Actions

Gli attori della politica estera americana

From Baripedia


Descriveremo questi diversi attori e vedremo come interagiscono nel tempo. La politica estera americana è caratterizzata in primo luogo da un dispositivo e da un macchinario estremamente importante in quanto si tratta di una diplomazia che è diventata globale all'inizio del XX secolo. Si tratta di una diplomazia multisettoriale che si sta sviluppando in tutta una serie di settori essendo uno degli elementi assolutamente fondamentali della nozione di superpotenza. Quando si parla di una superpotenza, spesso si prendono gli aspetti politico-militari, ma ce ne sono molti altri con la capacità di intervenire in vari campi. Questa diplomazia è portata avanti da numerosi attori, sia professionali che privati.

Il Dipartimento di Stato non è l'unico attore della politica estera americana che si occupa di questioni di storia transnazionale. Questa natura multipolare della politica estera americana è l'interazione permanente tra attori pubblici e privati che non sono responsabili della funzione diplomatica. Quando si tratta di politica estera degli Stati Uniti, la distinzione tra pubblico e privato è estremamente sfumata, perché c'è un continuo avanti e indietro tra il settore pubblico e quello privato. Questo fenomeno è una colonizzazione del settore pubblico da parte di attori privati. C'è anche una proliferazione di istituzioni pubbliche il cui carattere pubblico è talvolta offuscato dalle agenzie federali.

È discutibile se la politica estera americana sia o meno un'entità coerente. Ancora oggi, la posizione americana è difficile da determinare perché diversi attori si stanno esprimendo ed è difficile vedere come sono d'accordo. La politica estera è anche permanentemente tra la centralizzazione, cioè il coordinamento da parte degli organi statali, e il decentramento, cioè l'amministrazione e il governo possono essere completati o messi in concorrenza o contraddetti da altre istituzioni che tirano in un'altra direzione. Non appena gli Stati Uniti avranno una politica sempre più globale, ci sarà una diversificazione dei centri decisionali.

Diarchia Presidente/Congresso[edit | edit source]

La ripartizione originale dei poteri[edit | edit source]

Questa diarchia è assolutamente fondamentale perché abbiamo due capi dell'esecutivo sia in politica interna che estera. Il sistema "checks and balance" è un sistema politico fondamentalmente segnato dall'equilibrio dei poteri, ad ogni potere c'è un contropotere reso obbligatorio dalla costituzione americana per raggiungere la sintesi tra un forte potere di lotta contro gli elementi esterni e il rispetto della libertà all'interno per evitare la tirannia.

I poteri del Congresso[edit | edit source]

Il Congresso è la potenza dominante negli Stati Uniti all'inizio. Il Congresso è l'elemento fondamentale del sistema politico americano all'inizio. È il Congresso che ha il potere di dichiarare la guerra e di porvi fine attraverso la ratifica dei trattati, dà ai militari i mezzi finanziari e logistici per funzionare, dal punto di vista dell'attuazione della politica estera è il Congresso che approva le nomine in tutte le amministrazioni federali e in particolare il Segretario di Stato che è una posizione chiave. D'altra parte, il Congresso e il Senato, attraverso la Commissione Affari Esteri, possono occuparsi di tutta una serie di questioni, compresa la possibilità di ascoltare i funzionari dell'amministrazione. Il Senato e il Congresso regolano anche l'immigrazione. È un'istituzione fondamentale e fondatrice che nella prima storia americana aveva la maggior parte delle prerogative.

I poteri del Presidente[edit | edit source]

Il Presidente arriva secondo nella Costituzione solo nell'articolo.[4] Nella cultura giuridica americana, un presidente è un tiranno al potere, per questo motivo il presidente viene eletto attraverso il Congresso, ma può anche essere rimosso dal Congresso. È il capo dell'esercito. Il presidente può lanciare un'operazione militare senza l'abrogazione del parlamento per un periodo limitato di tempo fino a 60 giorni, dopo di che richiede l'approvazione del Congresso e della commissione per gli affari esteri, ed è quello che è successo nell'intervento in Kosovo nel 1999, ad esempio. Questo segna anche un rafforzamento delle prerogative del Presidente degli Stati Uniti. Nel negoziare e firmare i trattati, egli rappresenta la nazione. Questa è una delle cose che il presidente ha preso in mano, ma poi il Congresso deve ratificarla. Dal 1789 al 1989 non sono stati ratificati solo 21 trattati su oltre 1500 firme, tra cui il Trattato di Versailles. Nomina anche i Segretari e gli Ambasciatori.

Il cambiamento dell'equilibrio di potenza[edit | edit source]

Si tratta sia di un equilibrio di potere che di un equilibrio di potere dalla fine del XVIII secolo ai giorni nostri. Siamo ancora in un tale processo con quattro idee generali:

  • continuo rafforzamento dei poteri del presidente [cfr. l'aumento degli accordi esecutivi a scapito dei trattati]: dalla fine del XIX secolo e fino ad oggi, c'è stato un rafforzamento dei poteri del presidente rispetto ai poteri del Senato. Con la continua espansione americana e il suo emergere sulla scena internazionale, ciò sarà in linea con le prerogative presidenziali in materia di politica estera. Un trattato può essere firmato come tale o come "accordo esecutivo". Quando è considerato un trattato, deve passare attraverso il Congresso, altrimenti se è un accordo esecutivo, il testo firmato non passa attraverso il Congresso. Il presidente farà in modo che i testi firmati siano accordi esecutivi per aggirare il potere del Senato.
  • in tempi di crisi, il Congresso si siede dietro il presidente.
  • in tempi di espansione, il ramo esecutivo è preminente con forti personalità come Wilson e Roosevelt.
  • dal 1980 il rapporto è diventato sempre più conflittuale: c'è un equilibrio di potere, ma è diventato sempre più conflittuale internamente ed esternamente dagli anni Settanta e Ottanta con un cambio di maggioranza superiore al 90% del tempo.

