moralismo wilsoniano. La risposta non è inequivocabile, ma sarebbe piuttosto negativa.

Il Movimento Neoconservatore[edit | edit source]

C'è stato un cambiamento estremamente importante nella politica estera americana dalla fine degli anni '70 con l'ascesa del movimento neoconservatore e l'influenza che questo movimento avrà sulla politica estera americana che non avrà un impatto immediato ma a lungo termine. Per capire il movimento, bisogna tornare indietro nella cronologia, in particolare agli anni Sessanta. Le origini del movimento neoconservatore sono in realtà all'interno del Partito democratico e una frazione di una parte del Partito democratico che non è d'accordo con la politica democratica degli anni Sessanta. Queste sono persone che non sono d'accordo con la politica dei diritti civili e con l'azione positiva che la politica di Johnson degli anni '60 stava perseguendo. Una frazione è d'accordo con l'interventismo di Johnson in Vietnam, ma non è d'accordo con le sue posizioni interne. C'è una frattura all'interno del Partito Democratico con una frazione dei Democratici che si sta gradualmente allontanando dal consenso del loro partito. Negli anni '60 la frattura non è ancora molto visibile. Non appena la presidenza si stacca dal Vietnam, la gente si ritroverà orfana del Partito democratico e si sposterà dall'altra parte. Le origini del movimento conservatore si trovano all'interno del Partito Democratico con influenze politiche sia interne che esterne.

Logo del Committee on the Present Danger.

Per il momento, ciò è relativamente poco appariscente perché all'interno del Partito Democratico c'è un gruppo relativamente minoritario, ma che sposterà gradualmente le sue tesi verso la parte repubblicana. Un momento importante fu la riattivazione del Comitato per il pericolo attuale nel 1976. Questo comitato è una lobby che è stata creata nel 1950 per cercare di spingere e fare pressione per una politica più aggressiva verso l'URSS a sostegno della NSC-68, che ha fissato il quadro della politica americana sul contenimento del comunismo e sull'esplosione degli stanziamenti militari. Dal momento in cui la NSC-68 è passata, è stato un comitato non formalmente sciolto, ma dormiente. Questo comitato sarà riattivato all'inizio degli anni Settanta, in un momento in cui la politica estera americana si sta ritirando dall'idea del messianismo democratico e dall'azione offensiva della guerra fredda.

È un'organizzazione che è principalmente democratica, ma ci sono un certo numero di repubblicani, tra cui Ronald Reagan, che è entrato in politica prima del Presidente degli Stati Uniti nel 1981. Questo comitato è un luogo di incontro per una parte del Partito Democratico e dei Repubblicani. E' un passaggio dal Partito Democratico al Partito Repubblicano, dove ci sarà più eco. È uno dei laboratori per la costituzione di quello che diventerà un corpus ideologico del Partito Repubblicano durante la presidenza Reagan.

Il Partito Repubblicano: un neo-wilsonismo?[edit | edit source]

Il presidente Ronald Reagan e il vicepresidente George H. W. Bush alla Convention nazionale repubblicana del 1984 a Dallas, Texas.

La domanda che ci si potrebbe porre è se il Partito Repubblicano, Reagan e i padri e figli di Bush hanno un corpo dottrinale neo-wilsoniano che fa della diffusione della democrazia il suo cavallo di battaglia.

Sotto le due presidenze Reagan dal 1980 al 1988, il discorso neoconservatore avrebbe avuto un'influenza importante e in particolare un'intera sezione della comunità accademica americana e dei politici americani che avrebbero contribuito allo sviluppo del discorso neo-wilsonista del Partito Repubblicano come Francis Fukuyama che lavora alla RAND corporation e Robert Kagan che lavora al Policy Planning Staff. Esiste un rapporto tra la sfera delle competenze politiche e la sfera delle decisioni politiche. Tutte queste persone contribuiranno alla costruzione del corpo dottrinale neoconservatore in cui la crociata per la democrazia gioca un ruolo fondamentale.

