Actions

La raccolta dei dati

From Baripedia


Contents

Due modi per raccogliere informazioni[edit | edit source]

Ci sono due modi principali per raccogliere dati nelle scienze sociali:

  • Osservazione: comportamenti direttamente osservabili come il grado di tensione. Si tratta di un modo relativamente raro di raccogliere informazioni.
  • Interrogazione: la scelta dipende da diversi fattori, vale a dire le scelte fatte durante la domanda di ricerca, che dipende dalla domanda della domanda di ricerca. E' la scelta di come raccogliere i dati; per esempio, se siamo più interessati a comportamenti che a opinioni o valori che non sono osservabili.

Sondaggio campione[edit | edit source]

La maggior parte della ricerca in scienze politiche comporta la messa in discussione. Il modo preferito nel paradigma positivista e post-positivista è attraverso indagini a campione.

Se siete interessati a studiare il comportamento elettorale, si passa attraverso i dati che sono stati raccolti da qualcun altro attraverso un sondaggio a campione o un questionario.

L'indagine a campione, secondo Corbetta, è un modo per raccogliere informazioni intervistando gli individui che sono i soggetti della ricerca. Gli individui appartengono ad un campione rappresentativo attraverso una procedura di interrogazione standardizzata al fine di studiare le relazioni esistenti tra le variabili.

I sondaggi a campione si basano sul porre domande, è fare domande alla gente; è lo strumento cruciale più spesso utilizzato.

Si tratta quindi di un'indagine per campione:

  • raccogliere informazioni intervistando le persone: le domande vengono poste e formulate.
  • individui oggetto di ricerca: questo permette di fare una distinzione, perché esistono altri metodi di raccolta dati che comportano l'interrogazione e/o gli individui che stiamo intervistando non sono gli individui o i soggetti che vogliamo studiare, e in particolare le interviste "key information", cioè l'interrogazione di persone che possono darci informazioni sull'argomento in studio.
  • campione rappresentativo: interroghiamo una parte della popolazione, se siamo interessati al comportamento elettorale degli svizzeri non interroghiamo i sette milioni di svizzeri, ecco perché interroghiamo solo una parte della popolazione. Tuttavia, è possibile incorrere in errori di selezione, in particolare errori di campionamento. Pertanto, l'indagine per campione interroga un campione rappresentativo della popolazione da studiare.
  • procedura standardizzata nel modo in cui si pone la domanda: c'è una standardizzazione della procedura, perché dal punto di vista della ricerca quantitativa vogliamo standardizzare le informazioni, perché vogliamo confrontare le risposte tra loro, ecco perché facciamo le stesse domande a tutti e nello stesso modo. L'obiettivo è quello di essere in grado di elaborare le risposte attraverso gli strumenti offerti dalle statistiche. Le scelte dipendono dalla prospettiva di cui fai parte, la scelta tra approccio quantitativo e qualitativo è dettata dalla questione della ricerca, ma anche dalle preferenze e dalle tradizioni di cui fai parte. In altre parole, la standardizzazione consente l'elaborazione e il confronto statistico.
  • studiare le relazioni tra variabili: mettiamo i concetti in relazione, poi abbiamo operazionalizzazione e attraverso questa procedura arriviamo a variabili che ci permettono di studiare le relazioni tra variabili. Questa caratteristica consente di distinguere tra "indagine per campione" e "indagine". Un'indagine non ha lo scopo di testare le ipotesi, mentre un'indagine a campione è utilizzata per testare le ipotesi. L'indagine è principalmente descrittiva. Vogliamo testare empiricamente le ipotesi e non solo esplorare e descrivere.

Tipi di raccolta dati tramite interrogazione[edit | edit source]

Types de recueil des données à travers l’interrogation.png

Risposte: Standardizzato/liberi[edit | edit source]

C'è un modo per classificare i diversi tipi di raccolta dati attraverso l'interrogazione. La tipologia si basa sul grado di standardizzazione delle domande, ma anche delle risposte. Si può dire che quando procediamo interrogando nella ricerca sulle scienze sociali possiamo porre domande che sono standardizzate, cioè le stesse per tutti.

Possono anche essere poste domande diverse a seconda degli argomenti che variano. Ad esempio, a uomini e donne potrebbero essere poste domande diverse se sono interessati a ruoli diversi nella famiglia o nella società.

È anche possibile prendere in considerazione un tipo di domande in cui vengono poste domande diverse a persone diverse, perché non si è interessati alla standardizzazione.

Per quanto riguarda la standardizzazione, la formalizzazione e la sequenza delle domande è la stessa.

Domande: Standardizzato/gratuito[edit | edit source]

Vi è anche una distinzione tra domande standardizzate o libere. Possiamo fare in modo che le risposte siano le stesse per tutti o possiamo lasciare a tutti un certo grado di libertà per quanto riguarda le risposte.

La risposta standardizzata presenta modalità di risposta, chiediamo di scegliere tra diverse modalità.

Tipologia[edit | edit source]

  • nel questionario: domande e risposte sono standardizzate.
  • intervista libera: senza standardizzazione per risposte o domande.
  • l'intervista alla struttura: abbiamo gli stessi tipi di domande, ma tutti possono rispondere come meglio credono. Le domande sono standardizzate, ma non vengono forniti i metodi di risposta, il che ovviamente presenta vantaggi e svantaggi.

Questi sono tre tipi di procedure per testare le ipotesi attraverso l'interrogazione.

Problemi sostanziali della raccolta di informazioni attraverso l'interrogazione[edit | edit source]

Ci sono una serie di questioni di finanziamento di cui essere consapevoli.

Problemi legati alla standardizzazione[edit | edit source]

La standardizzazione nasce dal paradigma positivista, siamo in un approccio epistemologico oggettivista, cerchiamo di standardizzare. Questo ha una serie di controindicazioni da cui nascono i problemi: quando si standardizza si vince da un lato e si perde dall'altro lato con, in particolare, una spersonalizzazione tra l'intervistatore e l'intervistato.