Dalla creazione della Repubblica Americana fino alla fine del XIX secolo il Congresso ha avuto un predominio in politica estera, anche se Monroe ne ha preso le distanze già nel 1804. C'è una cerniera tra gli anni Novanta del XIX e il 1914, quando c'è un cambiamento molto chiaro nell'equilibrio di potere segnato da Theodore Roosevelt e Woodrow Wilson, che rompe il quadro piuttosto ristretto delle prerogative presidenziali. Roosevelt si è assunto la missione di "americanizzare il mondo..." mentre Wilson ha incarnato l'ascesa della politica estera americana partecipando di persona alla conferenza di Versailles.

Nel periodo tra le due guerre, c'è stato un continuo aumento dei poteri del presidente. Il periodo dal 1919 alla seconda guerra mondiale fu segnato da un forte confronto tra il presidente e il Congresso, che si basava su un equilibrio di potere tra queste due istituzioni. Prima c'è l'opposizione al Trattato di Versailles del 1919, che è prima un voto del Senato contro Wilson piuttosto che contro il Trattato di Versailles, ricordando che è lui che ha la capacità di decidere se ratificare o meno il trattato. A partire dagli anni '30, quando Roosevelt arrivò, il confronto tra il Presidente e il Congresso riprese, in particolare per l'attuazione del New Deal in politica interna, ma c'era una forte opposizione in politica estera, poiché le leggi sulla neutralità furono votate dal Congresso contro il parere di Roosevelt.

Dopo queste forti opposizioni, negli anni Trenta del secolo scorso, arrivò il tempo della seconda guerra mondiale, il tempo in cui il Congresso rimase unito dietro Roosevelt, quello che Arthur Schlesinger chiamò l'inizio della "presidenza imperiale" fino agli anni Cinquanta, quando il potere presidenziale era all'apice della politica estera e della politica interna.

Negli anni Cinquanta del secolo scorso si è verificato un cambiamento nel quadro in cui il Congresso ha riconquistato un vantaggio con la guerra del Vietnam, che è stata prima contestata dall'opinione pubblica e poi dal Senato, in particolare per quanto riguarda le spese che essa comportava. Nel 1972 è stato approvato il Case Zablocki Act, che richiede al presidente di consultare il Congresso per qualsiasi accordo esecutivo che limiti le sue capacità. Nel 1973 è stato approvato il War Power Act, che stabilisce che il Presidente deve chiedere l'approvazione del Congresso per un impegno delle truppe militari statunitensi oltre i due mesi. Questi sono due elementi significativi dell'oscillazione del pendolo.

A partire dagli anni '70, il Senato ha iniziato a valutare i programmi federali, in particolare i programmi federali rivolti al mondo esterno. Dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno intrapreso l'attuazione di politiche di aiuto globale. Negli anni Ottanta, la presidenza Reagan ha rilanciato la guerra fredda senza fare riferimento al Congresso, un periodo in cui l'iniziativa era in gran parte nelle mani dell'amministrazione federale.

Il decennio degli anni Novanta è stato segnato da uno scontro quasi costante tra la presidenza di Bill Clinton, che, praticamente per tutto il suo mandato, ha avuto a che fare con un Senato a maggioranza repubblicana, e quindi la politica estera americana è stata segnata da tutta una serie di decisioni presidenziali e contro-decisioni. C'è l'intervento in Somalia nel 1994, ma molto rapidamente il Congresso rifiuta di continuare a finanziare questo intervento che ha portato al ritiro degli Stati Uniti e al fallimento dell'intervento. Nel 1995 gli Stati Uniti sono intervenuti in Jugoslavia alla guida della NATO. L'intervento è stato effettuato, ma non ci è voluto molto perché venisse rifiutato. A partire dagli anni Novanta, gli Stati Uniti hanno bloccato il pagamento della partecipazione americana all'Onu, come deciso dal Congresso, e ancora oggi ci sono somme non versate all'Onu come contributo. Nel 1999, il Trattato per la messa al bando totale degli esperimenti nucleari, che era una priorità di Clinton, è stato rifiutato di essere ratificato. Durante la presidenza Clinton, c'è stata una grande interferenza tra politica interna ed estera.

Nel decennio 2000, dopo l'11 settembre, è stato approvato il Patriot Act per rafforzare le prerogative del Presidente nella lotta al terrorismo. Tra il 2001 e il 2004, il Congresso è stato solidale con il presidente George W. Bush. L'invasione dell'Afghanistan e dell'Iraq è stata possibile solo perché l'ufficio presidenziale ha riacquistato le sue prerogative.

C'è un filo conduttore molto chiaro nell'equilibrio di potere tra la presidenza e il Congresso. C'è un processo che si è evoluto a favore del polo presidenziale.

Il labirinto burocratico[edit | edit source]

Questa è l'idea che nell'attuazione della politica estera americana. Sono sempre più numerose le istituzioni coinvolte nella politica estera americana. È un fenomeno capitale nella storia americana che è la proliferazione della proliferazione burocratica che è un fenomeno di tutti i grandi stati industriali con una proliferazione di organizzazioni burocratiche e amministrative. Per comprendere la politica estera americana, questa dimensione deve essere presa in considerazione.

