Actions

Geografia economica: approcci e sfide

De Baripedia


La storia del commercio fa parte di una lunga storia di globalizzazione del 15° secolo. Non parleremo solo di economia di mercato, una parte dell'economia non è regolata dal mercato. Gli economisti e talvolta la geografia economica sono ossessionati dal mercato. Nella nostra vita quotidiana, gran parte della produzione, dei consumi e degli scambi economici è regolata da fattori diversi dal mercato. Si presterà particolare attenzione alle forme di regolamentazione dell'economia che non sono quelle dell'economia di mercato, vale a dire la donazione a fini di donazione e ridistribuzione. L'economia è incorporata in comportamenti sociali e culturali e spesso i comportamenti economici sono spiegati da fattori diversi da quelli economici, la spiegazione può essere al di fuori dell'economia.

Saranno affrontate alcune teorie, come la teoria dell'apertura dei circuiti economici, la geografia dei vantaggi comparativi e dei ritorni crescenti, le disuguaglianze territoriali nello sviluppo o la questione ambientale. La geografia economica è a volte ridotta a una descrizione del mondo, svilupperemo un approccio culturale che è una corrente di geografia economica per quindici anni.

Cos'è la geografia economica?[modifier | modifier le wikicode]

Definizione per discipline[modifier | modifier le wikicode]

Ci sono diversi modi per definire la geografia economica. Un modo è quello di porre la geografia economica al crocevia di due discipline, con la geografia da un lato e l'economia dall'altro. Esistono tuttavia definizioni canoniche:

  • La geografia è una scienza che si interessa di organizzazione dello spazio alla dimensione speciale delle società. È una scienza sociale che si occupa dello spazio e della sua organizzazione. L'economia è una scienza che si occupa della produzione, circolazione e consumo di beni rari.

Come attraversare la geografia economica, la produzione e il consumo di beni rari e la questione dell'organizzazione dello spazio?

Definizione per oggetto[modifier | modifier le wikicode]

La geografia ha un oggetto, è una geografia dell'economia. C'è l'economia, la produzione, il consumo, lo scambio di beni rari, e ne faremo una geografia guardando alla dimensione spaziale dell'economia, come si organizza la dimensione spaziale dell'economia, cioè dove si produce, dove si consuma, attraverso cui si scambia beni rari. Significa localizzare l'economia, la produzione, il consumo e il commercio.

Quando si tratta di geografia economica, ci sono spiegazioni molto varie:

  • economia ortodossa ;
  • eterodosso economico: neomarxismo, scuola delle convenzioni ;
  • non economico: antropologia, sociologia economica ;
  • svolta culturale nella geografia economica: attenzione agli elementi culturali.

La geografia economica è una geografia del mondo economico.

Definizione per approccio[modifier | modifier le wikicode]

La geografia economica sarebbe la geografia attraverso l'economia, cioè adottando il ragionamento economico, spiegando i fatti geografici usando il ragionamento economico. Si sta facendo un'interpretazione economica della geografia utilizzando teorie economiche per spiegare i fatti geografici. Sarà preso in prestito dal modello economico di homo oeconomicus e cercare di vedere quali sono le leggi del suo comportamento spaziale.

Homo oeconomicus si comporta in termini di domanda e offerta, ma anche nello spazio. Questo comportamento può essere modellato e quantificato in modo che le sue conseguenze possano essere studiate aggregando i comportamenti individuali. In uno spazio omogeneo popolato da homo oeconomicus che seguono tutti le leggi della razionalità, pienamente informati, egoisti che tendono a massimizzare il loro profitto, le loro scelte spaziali, dove vivono, producono, consumano, seguiranno certe leggi e che queste leggi emergeranno strutture spaziali. La geografia economica, attraverso lo studio dell'homo oeconomicus, vedrà come i comportamenti spaziali degli esseri umani derivano da grandi forme di organizzazione spaziale. Sono esperimenti della mente, cioè modelli economici, di cui cerchiamo di vedere le componenti spaziali.