Per coloro che si inseriscono in questo paradigma, è preferibile che ci sia differenziazione, perché il ricercatore deve essere separato dal soggetto.

Questo obiettivo di cercare di avvicinarsi alla neutralità dello strumento per ottenere una comparabilità delle persone pone un certo numero di problemi, siamo nel quadro di riflessioni epistemologiche.

Fiabilité du comportement verbal[edit | edit source]

Se osserviamo dei comportamenti, siamo sicuri di averli osservati con un'idea della validità di quanto osservato. Deve essere implementato un intero sistema metodologico per ridurre le fonti di errore legate agli intervistati:

  • desiderabilità sociale delle risposte: gli individui tendono a rispondere in un modo che offre un'immagine positiva di sé o che non offende la sensibilità della persona che gestisce la domanda.
  • assenza di opinione: relativa alla questione degli "pseudo-opinioni". Quando poniamo domande ai singoli individui, se poniamo la stessa domanda a due individui con uno che ha già riflettuto sulla domanda e si è formato un'opinione e l'altra persona si confronta per la prima volta con la domanda, in questo caso ci si forma un'opinione sul momento che potrebbe non esserlo; quindi l'assenza di un'opinione è un problema fondamentale nel processo di interrogazione. Se siamo in approcci più qualitativi, abbiamo il tempo di interagire con la persona, permettendogli di formarsi un'opinione ed evitando il problema della "pseudo-opinione".

Quattro aspetti dell'indagine per campione[edit | edit source]

Tipi di domande[edit | edit source]

Sostanza[edit | edit source]

C'è un aspetto legato alla sostanza del contenuto della domanda e alla sua forma.

  • dati socio-demografici: sono affrontati diversi aspetti, comprese le caratteristiche socio-demografiche degli intervistati. Questo è qualcosa che non dovrebbe mai essere dimenticato. Le caratteristiche individuali influenzano altri comportamenti.
  • atteggiamenti: è una predisposizione acquisita ad una questione politica. In questo modo è possibile, ad esempio, studiare i valori.
  • comportamenti: possono essere osservati, ma se non possono essere osservati, gli individui devono essere intervistati. La ricerca si concentra sul comportamento delle persone, ad esempio, ponendo domande sulla partecipazione individuale. Questi dati sono più controllabili degli "atteggiamenti" perché sono meno soggetti a variazioni e più facili da osservare. Si distingue tra "domande fattuali" che si riferiscono ai fatti e "domande motivazionali". L'idea è che, se possibile, è meglio porre domande fattuali e comportamentali.

Forma[edit | edit source]

Domande aperte[edit | edit source]

Gli intervistati hanno la libertà di rispondere; sono meno standardizzati nella risposta.

Vantaggi Svantaggi
  • consentire la libertà di espressione : ognuno trova la sua strada, l'individuo non è bloccato in una scelta predefinita.
  • profondità delle informazioni : si va in modo intensivo piuttosto che estensivo.
  • più vicino ai dati reali : la persona non è racchiusa in modalità di risposta prestabilite con il pericolo di "pseudo opinioni", quindi siamo più vicini alla realtà.
  • risposte vaghe : tutti possono rispondere in qualsiasi modo vogliano.
  • mancanza di omogeneità nell'intervento degli intervistatori.
  • difficoltà di interpretazione e codificazione delle risposte : su un campione di molte persone, è difficile classificare domande aperte, è meglio farlo in anticipo con domande chiuse.
  • comporta un lavoro di codifica per standardizzare.

Domande chiuse[edit | edit source]

Non prevedere modalità di risposta specifiche, nelle indagini per campione (questionari) questo metodo è più comunemente usato, in quanto le risposte possono essere confrontate in quanto sono già standardizzate.

Vantaggi Svantaggi
  • dare a tutti lo stesso quadro di riferimento : tutti hanno lo stesso quadro di riferimento.
  • rendere più facile ricordare : rende più facile ricordarlo, ma questo può essere visto come uno svantaggio, in quanto può influenzare le risposte.
  • stimolare l'analisi e la riflessione : riflettiamo sui diversi sistemi di risposta.
  • escludere tutte le alternative di risposta che il ricercatore non aveva previsto : occorre garantire che siano incluse tutte le modalità di risposta.
  • le alternative proposte a volte influenzano le risposte : influenziamo l'intervistato e ci allontaniamo dal vero valore che vogliamo osservare.
  • le risposte non hanno lo stesso significato per tutti : la definizione deve essere compresa da tutti allo stesso modo.

Domande mixtes[edit | edit source]

C'è un elemento di risposta in stile "altro" e allo stesso tempo la domanda chiusa con le modalità di risposta presentate all'intervistato. In questo caso, lo strumento è reso più flessibile; sia noi standardizziamo che non dimentichiamo di offrire alcune modalità di risposta, il che è un errore fatale, perché non può essere riparato. D'altra parte, in caso di dubbio, questo permette di lasciare una risposta aperta.

Domanda "caffetteria"[edit | edit source]

Si riferisce a domande chiuse con un elenco più lungo di risposte, mentre le modalità di risposta possono essere singole o multiple.

Formulazione delle domande[edit | edit source]

Non ci sono domande giuste e sbagliate, ma ci sono una serie di consigli e pregiudizi per renderle più rilevanti. Cerchiamo di ridurre un certo numero di errori attraverso diverse ricette.

Il modo in cui viene posta la domanda ha un impatto sulla risposta. Negli Stati Uniti, la domanda sulla libertà di parola è stata posta nei seguenti termini: pensate che gli Stati Uniti dovrebbero consentire dichiarazioni pubbliche contro la democrazia? Le persone hanno risposto al 75% "no". E' stata posta un'altra domanda: pensate che gli Stati Uniti dovrebbero vietare le dichiarazioni pubbliche che vanno contro la democrazia? Le persone hanno risposto "sì" al 54%.

I risultati sono molto diversi mentre nella prima domanda ¾ le persone sono d'accordo a non far dire nulla contro la democrazia; per la stessa domanda posta in modo diverso, le persone rispondono "sì" al 54%.