Negli anni Settanta, Graham Alisson ha sviluppato il concetto di "politica burocratica". È un'idea che permette di pensare al processo decisionale politico e statale nel contesto di un processo decisionale complesso e di rivalità interdipartimentali. Questo labirinto burocratico è colossale negli Stati Uniti per illustrare questa polifonia della politica estera americana. Il fenomeno a lungo termine dell'ascesa del presidente americano è una disarchia tra l'amministrazione federale e il Congresso dell'altro.

I dipartimenti[edit | edit source]

Il Department of State[edit | edit source]

Organigramma del Dipartimento di Stato.

Il Dipartimento che è il più importante fin dall'inizio è il Dipartimento di Stato, perché divide l'amministrazione federale nell'attuazione della politica estera. Nel 1789 era una piccola amministrazione, mentre dal XX secolo in poi si è ingrandita. Il Dipartimento di Stato ha visto il suo personale passare da 6 persone nel 1789 a 20000 negli anni '60. Il segretario di Stato aveva 6 sottosegretari che dovevano negoziare tra loro. L'organo di governo è il Policy Planning Staff. Ci sono tutta una serie di piani che rendono complessa l'attuazione di questa politica.

Nel lungo periodo, c'è un'amministrazione molto tradizionale del Dipartimento di Stato fondata come una diplomazia tradizionale che è il business dei professionisti e che finalmente ha richiesto molto tempo per adattarsi alle nuove realtà della diplomazia. È una concezione abbastanza classica delle relazioni internazionali.

Questo Dipartimento di Stato, che funzionava in simbiosi con il Presidente all'inizio del XIX secolo, vedrà deteriorarsi i suoi rapporti con il Presidente, poiché le prerogative del Presidente saranno sempre più esercitate a scapito del Congresso, ma anche a scapito del suo Segretario di Stato, che inizialmente aveva una capacità d'azione, diventando un collaboratore piuttosto che un esecutore testamentario. I rapporti diventano difficili perché il segretario di Stato è riluttante ad accettare il rafforzamento dei poteri presidenziali. Gradualmente, il Dipartimento di Stato sarà emarginato e competerà con altri dipartimenti che prenderanno più iniziativa nella definizione della politica estera.

Il Department of Defense[edit | edit source]

Il Dipartimento della Difesa, che in origine era diviso in un Dipartimento di Guerra e un Dipartimento Navale, sarà fuso per formare il Dipartimento della Difesa. È un reparto che diventerà sempre più importante. Nell'ascesa del Dipartimento della Difesa, ci sono le due guerre mondiali e in particolare l'immediato dopoguerra. Nel 1945 c'è una parziale smobilitazione perché ci sono ancora altri fronti e la guerra fredda incombe. Il Dipartimento della guerra, che deve essere sgonfiato dopo un conflitto, rimane importante, soprattutto perché i segnali rimangono rossi in tutta una serie di aree. L'arrivo della Guerra Fredda arrivò con l'approvazione del National Security Act che finalmente fuse il Dipartimento della Guerra, la Marina, la Marina degli Stati Uniti e il Dipartimento dell'Aviazione in un "super dipartimento" della difesa simboleggiato dal Pentagono.[5][6] Nel 2009 sono 2 milioni di dipendenti, un budget di 500 miliardi di dollari. Durante la guerra fredda, il 75% dell'amministrazione americana lavorava per questo dipartimento. Oggi il Dipartimento della Difesa è subentrato al Dipartimento di Stato.

Struttura DoD a partire da marzo 2012.

Altri dipartimenti renderanno speciale il rapporto degli Stati Uniti con il mondo perché la politica estera statunitense e l'espansionismo americano si esprimono in altri modi in una molteplicità di settori politici.

Il Treasury Department[edit | edit source]

Organigramma del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Il Dipartimento del Tesoro diventa estremamente importante, soprattutto in occasione dei negoziati sul Trattato di Versailles. Gli Stati Uniti, all'indomani della prima guerra mondiale, svolgeranno un ruolo finanziario in particolare nelle questioni economiche del periodo interbellico con la questione dei risarcimenti, dei debiti di guerra, dei crediti alleati che saranno risolti attraverso una serie di piani come il piano Dawes e il piano Young. L'elaborazione di questi piani è stata fatta in gran parte con l'aiuto del Dipartimento del Tesoro, che ha svolto un ruolo sempre più importante nella diplomazia americana, poiché le questioni economiche sono diventate sempre più importanti nelle relazioni internazionali. All'indomani della seconda guerra mondiale, il Dipartimento del Tesoro ha avuto un ruolo di primo piano nel conferenza di Bretton Woods. Dagli anni '70 in poi, questo dipartimento ha accresciuto il suo ruolo, in particolare in materia finanziaria durante i vertici del G8.

Il Department of Commerce[edit | edit source]

Il Dipartimento del Commercio gestisce le relazioni economiche e commerciali degli Stati Uniti con il resto del mondo. Dal momento in cui la potenza americana ha acquisito importanza, nel corso del XX secolo il suo ruolo aumenterà. I principali negoziati intorno al GATT e all'OMC sono in gran parte concepiti nel Dipartimento del Commercio.