Il corpo dottrinale neoconservatore troverà la sua strada nell'amministrazione federale attraverso persone che ricopriranno posizioni nell'amministrazione Reagan, come Paul Wolfowitz, che fa parte del principale segretario privato [PPS], Casper Wainberger presso il Segretario della Difesa. In tutte le posizioni chiave ci sono neoconservatori o persone relativamente vicine a loro.

La loro influenza è cruciale per comprendere quello che è uno dei fili della politica estera sotto Reagan, che è la rinascita della guerra fredda. Con l'arrivo al potere di Reagan c'è una ripresa frontale della guerra fredda con il sostegno ai mujahideen in Afghanistan contro i sovietici, in Nicaragua c'è il sostegno all'opposizione al regime sandinista di Ortega. Mentre la situazione si era stabilizzata negli anni Settanta, c'è una ripresa dell'offensiva americana in tutti i teatri di operazione con l'idea di specialisti e neoconservatori per rovesciare il regime sovietico e coloro che ne fanno parte e che sono legati ad essi e che devono essere spinti in quella direzione. È una logica di recupero e di risalita dalla Guerra Fredda. Il progetto Star Wars sta permettendo un nuovo aumento del budget militare.

La presidenza Bush dal 1988 al 1992 è complicata da interpretare. Ha un accento wilsoniano, ma in generale scatena la guerra in Iraq e opta per una politica prudente in Iraq. Sotto il padre della presidenza Bush, i neoconservatori avevano meno influenza che sotto Reagan. Il fatto principale è la guerra in Iraq, che è la prima guerra in Iraq a cacciare l'Iraq dal Kuwait e ad aver lasciato Saddam Hussein al suo posto quando i neoconservatori volevano cacciarlo dall'Iraq.

Nel contesto delle presidenze di George W. Bush dal 2000 al 2008, si parla di "Wilsonismo avviato" che è un'espressione del politologo Pierre Hassner che significa una rinascita del moralismo wilsoniano con una dimensione militaristica che nel corpo della dottrina è fornita dai neoconservatori. La politica estera messa in atto si basa su un'intera produzione accademica che si è sviluppata subito dopo la caduta del mondo comunista. Francis Fukuyama parla della fine della storia con la caduta dell'URSS, poiché esiste un solo modello esistente, il che significa la fine della storia. C'è un discorso secondo il quale nel corso del XX secolo c'è stato un confronto tra diverse forme di regimi. Con il crollo del nazismo e del comunismo, rimane solo il modello americano. È anche il periodo della Teoria democratica della pace e della transizione democratica, che ha aggiornato le teorie di modernizzazione degli anni Cinquanta. Questa produzione cerca di implementare una teoria completamente nuova della situazione politica che illustra la caduta del mondo comunista.

È a questo punto che il liberalismo istituzionalista diventa una vera e propria ideologia. È da lì che si ha la certezza che il modello democratico rappresenta l'unico modello che è legittimo imporsi anche nel resto del mondo. C'è la consapevolezza che il modello sovietico è crollato e la legittimità di esportare il modello americano nel resto del mondo. Dopo che i neoconservatori sono stati spinti fuori dalle posizioni chiave durante le presidenze Bush e Clinton, sono tornati durante la presidenza di George W. Bush.

Un'organizzazione che funge da luogo di incontro è il Progetto per il Nuovo Secolo Americano, dove si incontrano i tenori del movimento neoconservatore, tra cui Fukuyama e Kagan. Questo progetto è un think tank neoconservatore che invita il potere americano ad assumersi le proprie responsabilità in termini di politica estera, chiedendo la diffusione del modello americano con tutti i mezzi possibili. All'indomani degli attentati dell'11 settembre 2001, è stato questo gruppo a scrivere una lettera aperta al presidente George Bush a sostegno di un intervento in Afghanistan.