Un'altra domanda è: se una situazione come quella del Vietnam dovesse svilupparsi in un'altra parte del mondo, pensa che gli Stati Uniti dovrebbero inviare o meno truppe? Il 18 per cento delle persone è d'accordo. La stessa domanda è stata posta ad un altro gruppo, è un altro disegno sperimentato dividendo il campione in un altro modo: gli Stati Uniti dovrebbero intervenire o meno inviando truppe per fermare una presa di potere comunista? In questo caso, il 33% aveva detto "sì". Quindi il modo in cui viene posta la domanda è cruciale e cambia la risposta; in altre parole, il modo in cui vengono poste le domande può creare pregiudizi.

  • semplicità del linguaggio: costruiamo una domanda che daremo agli intervistati, dobbiamo usare un linguaggio semplice che si adatta alla persona o al gruppo intervistato.
  • lunghezza delle domande: cerca di fare domande brevi. numero di risposte alternative: nel contesto delle domande "caffetteria", cerca di non dare un elenco troppo lungo di risposte, in altre parole, limita il numero di risposte.
  • gergo: quando si studiano le sottoculture, evitare di usare il loro linguaggio. definizioni ambigue: dovrebbero essere evitate come, ad esempio, "hai un lavoro stabile? "Soprattutto, è necessario specificare che cos'è il lavoro stabile; è necessario essere il più specifico possibile nella formulazione della domanda.
  • parole con forti connotazioni negative: se facciamo ricerche sui rapporti genitore-figlio e sulle sanzioni, una domanda mal posta sarebbe "colpisci i tuoi figli".
  • questioni sintatticamente complesse: evitare domande negative, in particolare quelle che comportano una doppia negazione; ad esempio, "Siete d'accordo o in disaccordo con la seguente affermazione: non è vero che i lavoratori si trovano in una situazione così negativa come dicono oggi i sindacati? ». È preferibile porre domande in forma affermativa.
  • domande con risposte non univoche: "I tuoi genitori sono religiosi? "Il problema è che abbiamo due genitori e c'è una distinzione tra madre e padre.
  • domande non discriminatorie: evitare domande che non fanno differenze tra i soggetti, perché una domanda che poi porta ad una risposta quasi unanime non dà più origine ad una variabile, ma ad una costante. Per poter lavorare nella ricerca quantitativa, ci devono essere variazioni nei soggetti. Per esempio, "Di quale dei seguenti gruppi ti fidi di più? "tutti si fidano dei propri cari; dobbiamo ampliare le possibilità di risposta.
  • domande parziali: evitare domande che suggeriscono una risposta, "nel nostro paese 700 sacerdoti hanno dichiarato che la Bibbia è il messaggio dei poveri e quindi sfruttati di coloro che lavorano nelle fabbriche, partecipando attivamente ai sindacati e alle organizzazioni politiche per ottenere più diritti sociali, pensi che i sacerdoti abbiano ragione? Ci sono troppi termini fuorvianti.
  • comportamenti presunti: evitare di fare certi comportamenti, come ad esempio "per quale partito hai votato nelle ultime elezioni? "prima di tutto è necessario chiedersi se la persona interrogata può votare. Questo tipo di domande è chiamato anche "domande filtro".
  • attenzione nel tempo: in generale, evitare di fare domande vaghe, come "quante volte al mese leggi i giornali? "è sempre difficile ricordare e stabilire un punto di riferimento. In generale, c'è una domanda standard che consente di specificare il contesto e impostare un parametro temporale per garantire che le risposte siano compatibili.
  • domande astratte: "Pensi che la pena di morte dovrebbe essere applicata nel caso di reati particolarmente gravi? "Il concetto di "reato grave" varia a seconda dell'individuo e dei gruppi di individui intervistati. A seconda che la domanda sia formulata in termini astratti o concreti che influenzano la risposta, la domanda più valida sarà posta dalla concretizzazione degli esempi.
  • comportamenti e atteggiamenti: è sempre meglio concentrarsi su comportamenti che su atteggiamenti più difficili da determinare. Per esempio, piuttosto che dire "sei interessato alla politica", sembra che "leggi le notizie politiche sui giornali". Tuttavia, non c'è unanimità. I comportamenti forniscono un benchmark fattuale che fornisce una risposta più facile, più valida e comparabile. desiderabilità sociale delle risposte: vi è una sistematica sovrastima.
  • domande imbarazzanti: in sociologia, nel contesto degli studi, in particolare quelli sessologici, alcune domande possono essere imbarazzanti.
  • assenza di opinione e "non lo so": in pseudo-opinioni, un individuo risponde perché è stato costretto a rispondere a qualcosa. L'intervistato dovrebbe avere la possibilità di dire che non ha opinioni. È possibile che il campione intervistato in larga misura non abbia un'opinione. Si tratta di un punto davvero problematico.
  • Intensità degli atteggiamenti: spesso manca una misura dell'intensità degli atteggiamenti rispetto a questioni specifiche, per cui vengono costruite delle scale per fornire una misura dell'intensità della risposta.
  • acquiescenza: tendenza degli intervistati a dire "sì". Le persone tendono a dire "sì", a seconda di come si pone la domanda si possono ottenere risposte diverse.
  • effetto memoria: la memoria non è precisa, si riferisce alla questione di dare riferimenti temporali e fattuali. Se possibile, gli elementi di risposta dovrebbero essere forniti per determinare la memoria del rispondente.
  • sequenza di domande: anche la sequenza di domande può influenzare le risposte. Gli errori possono insinuarsi nella risposta. Occorre considerare la dinamica del rapporto tra intervistatore e intervistato, la fatica dell'intervistato che rende rilevante la risposta, la sequenza dell'intervista in termini di sapere dove porre le domande più importanti, l'"effetto contaminazione", perché la risposta a una domanda può essere influenzata da una risposta immediatamente precedente. La risposta a una domanda non dipende dalla domanda stessa, ma dalle domande poste in precedenza.