Il Department of Justice[edit | edit source]

Considerando il recente sviluppo degli organismi giudiziari internazionali nel corso del ventesimo secolo, in particolare la Corte internazionale di giustizia e la Corte penale internazionale, il Dipartimento di giustizia ha un posto in prima fila. Questo Dipartimento svolgerà un ruolo di primo piano nella lotta contro il traffico di droga.

La politica estera è stata inizialmente concepita nel Dipartimento di Stato, ma con l'espansione degli Stati Uniti e l'ampliamento delle sue aree di intervento, si è verificata una polarizzazione dei luoghi in cui sono state prese le decisioni di politica estera americana.

Il National Security Council [NSC]: un Dipartimento di Stato... di nuovo?[edit | edit source]

Ci sono altri organismi che hanno un ruolo nell'attuazione della politica estera americana, in particolare il Consiglio di Sicurezza Nazionale, che una volta era considerato un Dipartimento di Stato bis. È stato creato dalla legge sulla sicurezza nazionale nel 1947. Si tratta di un piccolo organismo destinato al necessario coordinamento degli organi di politica estera nel contesto della guerra fredda. I suoi piccoli membri cresceranno rapidamente. Si tratta di un organismo che presto eclisserà il Dipartimento di Stato perché avrà un accesso più diretto al presidente coinvolto nell'attuazione delle principali politiche estere statunitensi a partire dagli anni Sessanta.

Le NSC après sa réorganisation (2003).png

Servizi di intelligence[edit | edit source]

I servizi segreti sono agenzie che si sono moltiplicate a partire dal 1910 e dal 1920. Alla fine degli anni '80, negli Stati Uniti c'erano 10 servizi di intelligence identificati, spesso in competizione tra loro. La moltiplicazione dei servizi di intelligence ha impedito, tra l'altro, che il flusso di informazioni sull'attacco di Pearl Harbour portasse a una centralizzazione dei servizi.

Fino alla seconda guerra mondiale si riteneva che non ci dovesse essere un solo servizio di intelligence che portasse a una situazione vicina allo Stato nazista tedesco. Con la seconda guerra mondiale, c'è un processo di centralizzazione che avviene con la creazione dell'Ufficio di informazione sulla guerra nel 1941, che diffonde informazioni e propaganda. Due importanti informazioni sono state create con l'Office of War Information [OWI] e l'Office of Strategic Services [OSS] nel 1942, che si occupavano di intelligence e spionaggio. Le prerogative di queste due agenzie sono a priori ben definite.

Tra il 1945 e il 1947 era previsto uno smantellamento, ma con l'avvento della Guerra Fredda, il processo di centralizzazione sarà portato avanti con il National Security Act che darà vita alla CIA fondendo l'OWI e l'OSS. La missione della CIA è di raccogliere informazioni, in particolare nei paesi comunisti, e di svolgere tutta una serie di missioni segrete. La CIA è posta direttamente sotto l'autorità del Consiglio di Sicurezza Nazionale. Nel 1961 la CIA pianificò l'operazione Baia dei Porci che fu un fallimento, ma anche l'operazione Condor e tutta una serie di altre cose, come i contratti di finanziamento in Nicaragua per rovesciare il regime marxista-leninista in atto.

Gli scandali della guerra fredda hanno portato all'approvazione della legge sulla sorveglianza dell'intelligence [IOA] nel 1991 per regolamentare le attività della CIA. Tuttavia, la CIA non ha significato la fine di altri servizi di intelligence. C'è una centralizzazione ufficiale con la creazione della CIA, ma in realtà la questione dell'intelligence rimane decentralizzata. Inoltre, c'è concorrenza tra il FIB che si occupa di affari interni e la CIA che si occupa di sicurezza esterna. Quando si tratta di lotta al terrorismo, questi due servizi sono in concorrenza tra loro. Ci sono legami estremamente tenui tra le diverse strutture.

Agenzie governative[edit | edit source]

Questo è l'ennesimo livello della politica estera. Le agenzie governative sono strutture pubbliche o parapubbliche più o meno collegate a Dipartimenti che sono entrambi collegati e allo stesso tempo autonomi. Si tratta di agenzie federali indipendenti dai Dipartimenti o dalle segreterie, ma che fanno parte delle loro prerogative da questi Dipartimenti o segreterie.

La politica estera americana è un labirinto di organizzazioni estremamente diverse che riferiscono a persone estremamente diverse. Il controllo su tutte queste organizzazioni non è così forte come si potrebbe pensare. Esistono una moltitudine di strutture ad hoc che non sono collegate ai Dipartimenti, come la United States Information Agency [USIA] creata nel 1953 e integrata nel Dipartimento di Stato nel 1999, la United States Agency for International Development [USAID], 1961. Parzialmente integrata nel Dipartimento di Stato dopo il 1989, l'Agenzia per il controllo degli armamenti e il disarmo [ACDA] è stata fondata nel 1961 e integrata nel Dipartimento di Stato nel 1999.

Attori privati[edit | edit source]

Gli attori privati appaiono inizialmente abbastanza semplici, ma sono più complicati di quanto non appaiano. Gli attori privati hanno un ruolo nella politica estera statunitense. Nella politica estera americana, gli attori privati sono ancora più importanti che in altri Paesi. Lo Stato federale, nella storia americana, arriva solo secondo. Storicamente, lo Stato federale è stato debole, imponendosi gradualmente nel corso del ventesimo secolo, e gli attori che hanno acquisito importanza lo manterranno.