Questo corpus sarà messo in pratica dal momento in cui il movimento neoconservatore si riapproprierà dei posti nell'amministrazione di George Bush. Il trio Cheney, Wolfowitz e Rumsfeld avrà un ruolo nella progettazione delle strutture per l'intervento americano in Afghanistan e in Iraq nel 2003. Il momento chiave del movimento neoconservatore è il 2003-2004, quando c'è ancora un consenso abbastanza forte nell'opinione pubblica. Dal 2004 in poi, il movimento è crollato con un aumento delle proteste. Tra il 2000 e il 2004, i neoconservatori sono stati al timone della politica estera americana.

Il portavoce neoconservatore e il Partito Repubblicano sono diventati, a partire dagli anni Novanta, un movimento più aggressivo con l'intervento nei casi afghani e iracheni.

Da nemico comunista a nemico islamista[edit | edit source]

È interessante vedere il passaggio dall'uno all'altro perché rivela una serie di cose sulla costituzione della politica americana.

La caduta dell'URSS[edit | edit source]

Ciò che caratterizza la presidenza Reagan in termini di politica estera è la ripresa della guerra fredda con l'idea di molestare il più possibile l'URSS per accelerarne la caduta. D'altra parte, si discute se il crollo del comunismo sia stato il risultato delle vessazioni della politica estera statunitense o semplicemente il risultato del crollo interno del regime stesso. Attraverso questo dibattito, è in gioco tutta la legittimità del neoconservatorismo. Se il crollo dell'URSS è la causa dovuta alle vessazioni dei neoconservatori, legittima il loro discorso a continuare in quella direzione; se è il contrario, se il crollo del regime sovietico è dovuto alla sua disintegrazione interna e alle riforme messe in atto da Gorbaciov, il discorso legittimante è molto meno importante. È un dibattito che ha agitato enormemente gli ambienti intellettuali e politici. Da questo punto di vista, il posto dei neoconservatori ha fatto più rumore degli altri. L'idea era che se l'URSS era crollata così rapidamente, lo si doveva all'amministrazione federale della presidenza Reagan.

Gli anni '90 e la Marcia verso l'unilateralismo[edit | edit source]

Dobbiamo chiederci cosa sta succedendo dal punto di vista generale della costruzione della politica americana. C'è un chiaro ritorno degli Stati Uniti a una politica chiara, globale, molto più unilaterale. All'inizio degli anni Novanta c'è stata la guerra del Golfo, che è stata un episodio, se non consensuale, in cui il diritto internazionale è stato rispettato e legittimato dall'Onu. In un certo senso, la prima guerra del Golfo può sembrare un momento wilsoniano in cui c'è una legittimazione internazionale e l'applicazione dei principi democratici in una coalizione per garantire il rispetto del diritto internazionale e far uscire l'Iraq dal Kuwait.

Se guardiamo a ciò che accade dopo, si tratta di un ritorno abbastanza rapido all'unilateralismo. Questa è una politica estera prudente, e anche il rifiuto dell'interventismo è e comincia ad essere che se mai ci fosse la necessità di intervenire, gli Stati Uniti lo farebbero da soli. Questo è il momento in cui c'è un cambiamento nella politica estera americana e quando l'obiettivo principale non è più il comunismo ma il terrorismo internazionale. E' allora che appare il termine "stati canaglia". Il terrorismo internazionale diventa uno dei punti focali della politica estera americana, il che spiega l'aumento degli attacchi contro gli interessi americani. Con Clinton, c'è un discorso molto wilsoniano, ma allo stesso tempo c'è un cambiamento nella politica degli Stati Uniti verso l'azione unilaterale. George W. Bush sta semplicemente continuando una politica unilaterale che viene perseguita sotto Bill Clinton. Il tema degli Stati canaglia, l'attenzione al terrorismo internazionale, è iniziato sotto Clinton. Il terrorismo diventa uno degli aspetti importanti della politica estera americana, il nemico comunista sostituito dal nemico islamista.