Batterie di domande[edit | edit source]

Facciamo una domanda con risposte diverse:

  • risparmiare spazio e tempo.
  • facilitare la comprensione del meccanismo di risposta.
  • migliorare la validità della risposta in quanto esiste un quadro unico per un ciclo di domande secondarie.
  • sono usati per costruire indici sintetici.

Quando fate un questionario standardizzato, dovete dedicare molto tempo alla formulazione delle domande giuste che vi permetteranno di ottenere i dati giusti.

Modalità di somministrazione del questionario[edit | edit source]

Esistono tre modi principali per condurre un'indagine per campione:

  • faccia a faccia: compresenza
  • intervista telefonica
  • questionario autogestito
  • questionario online

Intervista faccia a faccia (CAPI : Computer-Assisted Personnal Interviewing /PAPAI : Paper And Pencil Interviewing)[edit | edit source]

Vantaggi Svantaggi
  • Se vediamo che una persona ha frainteso la domanda, possiamo spiegare e persino mostrare le risposte.
  • possiamo regolare l'orario dell'intervista.
  • c'è un'interazione tra l'intervistato e l'intervistatore, è necessario evitare di influenzare l'intervistato, è necessario avere un certo equilibrio.
  • il colloquio deve essere ben preparato in modo che gli intervistatori siano istruiti su come comportarsi allo stesso modo.
  • quando si fanno domande faccia a faccia, evitare un atteggiamento passivo, stanco e demotivato.

Intervista telefonica (Computer-Assisted Telephone Interviewing)[edit | edit source]

I sondaggi telefonici sono un metodo che garantisce una rapida raccolta dei dati, motivo per cui sono il metodo più diffuso.

Vantaggi Svantaggi
  • C'è meno resistenza da parte degli intervistati con un po' di anonimato.
  • Permette di raggiungere le risposte alla periferia.
  • rende possibile facilitare la logistica centralizzando gli intervistatori.
  • Permette di informatizzare i dati.
  • C'è meno concentrazione di persone che rispondono e quindi meno coinvolgimento degli intervistati.
  • Le risposte sono piu' superficiali.
  • Alcuni gruppi senza telefono non sono raggiungibili, escludendo alcuni settori sociali che introducono un errore di selezione e in particolare un errore di copertura della popolazione selezionata.
  • E' necessario mantenere l'attenzione degli intervistati, da 20 minuti le risposte diventano meno rilevanti.
  • Non puoi usare materiale visivo.
  • Il materiale non verbale non può essere raccolto.

Questionario autogestito  : (Computer-Assisted Web Interviewing)[edit | edit source]

Vantaggi Svantaggi
  • Riduzione dei costi: comporta solo i costi di stampa del questionario e di spedizione, generalmente molto inferiori ai costi di assunzione degli intervistatori. I costi del personale sono ridotti.
  • Può essere compilato quando vuoi.
  • dà maggiori garanzie di anonimato.
  • Nessuna distorsione relativa all'interfaccia intervistato - intervistatore.
  • Rischio di errore nelle risposte: non è possibile sapere come ha risposto la persona.
  • Basso tasso di risposta: è importante, in quanto l'errore di mancata risposta è una delle principali fonti di errore che può portare ad un problema di rappresentatività. Se le persone che rispondono sono uguali in termini di caratteristiche, allora il problema è minore, abbiamo meno casi, ma rimane rappresentativo della popolazione in generale, perché non diverso dalla popolazione che ha risposto.

Nota: il modulo più comune è il questionario postale. Un esame è un questionario autogestito con un vincolo di restituzione.

Questionario online[edit | edit source]

Si tratta di una modalità che sta diventando sempre più importante, ma che viene criticata perché c'è un problema di copertura legato ad un problema di rappresentatività del campione.

Il tasso di penetrazione di Internet è così elevato soprattutto in Occidente, il che giustifica il fatto che la popolazione è sufficientemente coperta.

D'altra parte, altri tipi di somministrazione di questionari hanno lo stesso pregiudizio dei questionari online.

Fasi prima della raccolta dei dati[edit | edit source]

  • Studio esplorativo

Si tratta di un passo molto importante nell'approccio quantitativo e in un'indagine per campione, se non altro per definire correttamente le modalità di risposta da includere nel questionario.

Non è mai facile definire le domande essenziali, motivo per cui sono necessarie interviste qualitative per identificare le possibili risposte delle persone e questo è tanto più importante se l'argomento non è stato esplorato in precedenza.

  • Pre-test

E' il fatto di testare il questionario prima di utilizzarlo nella ricerca. Il campione deve essere simile alla popolazione studiata.

  • Preparazione e supervisione degli intervistatori

La preparazione degli intervistatori, una buona preparazione e supervisione sono necessarie.

  • Contatto iniziale

È necessario chiarire il proxy dell'indagine, definire chiaramente gli obiettivi dell'intervista, garantire l'anonimato, sottolineare l'importanza della collaborazione, ma anche inviare diversi solleciti per assicurare che la persona risponde e in modo affidabile al fine di ridurre il tasso di mancata risposta.

  • Forma grafica del questionario

È necessario avere una presentazione attenta per mantenere la concentrazione e l'interesse della persona che risponde.

Campionamento[edit | edit source]

Ciò viene fatto a campione piuttosto che studiando un'intera popolazione nel suo complesso, il che permette di fare inferenze sull'intera popolazione.

Definizione[edit | edit source]

Secondo Corbetta, il campionamento è una procedura che consiste nell'estrarre un piccolo numero di casi, chiamati "campioni", da un insieme di unità che costituiscono l'oggetto dello studio, scelte con o secondo criteri che consentono di generalizzare i risultati ottenuti sul campione a tutta la popolazione.

L'indagine per campione è condotta su una popolazione. Un certo numero di persone sono selezionate da una popolazione che si desidera studiare. Pertanto, selezioniamo secondo un certo numero di criteri. Per fare questo è necessario poterne dedurre i risultati.