La questione della divisione tra attori pubblici e privati è strettamente legata alla questione dell'interesse generale. L'interesse generale, l'interesse pubblico, l'interesse della nazione non è solo in teoria incarnato dal sovrano. Più in generale, ciò che definisce l'interesse generale negli Stati Uniti sono le relazioni di potere dei diversi attori della politica estera americana. L'interesse generale americano è solo il risultato dell'equilibrio delle diverse forze che investono il campo politico per spiegare un certo numero di aspetti della politica estera americana.

Gli attori privati partecipano alla politica estera in tre modi:

  • per mezzo di lobbying: esercitare pressioni sul governo per orientare la politica estera in una certa direzione;
  • tramite l'azione sul terreno: conducendo la propria "diplomazia";
  • tramite la competenza: nella costruzione della politica estera.

Lobbying in Congresso[edit | edit source]

Il lobbismo si svolge in particolare al Congresso. Il lobbismo è parte integrante della cultura politica americana, essendo addirittura indicato nella costituzione del 1787 come "diritto di petizione", il che significa che ogni cittadino ha il diritto di presentare una petizione al Congresso. Il lobbismo è un elemento essenziale della libertà di espressione, che è alla base di un diritto che si istituzionalizzerà in tutta la politica estera e interna americana. Il lobbying è costruito secondo il principio dei controlli e dei bilanci con l'idea che ognuno può esprimere la propria opinione e vince chi riesce a mobilitarsi di più a suo favore. L'interesse generale era il risultato di una somma di interessi che rappresentava il sistema di lobbying.

Il lobbismo era prima di tutto una pratica che doveva essere regolata legalmente a partire dagli anni '40 per evitare un certo numero di eccessi, poi legalmente riconosciuta come tale nel Federal Regulation of Lobbying Act del 1946 e integrata dal Lobbying Disclosure Act del 1995, che determina con precisione quali gruppi sono accreditati al Congresso. Si tratta di una serie di gruppi di interesse che a volte sono stati a loro volta rappresentati da aziende specializzate a Washington.

Ci sono tre tipi di organizzazioni e lobby che lavorano su questioni di politica estera al Congresso.

  • ONG: come Human Rights Watch;
  • Lobby economiche: tutte le associazioni di lavoro come la Camera di Commercio Americana o le associazioni imprenditoriali come la National Association of Manufacturers e l'AFL-CIO. Un'ampia gamma di importanti associazioni che rappresentano i gruppi dei settori produttivi si rivolgeranno al Congresso per far progredire gli interessi del loro settore aziendale;
  • Gruppi etici: praticamente tutti i gruppi della diaspora hanno un proprio gruppo di pressione al Congresso, come gli israeliani che spingeranno per una politica estera pro-Israele, la lobby cubana, gli armeni, etc. *Gruppi etici: praticamente tutti i gruppi della diaspora hanno un proprio gruppo di pressione al Congresso, come gli israeliani che spingeranno per una politica estera pro-Israele, la lobby cubana, gli armeni e così via.

Le lobby non sono necessariamente di origine privata. L'amministrazione federale a volte dà luogo a una serie di lobby per aggirare il Congresso, come il Comitato pubblico americano di Israele e l'amministrazione per sostenere l'amministrazione Eisenhower nell'attuazione di una politica estera a favore dello Stato israeliano, o la lobby cubana all'interno dell'amministrazione Reagan per rafforzare la politica di immigrazione.

Azione a terra[edit | edit source]

Il lobbismo è solo un elemento del lavoro degli attori governativi, gran parte di esso viene fatto sul campo. In una prospettiva transnazionale, questi attori agiscono a fianco, all'esterno, contro, in parallelo all'amministrazione. Agendo in parallelo, essi agiscono al di fuori dei confini dello Stato e del contesto statale. Gli attori non governativi non sono in relazione con i paesi, la questione delle frontiere non è di particolare interesse per loro. Il loro margine d'azione non è quello del governo degli Stati Uniti, che è generalmente più flessibile e reattivo agli eventi. È discutibile se questi attori non governativi siano completamente indipendenti o, al contrario, strutturalmente dipendenti dallo Stato americano. Nessuna organizzazione non governativa americana è completamente indipendente dal governo americano e non ha la stessa concezione dell'interesse nazionale che ha l'interesse dello Stato.

La politica estera è condotta da una serie di organizzazioni che agiscono in parallelo. Le missioni protestanti in tutto il mondo, ad esempio, hanno una loro specificità, che agisce in un certo senso come un tutt'uno, ma soprattutto ci sono strutture che sono organizzazioni che sono movimenti evangelizzati che promuovono al tempo stesso uno stile di vita anglosassone e valori in particolare che hanno costituito una significativa forza d'urto per tutto il XIX secolo.

Le grandi fondazioni filantropiche che si sono sviluppate a partire dalla fine del XIX secolo e per tutto il XX secolo hanno attuato la diplomazia filantropica. Le fondazioni sono organizzazioni che organizzano campagne umanitarie in America Latina, Asia ed Europa che sono entrambe campagne per sradicare le malattie e allo stesso tempo lo fanno con un apparato americano che permette la modernizzazione dei sistemi sanitari pubblici. Questa è una proiezione della politica estera americana. Queste grandi organizzazioni, come la Fondazione Rockefeller nel periodo tra le due guerre, la Fondazione Ford nella Guerra Fredda, stanno conducendo una vera e propria diplomazia con finanziamenti significativi.