Saranno poste tre domande principali:

  • questione della posizione - economia spaziale - Von Thünen, Weber, Christaller : possiamo modellare la posizione delle attività agricole, industriali e di servizi? In teoria, sulla base del ragionamento razionale e pienamente informato e del comportamento dell'homo oeconomicus, possiamo verificare i modelli di Von Thünen, Weber e Christaller.
  • Teorie del commercio - Economia internazionale - Ricardo : gli economisti pensano molto al commercio, ma molto spesso non sottolineano la dimensione spaziale di questi scambi. Queste teorie metteranno in discussione il significato degli scambi e le strutture spaziali che ne deriveranno. Con Ricardo, si tradurrà in una specializzazione.
  • La nuova geografia economica - Krugman: questa teoria si basa sul rilassamento di alcune ipotesi sul modello homo oeconomicus, in particolare per quanto riguarda l'ipotesi di una concorrenza pura e perfetta e di rendimenti crescenti.

Questa geografia economica prenderà in prestito ragionamenti, metodi e modelli di riflessione dall'economia per spiegare fenomeni geografici come le città. Queste due definizioni generali, una definizione geografica e una definizione economica, coesistono.

Définition par l’histoire des sciences[modifier | modifier le wikicode]

Il professor Staszak non è d'accordo con la definizione precedente. Il ragionamento a posteriori cerca di mettere ordine nella storia della scienza e in quello che si è trattato, tuttavia, la storia della scienza non deriva da progetti condotti alla loro fine. Le aziende che definiscono la scuola, le tendenze disciplinari, tendono a mettere ordine dove non ce n'è. Si può per esempio riflettere sulla differenza tra geografia e sociologia in termini logici con un metodo, o con un'epistemologia. Si ha l'impressione di creare un senso, ma spesso si tratta di un'illusione. Piuttosto che cercare di definire la geografia economica cercando di definire un oggetto o un metodo, è più importante concentrarsi sul fatto che oggi esiste un sottocampo della geografia che è la geografia economica.

Quando è nata la geografia economica?

La tradizione del censimento, da Colbert alla geografia coloniale e vidaliana: descrivere la distribuzione della ricchezza[modifier | modifier le wikicode]

Il termine "geografia economica" è stato utilizzato solo alla fine del XIX secolo, ma ciò non significa che non sia stato utilizzato. Per dare una data di nascita alla geografia economica, è possibile risalire a Luigi XIV e a Colbert quando per la prima volta uno Stato, in questo caso lo Stato francese, si occupava della contabilità della ricchezza. La questione della contabilità definisce le tasse e la guerra. C'è stato un tempo in cui gli Stati sentivano il bisogno di contare e localizzare la propria ricchezza, il che ha portato alla produzione di conti, statistiche e mappe. Non stiamo cercando di spiegare, ma piuttosto di descrivere. Si sta sviluppando una geografia che cerca di descrivere, mappare e rendere conto della ricchezza a fini produttivi.

La geografia descrittiva è un'invenzione dello Stato che è cresciuto nel XIX secolo con la colonizzazione. Ai geografi viene chiesto di produrre informazioni sulla ricchezza e sul potenziale delle colonie in termini di materie prime, ma anche di demografia. Una geografia coloniale produce informazioni sulle colonie nell'idea di sfruttamento. Questa geografia esiste ancora oggi con l'obiettivo di identificare la ricchezza, la sua distribuzione spaziale, i fattori di produzione per un migliore sviluppo, una migliore produzione, ma anche l'arricchimento. È una geografia che produce molti atlanti, tabelle e statistiche.