Vantaggi Svantaggi
  • Il costo della raccolta dei dati è drasticamente ridotto.
  • La durata della raccolta e dell'elaborazione dei dati è più breve.
  • L'organizzazione del sondaggio è più facile.
  • L'accuratezza è l'approfondimento dell'indagine sta migliorando.
  • perdiamo una certa quantità di informazioni : se intervistiamo tutte le persone che sono oggetto dello studio, non abbiamo margine di errore.

La tecnica di campionamento ha fondamentalmente solo vantaggi. Nel campionamento, le persone possono essere estratte per stimare la differenza tra ciò che si trova nel campione e ciò che si trova nella popolazione.

Principali tipi di campioni[edit | edit source]

Principaux types d’échantillons.png

I tipi di campioni sono derivati dal modo in cui il campione viene estratto dalla popolazione. Il modo in cui il margine di errore è calcolato e stimato si applica solo ai campioni di probabilità.

Si tratta di diversi tipi di estrazione da una "popolazione madre" che sono diversi; la distinzione principale è tra campioni probabilistici e non probabilistici.

campione probabilistico / aleatorio semplice / sistematico / stratificato[edit | edit source]

  • probabilistico

Si tratta di un campione in cui ogni unità viene estratta con una probabilità nota, sappiamo la probabilità che ogni individuo della popolazione deve essere selezionato. La probabilità è diversa da 0.

Questo ha un grande vantaggio in quanto il margine di errore può essere calcolato. Se si deducono e generalizzano i risultati trovati nel campione di una popolazione, c'è un certo margine di errore, con il campione di probabilità possiamo calcolare il margine di errore. Poiché è difficile soddisfare tutti i criteri, a volte viene scelto il campionamento non probabilistico.

  • aleatorio semplice

Tutte le unità della popolazione hanno la stessa probabilità di essere incluse nel campione. In altre parole, ogni persona ha la stessa probabilità di cadere nel campione. Dall'elenco completo, estraiamo a sorteggio; ci basiamo sulla legge dei grandi numeri e possiamo dimostrare statisticamente che se estraiamo a caso queste persone saranno rappresentative della popolazione.

  • sistematico

L'elenco è incompleto, tutti gli individui sono disegnati sistematicamente; per esempio, da un elenco di individui vengono estratti tutti e dieci gli individui.

  • stratificato

L'idea è la stessa del semplice campionamento casuale, ma la popolazione viene prima suddivisa in vari strati e poi scelta in base a ciò che si vuole studiare (esempio: classi sociali). Con campioni semplici all'interno di ogni strato, il margine di errore è ridotto al minimo rispetto ad altre modalità di disegno in generale, rendendo così la popolazione più omogenea.

Tuttavia, possono verificarsi errori di campionamento o un problema di mancata risposta.

Esistono fonti di copertura, errori di campionamento e di mancata risposta; tuttavia, uno dei tre può essere calcolato se non è stato effettuato un campionamento di non probabilità: il parametro stimato nella popolazione è la somma della stima più l'errore di campionamento. Il parametro stimato per la popolazione ha un livello di confidenza sulla base del quale il valore può essere stimato. Ad esempio, se consideriamo il numero di fumatori nella popolazione svizzera e troviamo in un campione di 2000 persone il 30% degli svizzeri che fumano, possiamo dire che il 30% della popolazione svizzera è fumatore, ma con un certo livello di fiducia.

Andando oltre, possiamo utilizzare l'intervallo di confidenza, possiamo dire che il 30% trovato nel campione è rappresentativo della popolazione secondo un margine di errore se vogliamo dedurlo nella popolazione; non possiamo dire che il 30% della popolazione svizzera, ma possiamo dire che tra il 30 - 33 e il 27% fuma; c'è un intervallo in cui troveremo il valore reale della popolazione sulla base del valore osservato nella popolazione.

C'è una nozione relativa all'intervallo e una nozione di fiducia in questo intervallo. Se il reddito medio della popolazione ginevrina è di 5000, si può dire che nella popolazione sarà compreso tra 4500 e 5500 con una probabilità del 95% che il parametro rientri in questo intervallo. Da una stima effettuata nel campione, troveremo il valore nella popolazione con un certo margine di errore e un livello di fiducia.

Campioni non-probabilistici[edit | edit source]

Non conosciamo la probabilità che ogni individuo cada nel campione e quindi non possiamo calcolare il margine di errore.

  • per quota: stessa logica della stratificazione, la differenza è che nelle quote i soggetti non sono scelti a caso.
  • disegno fattoriale
  • "Palla di neve"
  • sondaggio telefonico
  • indagine sulla convenienza

Errori di campionamento[edit | edit source]

Errore di campionamento per una media[edit | edit source]

Erreur d’échantillonnage pour une moyenne.png

L'errore di campionamento dipende principalmente da tre fattori:

  1. N, Size: più grande è il campione, minore è il margine di errore; inversamente proporzionale.
  2. S, Deviazione standard (tendenza centrale secondo l'eterogeneità): dispersione del parametro da stimare; più alto è, maggiore è il margine di errore, ma non è molto importante se ci sono molti campioni. Parliamo di variabilità dei parametri, in altre parole è un indicatore dell'omogeneità o eterogeneità del campione. Ciò che è importante è che il margine di errore dipende proporzionalmente all'eterogeneità del campione, ma soprattutto dipende inversamente dalla dimensione del campione, più grande è il campione più piccolo è il margine di errore.
  3. Z, Livello di confidenza della stima: è un intervallo di confidenza, non si può conoscere il vero valore, ma ci si può avvicinare. In altre parole, è il grado di certezza che accettiamo quando facciamo un'inferenza. Questo rappresenta quindi l'intervallo di confidenza, possiamo dimostrare che per un certo livello di confidenza, ad esempio per il 95% la confidenza è 1,96, per un livello di confidenza del 99%, z=2,58. Nel caso di un livello di confidenza del 95%, ciò significa che avete il 5% per commettere un errore.
  4. f, si applica nel caso di una popolazione molto piccola, è un fattore di correzione tra la dimensione del campione e la popolazione, è la divisione della dimensione del campione in relazione alla dimensione della popolazione. Se la frazione è vicina a zero, il fattore è trascurabile. Più praticamente, si può dire che in ogni indagine il campione è sempre molto più piccolo della popolazione, mentre i campioni raramente superano le 10.000 persone, quindi questo fattore può essere generalmente dimenticato. D'altra parte, se la differenza tra il campione e la popolazione è molto piccola, allora non si effettua alcun campionamento e si chiede a tutti.