Le ONG si svilupperanno durante la prima guerra mondiale, come CARD nel periodo tra le due guerre e i comitati di aiuto ai rifugiati. Tra il 1975 e il 1988 è stato istituito Watch-Human Rights Watch e nel 1993 è stata fondata Transparency International. Si tratta di organizzazioni umanitarie attive, tra l'altro, nella prima guerra mondiale. Queste organizzazioni fanno parte di una proiezione globale degli Stati Uniti nel mondo che incarna una serie di principi.

Industriali e banchieri guideranno una diplomazia bancaria nel periodo tra le due guerre, con l'istituzione di prestiti che consentiranno una serie di ricostruzioni nel dopoguerra in coordinamento con il Dipartimento di Stato. Il ruolo è talmente importante che sono più espansionistici del governo americano stesso perché i loro interessi finanziari non sono gli interessi geopolitici del governo americano in quel momento, in particolare per penetrare in alcuni mercati bancari.

Istituzioni di competenza: think tank[edit | edit source]

Questa è una delle originalità del sistema politico e della politica estera americana. La competenza gioca un ruolo importante nella politica estera americana in quanto, molto presto, alla fine del XIX secolo, si pensò di basare le decisioni politiche su dati precisi, scientifici e oggettivi e, infine, il decisore dovette affidarsi allo scienziato per costruire la sua politica estera e la sua decisione in questo campo. Gli Stati Uniti sono emersi dalla fine del XIX secolo come potenza mondiale. L'idea è che devono costruire una politica estera globale, quindi devono avere strumenti per orientare questa politica in modo da poter intervenire in tutte le aree geografiche. È l'idea di avere gli strumenti che permettono di intervenire ovunque e in qualsiasi momento, in particolare avendo una significativa competenza scientifica.

Con la questione dei think tank, la distinzione tra attori privati e pubblici è estremamente sfumata perché, alla fine, i think tank sono lì per fornire un collegamento tra la sfera pubblica e quella privata e, in generale, tra il mondo accademico, che è un fornitore di conoscenza, e il mondo politico, che ha bisogno di conoscenza per portare avanti la sua politica e le sue azioni concrete. È l'idea di costruire un ponte e di fornire conoscenze specifiche utilizzabili. Il sistema dei think tank è un tipo di conoscenza di tipo accademico, ma allo stesso tempo deve essere utilizzabile dal mondo politico. Sono organizzazioni, a volte private, a volte pubbliche, a volte entrambe, a carattere misto, spesso finanziate da entrambe. Le persone sono entrambi funzionari federali, a volte accademici privati, a volte entrambi, c'è una permeabilità istituzionalizzata. Think tanks sono un fornitore di politica estera essendo una componente dello stabilimento di politica estera, che rappresenta un ambiente che è un piccolo gruppo che fa la politica estera degli Stati Uniti.

Ci sono diverse generazioni di think tank.

Prima generazione[edit | edit source]

Vetrata dedicata ad Andrew Carnegie nella Cattedrale Nazionale.

La prima generazione apparve alla fine del XIX e all'inizio del XX secolo con il Carnegie Endowment for International Peace [CEIP] fondato nel 1910 come una delle tante organizzazioni fondate dalla Carnegie steel magna negli Stati Uniti con l'obiettivo di promuovere il diritto internazionale in tutto il mondo. Non solo è un'organizzazione che conduce una vasta gamma di studi su cosa sia il diritto internazionale, ma supporta anche una vasta gamma di istituzioni che sviluppano il diritto internazionale. Il Tribunale arbitrale creato a seguito della conferenza dell'Aia è stato creato con i fondi di Carnegie. Anche l'istituzione della Corte permanente di giustizia internazionale nel 1921 è stata sostenuta. La fondazione fa pressione anche sugli ambienti politici e giuridici americani per far entrare gli Stati Uniti in una serie di ambienti internazionali. La fondazione è dominata dai grandi baroni del Partito Repubblicano, che sottolineano la natura ibrida di queste organizzazioni.

Elihu Root nel 1902.

Il Consiglio per le relazioni estere è stato creato nel 1921 su iniziativa di Elihu Root. E' stato creato in reazione al rifiuto di ratificare il Trattato di Versailles, che divideva gran parte della classe politica americana. Infine, c'è un'intera fazione internazionalista negli ambienti politici e accademici americani che sostiene che il rifiuto del Trattato di Versailles deve essere controbilanciato inserendo il più possibile gli Stati Uniti nell'arena internazionale attraverso l'elaborazione di soluzioni. Come punto di partenza, il Council on Foreign Relations sta riflettendo sul posto che gli Stati Uniti dovrebbero avere nel sistema internazionale.

Nel 1922, la rivista Foreign Affairs è stata creata per fornire consulenza su questi temi. Durante la Seconda Guerra Mondiale, dal 1939 al 1940, il Council on Foreign Relations lavorò per il Dipartimento di Stato degli Esteri, lanciando una serie di studi chiamati "War and Peaces Studies", che comprendevano 682 rapporti che analizzavano come sarebbe stato il mondo dopo il 1945 e come dovrebbe essere la politica estera americana nel mondo post-1945. Uno dei principali leader di questo programma fu John Foster, che divenne segretario di Stato di Eisenhower nel 1953. Il Consiglio per le relazioni estere è diventato un importante laboratorio di politica estera.