Sotto la presidenza Clinton, siamo in un momento che sta scivolando verso l'unilateralismo, in particolare con due leggi che sono una dimostrazione abbastanza buona dell'extraterritorialità degli Stati Uniti, che dimostra la volontà degli Stati Uniti di agire sulla scena internazionale:

  • Il Amato-Kennedy Act del 1996 ha stabilito sanzioni contro le società americane o non americane che investiranno in settori strategici in Iran o in Libia. Si tratta di Stati considerati come Stati canaglia e che investiranno in petrolio e gas. Le leggi sull'extraterritorialità sono piuttosto notevoli;
  • Il Helms-Burton Act del 1996 che ha introdotto sanzioni contro Cuba, con sanzioni contro le aziende statunitensi e non statunitensi che fanno affari con Cuba.

Si tratta di uno spostamento della politica estera statunitense verso un significativo unilateralismo.

L'atteggiamento degli Stati Uniti nei confronti della Corte penale internazionale è caratteristico dell'unilateralismo da quando la Corte penale internazionale è stata creata nel 1998 e gli Stati Uniti non vi aderiscono. Essendo stata una storica promotrice del diritto internazionale quando la Corte penale internazionale fu istituita in quel momento, non vi partecipò, segnando che il passaggio all'unilateralismo iniziò negli anni '90 sotto le presidenze Clinton e Bush.

La diplomazia trasformazionale e la guerra al terrorismo[edit | edit source]

Il passaggio all'unilateralismo si trasformerà gradualmente in una diplomazia di trasformazione da parte dell'amministrazione federale e porterà alla guerra al terrorismo all'indomani degli attentati dell'11 settembre. La guerra al terrorismo è la minaccia islamista messa in atto dagli Stati Uniti negli anni 2000 con una serie di radici che risalgono alla rivoluzione iraniana del 1979, momento in cui l'Islam è apparso come una minaccia geopolitica per gli Stati Uniti.

Durante tutta la guerra fredda, il Medio Oriente è stato nell'orbita americana con lo Scià dell'Iran e le monarchie petrolifere sotto l'ombrello militare americano. Il Medio Oriente è sotto controllo e questo non fa parte delle preoccupazioni americane. Tutto cambia con la rivoluzione iraniana del 1979 che ha portato al potere il regime dell'ayatollah Khomeini come nuovo oggetto politico è sconosciuto agli Stati Uniti essendo violentemente anti-occidentale e antiamericano.

La rivoluzione iraniana del 1979, per gli Stati Uniti è la potenzialità è la realizzazione del Medio Oriente in generale dall'orbita americana a qualcos'altro. È una regione dalla quale gli Stati Uniti pensano di uscire e che è di fatto sotto il loro controllo. L'Islam nella sua forma più radicale sta entrando nel radar della politica estera americana. Negli anni Novanta, il caso del Pakistan è stato aggiunto come oggetto di preoccupazione. Storicamente, il Pakistan fa parte del patto di Baghdad come alleato e non è un problema particolare per gli Stati Uniti. Tuttavia, al tempo della guerra in Afghanistan, questo diventa un caso speciale, poiché il Pakistan diventa una base posteriore per i mujaheddin contro i comunisti e gli antiamericani. Il Pakistan giocherà una doppia partita sostenendo i mujaheddin e collaborando con gli Stati Uniti. Il Pakistan diventa un alleato incontrollabile e potenzialmente un nemico.

L'Arabia Saudita diventa un alleato degli Stati Uniti, tranne che dagli anni Ottanta e Novanta, l'Arabia Saudita è un alleato, ma anche la culla del terrorismo e soprattutto di Osama Bin Laden. Infine, gli Stati Uniti sono sempre meno ben disposti verso l'Arabia Saudita che gioca un doppio gioco, così come il Pakistan.

Nella geopolitica del Medio Oriente sono in atto una serie di cambiamenti. L'Islam in generale sta diventando un potenziale nemico politico. Dal momento in cui il regime sovietico cadrà nel 1991, quello che diventerà il nemico numero uno nelle concezioni americane degli anni Novanta sarà l'Islam radicale. La nozione di guerra al terrorismo attuata negli anni 2000 è il culmine di questo movimento.