Pertanto, il margine di errore dipende da questo:

  • della dimensione del campione.
  • il grado di eterogeneità del parametro.
  • il livello di fiducia che siamo disposti a concedere nell'inferenza statistica.

Errore di campionamento per una proporzione[edit | edit source]

Erreur d’échantillonnage pour une proportion.png

P e Q sono proporzioni nel campione di parametri che vogliamo spiegare.

In linea di massima, per calcolare il margine di errore, occorre tenere conto in particolare della dimensione del campione. Ciò può sembrare sorprendente, in quanto la dimensione della "popolazione madre" non compare nel calcolo della formula di errore di campionamento. In altre parole, un campione di 1000 persone su una popolazione di 50.000 dà lo stesso margine di errore di un campione di 1000 persone su una popolazione di 350 milioni. La dimensione del campione dà lo stesso margine di errore se viene fatto un campione della popolazione di Whitewater o della popolazione australiana.

Esempio[edit | edit source]

n x S
1000 1253000 311000
100 1250000 308000

Ci sono due campioni, uno di 100 e uno di 1000 e vogliamo stimare il reddito medio. Supponiamo che tutti rispondano; proviamo a calcolare l'errore di campionamento.

Nel primo campione:

  • n : 1000
  • x : 1253000
  • S: 311000
  • e : 1,96 per il 5% (soglia standard nelle scienze sociali)
Exemple - echantillon formule 1.png

18700 è l'errore di campionamento calcolato per un campione di 1000 persone provenienti da una popolazione di 10000 persone. Questo è un margine di errore per uno stimatore della media con una variabilità calcolabile e troveremo un margine di errore del 18700.

Interpretiamo il 18700 come "più o meno" (); se nel campione abbiamo trovato che il reddito medio è di 1253000, nella popolazione possiamo essere sicuri di sbagliare del 5% se diciamo che nella popolazione il reddito medio è di 1253000 18700 o

Più sicurezza vogliamo nell'inferenza, più l'intervallo diventa grande.

Nel secondo campione:

  • n : 100
  • x: 1250000
  • S: 308000
  • e : 1,96 per il 5% (soglia standard nelle scienze sociali)
Exemple - echantillon formule 2.png

Nota: quando le proporzioni sono diverse, il margine di errore è minore.

La tabella seguente mostra le dimensioni del campione per un campione casuale semplice, necessario per una certa precisione di misura. Più stretto è l'intervallo di confidenza, più precisa è la misura, ma anche in questo caso occorre tener conto del livello di confidenza.

Se vogliamo una precisione dello stimatore del 5%, per una popolazione di 1000 persone abbiamo bisogno di una popolazione di 285 persone, ecc.

Source: Corbetta, P. (2003). Social Research. Thousand Oaks, CA: Sage.

Vediamo, tra l'altro, che per una popolazione di 50000 o più persone è necessaria una popolazione di 2500 persone per avere una stima accurata.

Quando si ha la possibilità di fare un campione di probabilità, si ha la fortuna di poter calcolare il margine di errore e stimare cos'è quell'errore, cosa che non si può fare con l'errore di copertura.

Tuttavia, c'è un problema. A volte o addirittura spesso non è possibile avere un campione di probabilità. Spesso il semplice campionamento casuale non è applicabile perché l'elenco completo delle persone non è disponibile.

In questi casi questi tipi di calcoli non possono essere eseguiti, quindi vengono eseguiti altri tipi di campioni:

  • campionamento sistematico

Una persona viene prelevata ad intervalli regolari e si può dimostrare di essere vicina ad un campione di probabilità o ad un campione casuale. Un esempio è quello dei "sondaggi di uscita", dove incontriamo persone che lasciano i sondaggi intervistando tutte le 20 persone. Un campione sistematico ha la stessa proprietà di un campione di probabilità, perché ogni persona ha la stessa probabilità di entrare nel campione.

  • campione stratificato

La popolazione è stata precedentemente suddivisa per un motivo specifico perché si vuole ridurre l'eterogeneità della popolazione, tanto più eterogenea quanto più il margine di errore è ridotto. Nel campione stratificato, prendiamo una variabile di interesse le cui proporzioni sono note nella popolazione e, secondo queste variabili, preleviamo campioni casuali all'interno di ogni categoria. Abbiamo una deviazione standard più bassa e un margine di errore più piccolo, combinato con un campione, dimostriamo che il margine di errore complessivo è inferiore a quello che si ha quando disegniamo indiscriminatamente gli individui.

  • campioni non probabilistici

Ci sono errori di mancata risposta e di copertura della popolazione. Sempre più ricercatori del sondaggio affermano che anche altre fonti di errore sono critiche. Non è necessario fare questi calcoli, ma piuttosto andare verso campioni non probabilistici.

Secondo Corbetta, un campione di non probabilità è un campione che non si basa sul numero di individui; il più noto è il campione di quota: all'interno di ogni strato, viene scelto un certo numero di persone per comporre il campione. Se sappiamo che nella popolazione che vogliamo studiare ci sono il 60 per cento delle donne e il 40 per cento degli uomini, faremo in modo che ci sia la stessa proporzione nel campione. Sceglieremo in base ai criteri che vogliamo, ma rispettando la quota, che è la proporzione nel campione.

Questo campione sta diventando sempre più frequente, in quanto meno costoso e meno laborioso, ma ha lo svantaggio di non essere in grado di calcolare il margine di errore.