L'Istituto delle relazioni del Pacifico è stato fondato nel 1925. Si tratta di un'istituzione che riunisce attori pubblici e privati degli Stati Uniti che è una sorta di federazione di diversi centri di competenza situati negli Stati Uniti orientali e i cui diversi centri sono coordinati dalla sezione americana essendo una struttura mista semipubblica, semiprivata. Questo istituto si occupa di questioni geopolitiche nella regione del Pacifico, creando in particolare la rivista Pacific Affairs nel 1926. Il fatto che questo istituto si occupi della regione del Pacifico non è una coincidenza, perché dopo la prima guerra mondiale il Pacifico era un'area geografica verso la quale la politica estera americana era orientata, da qui l'idea di beneficiare di precise competenze su questioni geopolitiche e di poter alimentare la cerchia dei decisori politici su quanto stava accadendo in queste regioni.

Il Comitato per lo sviluppo economico è stato fondato nel 1942 durante la seconda guerra mondiale. Fu uno dei tanti istituti di esperti creati in questo periodo, che avrebbe gettato le basi per l'ordine economico del dopoguerra e la riorganizzazione dell'economia mondiale, fornendo al Dipartimento del Tesoro, in particolare, un lavoro che avrebbe influenzato l'atteggiamento dei decisori durante la conferenza di Bretton Woods, che stabilì il quadro dell'economia del dopoguerra. Saranno inoltre elaborati lavori, tra cui la genesi del Piano Marshall. Una delle conclusioni da sogno di questi studi è che una parte dell'Europa sarà completamente distrutta e avrà bisogno di pesanti crediti per sostenere la sua economia.

Seconda generazione[edit | edit source]

La seconda generazione appare dopo la seconda guerra mondiale e con la guerra fredda. Una cosa li distingue, naturalmente, è che il contesto della Guerra Fredda è molto diverso da quello del dopoguerra e del periodo bellico.

L'eredità è l'eredità della seconda guerra mondiale e della guerra fredda, che sarà la promozione delle questioni scientifiche e l'importante ruolo della scienza in guerra. Le questioni scientifiche produrranno argomenti, ma guideranno anche la politica, in particolare la conferenza di Bretton Woods e le conferenze del dopoguerra in cui gli economisti hanno svolto un ruolo fondamentale.

Rand-logo.PNG

Le organizzazioni sono molto più istituzionalizzate che negli anni '10 e '20, quando tendevano a diventare uffici di progettazione sotto contratto con il governo federale. I collegamenti sono istituzionalizzati con contratti e il governo federale commissiona studi su temi specifici. È il caso della RAND Corporation creata nel 1948.

La RAND Corporation è un prodotto del contesto della Guerra Fredda, evidenziando la permeabilità tra pubblico-privato e quasi-istituzionalizzato, in quanto la RAND Corporation è il risultato di un accordo tra la ditta Douglas e l'Aeronautica Militare degli Stati Uniti. La RAND Corporation lavorerà alla ricerca di nuovi armamenti nel contesto della corsa agli armamenti tra gli Stati Uniti e l'URSS. L'obiettivo è quello di permettere agli Stati Uniti di mantenere un vantaggio nell'armamento nucleare. Si tratta anche dell'impatto delle armi chimiche e nucleari sull'uomo e sull'ambiente. La RAND Corporation sta anche lavorando allo sviluppo di quella che diventerà la dottrina della deterrenza, che è al centro del concetto di equilibrio del terrore che è diventato il fulcro dell'opposizione geopolitica nel cuore della guerra fredda. La Mutual assured destruction [MAD] è il fatto che se un avversario attacca, il danno alla risposta dell'avversario è così grande che non effettuerà l'attacco. E' l'idea che gli Stati Uniti hanno un arsenale nucleare in crescita, ma che non dovrebbe essere usato o la distruzione sarebbe troppo grande. La sistematizzazione della realtà e della dottrina è in gran parte opera della Rand corporation. Una divisione di scienze sociali, diretta da Hans Speier, si occupa di questioni di propaganda per garantire gli effetti sui Paesi interessati.

Il Center for Strategic and International Studies, fondato nel 1962, è un think tank bipartitico specializzato in questioni di sicurezza.

Logo PNAC.gif

Il Project for a New American Century [PNAC] è stato istituito nel 1997 e si è protratto fino al 2006. Questo think tank è chiaramente etichettato e legato al movimento neoconservatore del Partito Repubblicano. Il suo obiettivo è quello di promuovere la leadership globale americana da una prospettiva politica e militare per reinventare la sua leadership nel contesto di un nuovo ordine mondiale. I fondatori di questo think tank sono persone famose come Dick Cheney, Donald Rumsfeld e Paul Wolfowit. Questo progetto riunisce non solo politici, ma anche accademici come Robert Kagan e pubblicisti come William Kristol.

L'obiettivo prioritario del PNAC è quello di rimodellare la mappa geopolitica del Medio Oriente. Questo è il contesto della fine degli anni '90, quando si è svolta la guerra del Golfo, l'Iraq è stato espulso dal Kuwait, e l'idea è quella di portare la democrazia con la forza, se necessario, ma anche di porre fine alla prima guerra del Golfo facendo cadere Saddam Hussein. Questo programma sarà attuato sotto l'amministrazione Bush, e queste personalità diventeranno gli artefici di questo programma istituito dal PNAC. Grazie al ritorno al potere di alcune persone, il progetto teorizzato in questo think tank è diventato la linea politica di George Bush facilitata dall'attacco dell'11 settembre che ha cambiato le carte in tavola nella politica estera americana e ha reso ufficiale la dottrina. Il ponte è opaco anche tra pubblico e privato con Dick Cheney, che viene come vice-presidente nello stesso momento in cui ha interessi nella società Halliburton, che è una società che otterrà contratti petroliferi nell'era del dopo seconda guerra del Golfo.