Si svilupperà in modo drammatico nel corso degli anni '90 con la prima guerra del Golfo, ma soprattutto le sue conseguenze e in particolare l'embargo imposto alla popolazione irachena sotto l'egida dell'ONU, ma sotto il dominio americano. L'embargo che doveva abbattere Saddam Hussein non ha funzionato, facendo morire di fame la popolazione irachena e deteriorando l'immagine americana nella regione. La situazione geopolitica in Medio Oriente è diventata sempre più fuori controllo nell'ultimo decennio. Nel corso degli anni Novanta, l'opposizione all'Occidente e agli Stati Uniti sarà sempre più forte in questa regione del mondo, dando luogo a una serie di attacchi, tra cui il primo attacco al World Trade Center nel 1993 e una serie di attacchi agli interessi americani in Medio Oriente e in Africa.

L'11 settembre è solo il più drammatico di una serie di attacchi. Ne è stata scritta un'enorme letteratura, ma non è un momento così importante perché non è una rottura geopolitica fondamentale. È un evento simbolico per gli Stati Uniti, ma non è un evento fondatore. L'11 settembre è più un acceleratore che una rottura. Il passaggio della politica statunitense a una dimensione più unilaterale è iniziato più avanti.

Il movimento neoconservatore spingerà per una militarizzazione dell'intervento americano. L'11 settembre segnala la diplomazia di trasformazione della presidenza Bush per rimodellare il Medio Oriente dalla Mauritania al Pakistan. Il centro nevralgico del Medio Oriente è l'Iraq, l'Iran e l'Arabia Saudita. L'idea è di considerare tutti questi Stati non democratici o islamisti come potenziali nemici degli Stati Uniti, e solo democratizzando il Medio Oriente si potrà garantire la sicurezza dell'area. La diplomazia trasformativa è l'idea di portare il Medio Oriente in un ambiente democratico. Questa strategia viene attuata per la prima volta in Afghanistan e in Iraq. Il nome delle operazioni è simbolico di questa politica con "Enduring Freedom" in Afghanistan nel 2000 e "Iraqi Freedom" in Iraq nel 2003.

Si vede come il pericolo numero uno della politica estera americana non sia più il comunismo, ma l'Islam.

I costruttori della democrazia[edit | edit source]

Vedremo come questa strategia viene attuata sul campo e i suoi effetti.

Diplomazia dei diritti umani[edit | edit source]

In primo luogo, è necessario mostrare come la politica estera statunitense che promuove la democrazia all'estero a partire dagli anni '70 e '80 abbia gradualmente integrato il discorso sui diritti umani.

Sotto la presidenza di Jimmy Carter, la politica estera era in linea con una politica rilassata nei confronti dell'URSS. Carter si concentrerà sul sostegno ai dissidenti, in particolare in Polonia. Il concetto di diritti umani appare nella politica estera americana a partire dagli anni Settanta. Questa nozione di diritti umani diventerà uno dei punti centrali e ideologici della giustificazione della politica estera americana di fronte al movimento neoconservatore.

Infine, uno degli elementi della costruzione ideologica che il conservatorismo rappresenta è quello di aver reinterpretato la questione dei diritti umani. Vale a dire, quando il discorso sui diritti umani ha preso piede a livello internazionale con la Dichiarazione dei diritti umani del 1948, i diritti umani sono stati concepiti come un elemento se non parte integrante del sistema internazionale o almeno da considerare come un concetto universale. Proprio il movimento neoconservatore utilizzerà il concetto di diritti umani per nazionalizzarlo, cioè per considerare i diritti umani come un elemento fondamentale che deve far parte della democratizzazione dei regimi sotto il dominio comunista. Il movimento neoconservatore trasformerà i diritti umani da qualcosa di universale a qualcosa di nazionale che dovrebbe rafforzare la democrazia in un determinato paese. Per i neoconservatori, i diritti umani non sono un diritto universale, ma proteggono dai poteri discrezionali dello Stato. La nozione di diritti umani è pensata nel quadro politico e nell'ambito dell'opposizione tra democrazia e totalitarismo. I diritti umani non sono considerati come universali, ma come un elemento che dovrebbe proteggere l'individuo dall'invasione delle libertà individuali da parte dello Stato.