Tecniche qualitative[edit | edit source]

Siamo nel quadro del paradigma interpretativo:

  • non esiste una chiara distinzione concettuale e terminologica.
  • non esiste una chiara distinzione dal punto di vista dell'applicazione, noi combiniamo.
  • il percorso di ricerca non segue fasi separate e distinte.

Tipi di ricerca qualitativa[edit | edit source]

Queste sono le tre attività principali che possono essere svolte nel contesto della ricerca. Da ognuna di esse scaturisce un metodo che permette di interpretare una realtà sociale.

Types de recherche qualitative.png

Osservazione partecipanti[edit | edit source]

È un metodo molto meno utilizzato nelle scienze politiche, ma è un metodo originale, in altre parole è un caso particolare di osservazione diretta; è un'osservazione con la partecipazione dello sperimentatore. Corrisponde bene dal punto di vista epistemologico al paradigma interpretativo che richiede che il ricercatore sia coinvolto nella propria indagine.

Definizione[edit | edit source]

Secondo Corbetta, l'osservazione dei partecipanti è la comprensione partecipando dall'interno al fenomeno studiato: è una strategia di ricerca in cui il ricercatore si inserisce direttamente e per un periodo di tempo relativamente lungo in un dato gruppo sociale prelevato dal suo ambiente naturale stabilendo un rapporto di interazioni personali con i membri di questo gruppo per descrivere le azioni e comprenderle attraverso un processo di identificazione per comprenderne le motivazioni.

  • osservazione del ricercatore: /
  • periodo abbastanza lungo: non basta osservare una sola volta.
  • habitat naturale del gruppo: è necessario andare ad osservare il gruppo nel suo habitat naturale.
  • interazione tra ricercatore e oggetto di studio: questo caratterizza i metodi del paradigma interpretativo, motivo per cui partecipiamo al fenomeno studiato.
  • Lo scopo della descrizione e della comprensione: si cerca di mettersi nei panni dell'altro, è una forma di empatia.

Nell'osservazione partecipante, cerchiamo il coinvolgimento del ricercatore, l'obiettivo finale è quello di descrivere e comprendere.

Un esempio ben noto è un libro scritto da Goffman che ha studiato manicomi psichiatrici in Scozia mentre era infermiere. Dalle osservazioni partecipanti, ha dedotto che i manicomi psichiatrici sono istituzioni totali e totalizzanti.

Oggetti dell'osservazione partecipante[edit | edit source]

  • contesto fisico: contesto del gruppo, degli individui osservati.
  • contesto sociale: fenomeno e dinamica osservati.
  • interazioni formali: è lo scopo principale di questo metodo.
  • interazioni informali: /
  • interpretazioni degli attori sociali: osserviamo le interpretazioni che gli stessi attori danno della loro partecipazione.

Quando devono essere registrate le osservazioni e quando devono essere fatte le osservazioni dei partecipanti?[edit | edit source]

La registrazione delle osservazioni deve essere fatta il più vicino possibile all'ambiente, lo scopo della partecipazione è quello di essere nel caso in cui stiamo studiando, osserviamo il più vicino e concreto possibile.

È molto importante avere un diario in cui annotare le diverse osservazioni che si fanno:

  • descriviamo il "fatto" che stiamo osservando.
  • prendiamo atto dell'interpretazione che si sta cercando.
  • notiamo l'interpretazione che fanno i soggetti stessi, l'obiettivo è quello di confrontare le interpretazioni.
  • è necessario applicare un principio di fedeltà attraverso una registrazione precisa e filtrata della propria soggettività.
  • è necessario distinguere tra fatti e interpretazione.

Un'osservazione dei partecipanti è stata fatta sui movimenti sociali e in particolare sul movimento anti-globalizzazione; si trattava di una ricerca comparativa in cui eravamo interessati a vedere come sorgono controversie quando un gruppo deve discutere alcune questioni.

Lo scopo dello studio è, attraverso l'osservazione dei partecipanti, di vedere se le organizzazioni stanno mettendo in atto un processo partecipativo che si basa sul consenso piuttosto che sul voto a maggioranza o su decisioni autonome che riflettono la democrazia rappresentativa.

Tradizionalmente la rivista è utilizzata in sociologia e in antropologia è fatta di appunti personali.

Nel caso di queste organizzazioni, le osservazioni sono state sistematizzate creando un protocollo basato su variabili e ogni variabile dovrebbe misurare un aspetto specifico di questi dibattiti quando ci sono stati problemi che vanno dall'organizzazione del prossimo evento alla direzione strategica e ideologica da adottare.

Il ricercatore ha dovuto raccogliere informazioni di base come la durata delle interazioni, le discussioni su una controversia, ma anche il numero di persone che erano presenti e quante hanno partecipato, così come il grado di reciprocità della discussione quando i partecipanti fanno riferimento a ciò che gli altri hanno detto quando hanno fatto proposte, ci sono stati anche aspetti di forte potere, ad esempio l'uso della loro posizione per influenzare la discussione, ecc.

In conclusione, il materiale qualitativo può essere studiato molto bene in modo quantitativo. La parte più difficile non è raccogliere informazioni, ma analizzarle.

Intervista qualitativa[edit | edit source]

Questo metodo è molto più diffuso dell'osservazione dei partecipanti; l'obiettivo è quello di cercare di accedere alla prospettiva della materia studiata.

Definizione[edit | edit source]

Secondo Corbetta, si tratta di una conversazione provocata dall'intervistatore e apprezzata da soggetti scelti sulla base di un piano di osservazione, che è un numero consistente il cui scopo è la conoscenza guidata dall'osservatore.

  • conversazione avviata dall'intervistatore: una persona conduce l'intervista.
  • soggetti scelti secondo un piano di osservazione sistematico: gli individui sono intervistati in base al modo in cui sono stati precedentemente ricercati. numero abbastanza consistente di oggetti: la domanda è in che misura abbiamo bisogno di fare interviste a X piuttosto che a Y.
  • obiettivo della conoscenza: l'obiettivo stesso della scienza.
  • conversazione guidata dall'intervistatore: l'intervistatore guida l'interazione.
  • schema di interrogazione flessibile e non standardizzato: permette di modulare l'intervista.