Istituzioni di competenza: attori privati dell'Amministrazione federale[edit | edit source]

Non si tratta di istituzioni in quanto tali, ma di attori che lavorano a stretto contatto con l'Amministrazione federale in una serie di settori specifici. L'inchiesta che emerse negli anni 1917-1919 fu un intero staff di esperti che venne con Wilson alla conferenza di pace e lavorò per due anni su questioni di rimodellamento politico in Europa, riunendo storici, economisti, antropologi, linguisti e demografi in previsione di come sarebbe stata la partecipazione degli Stati Uniti alla pace attraverso una serie di questioni e studi. Il secondo organo più importante della delegazione statunitense è l'Inquiry.

La seconda guerra mondiale offre l'opportunità di evidenziare lo stesso processo, ma in modo decuplicato. Fin dall'inizio della guerra, tutta una serie di esperti sono stati incaricati di lavorare su una serie di questioni. In particolare, gli emigranti dell'intelligence europea dovevano lavorare nell'amministrazione federale per tutta la durata della guerra. Al centro di tutto questo lavoro c'era l'OSS con il ramo Ricerca e Analisi, che prima era un ramo più o meno indipendente e poi è entrato a far parte del Dipartimento di Stato nel 1945. Era responsabile dell'informazione e poi nel 1941 è stata creata la Research and Analysis Branch. Alla fine della seconda guerra mondiale, una parte va alle università, una parte al Dipartimento di Stato. Quando è stata creata la CIA, alcuni degli accademici avrebbero avuto un ruolo a volte molto importante. I grandi dipartimenti impiegano anche attori privati come il Dipartimento di Stato che lavora con think tank istituzionalizzati, ma assumeranno un certo numero di persone come quelli che lasciano la difesa. Si può facilmente considerare che il processo decisionale è guidato dall'alto dall'amministrazione federale, ma si può anche considerare che l'amministrazione federale è colonizzata da una serie di attori privati.

Istituzioni di competenza: università[edit | edit source]

Le università, che sono di proprietà privata, giocano un ruolo importante nella produzione di competenze, stabilendo un partenariato con il governo federale. La questione della sicurezza nazionale negli Stati Uniti è un obiettivo prioritario. In particolare, dal punto di vista culturale, la nozione di sicurezza è molto importante per la comprensione della politica estera americana, ma il ruolo della conoscenza scientifica nel preservare la sicurezza nazionale gioca un ruolo importante. Questa è una realtà del dopoguerra, soprattutto nel contesto della guerra fredda.

Gli studi di area sono un insieme di studi interdisciplinari che si concentrano su specifiche aree geografiche, combinando aspetti storici, politici e linguistici per comprendere alcune aree geografiche. Sono dipartimenti interdisciplinari. L'espansione dell'università americana è strettamente legata all'emergere degli Stati Uniti nelle relazioni internazionali. Queste specialità aiutano a guidare la politica estera americana. Sono discipline strettamente legate al contesto geopolitico.

Questi studi di area sono iniziati provvisoriamente nel periodo tra le due guerre, ma la seconda guerra mondiale ha dato loro una notevole espansione, dato che gli Stati Uniti hanno raggiunto lo status di grande potenza e gli studi di area hanno fornito il quadro di riferimento per gli Stati Uniti per plasmare la loro politica globale. Quel suono di strutture che negli anni '30 e nella seconda guerra mondiale erano finanziate da fondazioni private e che dopo la seconda guerra mondiale sarebbero state finanziate da fondi intergovernativi. Esiste una continuità diretta tra l'OSS e gli studi di area. Nell'ambito dell'OSS, gli specialisti che lavorano in determinate regioni, una volta smobilitati, troveranno lavoro nelle università che stanno iniziando a creare dipartimenti di studi di zona. Le principali aree in cui si stanno sviluppando gli studi di area sono prima di tutto la Russia, perché è abbastanza chiaro che c'è bisogno che l'amministrazione federale conosca il suo nemico. Lo sviluppo di tutti questi specialisti mette a disposizione dei fornitori di competenze sulle regioni d'interesse per l'Amministrazione federale.

La questione della psicologia e della propaganda nella Guerra Fredda è centrale, perché è una guerra geopolitica è anche una guerra di propaganda, di cultura e di messaggi, poiché entrambe le potenze sanno bene che non entreranno in guerra tra loro. La guerra di propaganda è uno strumento importante della guerra fredda. Gli psicologi saranno mobilitati nell'attuazione della politica americana della Guerra Fredda per decodificare e indirizzare la propaganda russa.

Attraverso la questione degli attori privati e delle competenze, è chiaro che, a seconda del contesto e da entrambe le parti delle due guerre, le agenzie governative e l'agenzia federale hanno svolto un ruolo molto importante nel ruolo di queste discipline, il che non significa che le discipline accademiche si sussumano con il campo politico, il campo della produzione di conoscenza che è difficilmente indipendente dal campo politico e viceversa.

Allegati[edit | edit source]

  • Casey, Steven. "Selling NSC-68: The Truman Administration, Public Opinion, and the Politics of Mobilization, 1950-51*." Diplomatic History 29.4 (2005): 655-90.

Riferimenti[edit | edit source]