Il concetto di diritti umani viene mobilitato dai neoconservatori per proporre l'idea di democratizzazione dall'interno. I diritti umani sono un elemento di lotta contro il totalitarismo. Questo è importante perché l'idea dei diritti umani va contro il potere discrezionale dello Stato. I diritti umani diventano un elemento della democrazia fondamentale diventando uno degli elementi che devono giustificare l'universalizzazione del modello democratico americano. Il concetto di diritti umani diventa un filo conduttore e una giustificazione per l'ideologia neoconservatrice.

Inoltre, la nozione di diritti umani è usata anche contro le organizzazioni internazionali e il multilateralismo, che è visto come una violazione delle libertà individuali. Il movimento neoconservatore è un movimento unilateralista. Il modo in cui la questione dei diritti umani viene nazionalizzata dai neoconservatori sarà un elemento importante nella politica di costruzione della nazione, in particolare in Iraq e in Afghanistan.

Il tema della nazionalizzazione dei diritti umani doveva essere ripreso da tutta una serie di organizzazioni, e in particolare dal National Endowment for Democracy, creato nel 1983, che è un think tank di democratici e repubblicani e che in definitiva doveva essere uno dei luoghi in cui si sviluppava la politica di sostegno e rafforzamento della democrazia, che gli Stati Uniti perseguivano fin dagli anni Ottanta.

Questa organizzazione ha un significativo finanziamento pubblico. Questa organizzazione svolge una campagna di lobbying americana e internazionale sul tema della democratizzazione sia pubblicando riviste e libri, ma anche sostenendo tutta una serie di movimenti come gli oppositori del regime sandinista in Nicaragua. Il loro sostegno fa parte della politica generale degli Stati Uniti di rafforzamento della democrazia. E' un'organizzazione piuttosto curiosa perché in un certo senso si appropria di alcuni dei metodi che la CIA ha messo in atto. È un'organizzazione che è molto più di una semplice lobby e di un semplice think tank, essendo un laboratorio per la diffusione del discorso della democrazia, ma anche un braccio armato che continua ad attuarla.

Aiuti all'Europa post-comunista[edit | edit source]

Negli anni Ottanta si è sviluppato il corpus dottrinale dell'idea della diffusione della democrazia. Dopo la caduta del Muro, si è aperta una nuova strada per la politica estera americana. Infine, molto presto dopo la caduta del muro di Berlino, la politica estera americana si è messa in moto con il lancio di una serie di programmi volti a sostenere il cambiamento di regime in corso ad Est. Già alla fine del 1989, dopo il Congresso, è stato lanciato il Support for East European Democracy Act per sostenere la trasformazione democratica in Oriente. Dal momento in cui l'URSS è caduta nel 1991, lo stesso tipo di programma è stato istituito con la Freedom Support Act nella primavera del 1992.

USAID-Identity.png

Questa politica è stata lanciata molto presto ed è caratterizzata da finanziamenti e da una molteplicità di attori presenti sul campo con il governo americano, agenzie governative più o meno legate al governo, ma con una certa autonomia come l'USAID, ci sono tutti i macchinari della NATO e tutta una serie di think tank privati, pubblici, partigiani o bipartisan, ci sono anche tutta una serie di organizzazioni private, le più note delle quali sono le fondazioni Soros, il cui risultato più famoso è l'Open Society Institute nel 1982 e l'Università dell'Europa Centrale nel 1991. Tutta una serie di attori stanno mettendo in piedi un'azione dalla caduta del muro con l'idea di spingere nella direzione della democratizzazione dell'Europa orientale e dell'ex URSS.