L'intervista qualitativa differisce da un'intervista qualitativa:

  • la mancanza di standardizzazione.
  • Nel contesto di comprensione in relazione ad una logica documentale, siamo nel contesto della scoperta piuttosto che nel contesto della giustificazione, che mira a giustificare l'ipotesi.
  • assenza di un campione rappresentativo: vogliamo singolarizzare.
  • siamo in un approccio che si concentra su argomenti piuttosto che su variabili.

Un'ulteriore suddivisione può essere fatta, perché ci sono diversi modi di condurre un'intervista qualitativa, si distinguono tra loro:

  • intervista strutturata

A tutti gli intervistati vengono poste le stesse domande nella stessa formulazione e sequenza. Gli intervistati hanno piena libertà di risposta, si tratta di un'intervista a domande aperte, c'è una preoccupazione di comparabilità dietro questo tipo di indagine.

Questo è un tipo di intervista che non è molto comune, perché si può standardizzare un minimo, ma non abbastanza.

  • intervista semi-strutturata

L'intervistatore ha solo una traccia di ciò che vuole toccare e gli argomenti che vuole affrontare, ma possiamo mettere questi argomenti in ordini diversi, non siamo più nel contesto dell'interazione. Questa traccia può variare nella decisione e nel dettaglio, l'idea è che non a tutti viene posta la stessa domanda, ma gli argomenti vengono adeguati.

  • intervista non strutturata

Ni la forme ni le contenu des questions est préétablie, cette forme et ce contenu peut varier d’un sujet à l’autre donc il y a une individualité des arguments et un itinéraire variable de l’entretien,on a seulement un itinéraire, tout le reste est ouvert.

  • metodo della "storia della vita"

Narrativa della vita dell'individuo, questo è un caso estremo.

  • intervista non direttiva

Lo scopo è diverso da quello della ricerca scientifica, ci possono essere colloqui terapeutici o clinici.

  • interviste condotte da osservatori privilegiati / informatori chiave

Le interviste sono condotte, ma le persone intervistate non sono l'oggetto della ricerca, queste persone sono intervistate perché sono ben informate su un certo fenomeno.

  • gruppo / intervista di gruppo

Intervistiamo più persone allo stesso tempo, sono i focus group, cioè i focus group, cioè i focus group, cioè c'è un aspetto legato all'interazione tra le persone intervistate che diventa cruciale.

Condurre l'intervista: suggerimento di "buona pratica[edit | edit source]

  • spiegazioni preliminari: spiegare perché siete qui, qual è lo scopo della ricerca, contestualizzare l'individuo.
  • domande primarie: sono domande che introducono nuovi temi in un'intervista, di solito le domande che inserite nella vostra guida all'intervista.
  • domande secondarie: permettono di esplorare o articolare la domanda primaria.
  • domande di seguito: l'unica capacità dell'investigatore è quella di controllarle.
    • ripetizione della domanda: ripetere la domanda.
    • ripetizione della risposta o sintesi delle ultime risposte: ripetere la risposta data dall'intervistato o fare una sorta di sintesi di ciò che la persona ha detto.
    • incoraggiamento, manifestazione di interesse: bisogna vedere la persona che ricorda qualcosa. pausa: ritardo.
    • richiesta di ulteriori informazioni: ottenere informazioni supplementari o più precise.
  • lingua: occorre prestare attenzione alla lingua e all'uso di un linguaggio settoriale o subculturale specifico o al suo abuso.
  • ruolo dell'intervistatore: il ruolo è cruciale quando si tratta di un'intervista qualitativa, molto più che in un sondaggio a campione dove si può pagare qualcuno per fare l'intervista. È difficile mandare qualcun altro a condurre l'intervista perché non è stato coinvolto nel processo di sviluppo della ricerca.

L'elemento di forza e debolezza di questo metodo è la mancanza di standardizzazione che permette una migliore comprensione di alcuni argomenti, ma allo stesso tempo rende più difficile il confronto e il contrasto delle risposte degli intervistati.

Per quanto riguarda l'analisi dei dati basati su interviste qualitative, va notato che:

  • l'analisi dei dati è focalizzata in primo luogo sui casi e non sulle variabili con eccezioni attraverso protocolli standardizzati per le osservazioni partecipanti.
  • la presentazione dei risultati è fatta da una prospettiva narrativa, gli episodi sono raccontati, i casi sono descritti, spesso attraverso le parole degli intervistati, estratti possono essere presi e utilizzati per l'analisi.
  • procediamo per classificazioni, tipologie nell'ambito di approcci tecnici, puntiamo a mettere in evidenza i profili.

Lettura - Documenti[edit | edit source]

Questo è il tipo di affinità che facciamo quando facciamo parte di un approccio qualitativo.

Definizione[edit | edit source]

Secondo Corbetta, un documento è un materiale informativo su un dato fenomeno sociale che esiste indipendentemente dall'azione del ricercatore.

  • materiale informativo.
  • su un dato fenomeno sociale.
  • esiste indipendentemente dall'azione del ricercatore.

Tipi di documenti[edit | edit source]

Si distingue tra dati primari costruiti dal ricercatore e dati secondari, che sono i dati esistenti.

  • Documenti personali :
    • autobiografie
    • agende
    • lettere
    • testimonianze orali
  • Documenti istituzionali: nelle scienze politiche, sono soprattutto questi documenti che ci interessano.
    • i mezzi di comunicazione di massa: una fonte privilegiata di informazione per gli scienziati politici.
    • narrativa, testi pedagogici, racconti di cultura popolare: un approccio più sociologico.
    • materiale giudiziario
    • documenti di politica
    • documenti societari e amministrativi
    • tracce fisiche

Allegati[edit | edit source]

Riferimenti[edit | edit source]