Gli avatar della Nation building[edit | edit source]

États en déliquescence d'après le Failed States Index 2012 de Foreign Policy[5]
  États en situation critique de défaillance
  États en danger de défaillance
  États en stabilisation
  États en situation stable
  États en situation très stable

Questo diventerà una realtà negli anni Novanta e Duemila. La politica di costruzione della nazione sarà uno degli elementi centrali dell'ideologia neoconservatrice. L'idea centrale che ha cominciato a prendere piede negli anni Novanta è l'idea che ora c'è una nuova era nella politica americana, che la democrazia rappresenta la fine della storia, e che più democrazia c'è nel mondo, più la sicurezza e l'egemonia americana si rafforzano. Questo discorso è tanto più sviluppato in quanto è a questo punto che si sviluppa la teoria degli Stati canaglia e degli Stati falliti, che è una creazione della scienza politica americana che crea un terreno per la politica di costruzione della nazione perché l'idea è che gli Stati falliti sono terreno fertile per il totalitarismo, specialmente il totalitarismo islamista. Si ritiene che gli Stati falliti siano un terreno di coltura estremamente favorevole al totalitarismo e al terrorismo in generale. La politica americana si rivolgerà in particolare agli Stati falliti e li renderà motivo del suo intervento.

Da quel momento in poi, la costruzione della nazione diventa estremamente vasta, si tratta di costruire una società, uno stato, un regime politico. Si tratterà di giudicare coloro che sono politicamente responsabili o non coinvolti in massacri o in regolamenti di conti, e a più lungo termine, l'obiettivo è quello di costruire istituzioni democratiche sul capo americano e nello stile di Germania, Giappone e Filippine. Sarà anche per smilitarizzare la vita politica di questi diversi Paesi. Sarà anche costruire o ricostruire le economie di questi paesi, costruire infrastrutture, creare un libero mercato. La strategia di costruzione della nazione è qualcosa di estremamente ampio, ambizioso e a lungo termine, diventando per i responsabili della politica estera americana uno degli obiettivi prioritari assoluti di un mondo dove l'URSS è crollata e dove, al posto dell'URSS, c'è un potenziale caos che deve essere risolto importando la sintesi democratica conosciuta in particolare dagli Stati Uniti.

Loya jirga di Kabul il 13 giugno 2002.

Nel caso dell'Afghanistan, c'è l'obiettivo immediato e la giustificazione immediata dell'intervento, che è una rappresaglia contro gli attentati dell'11 settembre, ma a più lungo termine c'è l'obiettivo di costruire uno Stato su basi democratiche. Infine, nell'intervento americano in Afghanistan, c'è una dimensione militare e una dimensione politica ed economica finalizzata alla costruzione di una democrazia. Possiamo vedere come la strategia americana includa operazioni militari e un processo di riunire le élite locali. In particolare con la riunione della Loya Jirga, che è un incontro di leader tribali e locali per redigere una costituzione ed elezioni nel 2004 per eleggere Hamid Karzai, c'è l'idea di formare un esercito afghano, unificare un Paese e sviluppare un'economia di mercato, soprattutto a spese dell'economia della droga.

Va notato che in Afghanistan, come in Vietnam negli anni Sessanta, la strategia di costruzione della nazione e le operazioni militari si svolgono contemporaneamente, scontrandosi frontalmente e distruggendosi a vicenda. Le risorse materiali impiegate sono relativamente grandi. I risultati della strategia di costruzione della nazione in Afghanistan sono al momento contrastanti, poiché non è stata raggiunta la pacificazione del territorio e non è stata realizzata nemmeno la costruzione di un regime politico. Lo stesso ragionamento può essere applicato all'Iraq. Possiamo vedere come questo tipo di strategia sia stata al centro della politica americana fin dalla caduta del muro e come i risultati siano in diretto contrasto, se non in contraddizione, con la retorica che è stata messa in atto.

Allegati[edit | edit source]

  • Cosmas, Graham A. An Army for Empire; the United States Army in the Spanish-American War. Columbia: U of Missouri, 1971. Print.
  • Steinmetz, George. Politiques Impérialistes Genèses Et Structures De L'état Colonial. Paris: Seuil, 2008.
  • Stratfor. “The Geopolitics of the United States, Part 1: The Inevitable Empire.” Stratfor, Stratfor, 4 July 2016, https://worldview.stratfor.com/article/geopolitics-united-states-part-1-inevitable-empire.

Riferimenti[edit | edit source]