La nuova geografia e il suo mutuo dall'economia spaziale: spiegare l'organizzazione dello spazio[modifier | modifier le wikicode]

La seconda corrente è più recente, emergente negli anni '60, con l'idea che lo spazio economico possa essere spiegato. Ci sono leggi da cercare come leggi che spiegano il mercato, i prezzi o lo scambio. I geografi che usano queste leggi potrebbero forse spiegare fenomeni come l'organizzazione dello spazio. Fino agli anni '60 la geografia era molto descrittiva. Negli anni '60, l'approccio descrittivo è stato accusato di non essere scientifico. Ci sarebbero strutture comuni perché ci sono leggi sul comportamento spaziale degli esseri umani. Lo scopo della geografia economica è quello di identificare quelle strutture universali dello spazio che sono legate al comportamento economico. Questa geografia non è più descrittiva, ma ha solo lo scopo di trovare leggi.

Critica marxista e terzo mondo: contabilizzare le disuguaglianze e lo "sviluppo[modifier | modifier le wikicode]

Negli anni Settanta si è costituito un movimento di protesta contro questa geografia oggettiva. I geografi di ispirazione marxista diranno che la geografia economica deve essere usata per la liberazione, lo sviluppo e la giustizia. Dobbiamo vedere come l'organizzazione dello spazio economico sia legata alla lotta di classe, alle strutture oppressive e alle spiegazioni fornite dal marxismo. Emergerà una geografia contestatrice che mostrerà come l'oppressione capitalista passa attraverso le strutture spaziali e una spiegazione che passa attraverso il materialismo dialettico.

Il postmodernismo e il cambiamento culturale[modifier | modifier le wikicode]

Negli anni '90, il postmodernismo ha confutato le critiche marxiste, del Terzo Mondo e più razionaliste come la teoria dell'homo oeconomicus. Per i postmodernisti, ci sarebbe l'illusione di voler spiegare tutto con un'unica teoria. La teoria postmodernista sfida le grandi narrazioni. E' l'idea che ci fosse conoscenza prodotta in Occidente che sosteneva di avere validità universale. Il mondo è infatti frammentato e frammentato tra società caratterizzate da discorsi propri e incommensurabili. Per spiegare come funziona l'antica Grecia, non si può usare la teoria marxista. I postmodernisti insistono sulla contestualizzazione della conoscenza. Il cambiamento postmodernista è legato al cambiamento culturale in quanto porta a fare riferimento alla specificità di ciascuna di queste situazioni e all'impossibilità di ridurre ogni situazione a un unico modello. Tutte e quattro le tradizioni sono ancora vive.

Le sfide della geografia economica[modifier | modifier le wikicode]

Questioni scientifiche[modifier | modifier le wikicode]

Gli esseri umani e le società non sono messi in uno spazio precedente. Lo spazio è qualcosa che facciamo e produciamo. Lo spazio non è un contenitore perché è già sempre sociale, è una produzione sociale. Viviamo in uno spazio ricco di significati e significati, eterogeneo, polarizzato e strutturato. Queste caratteristiche sono quelle delle società che l'hanno prodotta. Il professor Staszak rifiuta l'idea che lo spazio sarebbe qualcosa in cui l'economia si svolgerebbe, poiché è l'economia che produce spazio. Questo tipo di posizione ha portato ad una rivalutazione dell'importanza dello spazio nelle scienze sociali. Lo spazio non è un contenitore neutro in cui si svolgono gli eventi, ma fa parte della natura delle società e della loro attività.

C'è l'idea che lo spazio in quanto tale sia:

  • un interesse economico: si tratta di qualcosa che può essere venduto, ad esempio, beni immobili, trasporti o turismo;
  • un prodotto economico: infrastrutture, speculazione fondiaria, zonizzazione delle attività. L'economia è un grande strumento per produrre spazio;
  • un fattore determinante dell'economia: scelta delle specializzazioni, affitto della situazione, costi di trasporto.

Questioni sociali[modifier | modifier le wikicode]

L'attualità della geografia economica e il suo rinnovamento hanno anche risposto a una domanda della società e alle questioni urgenti che si pongono. Almeno quattro questioni hanno assunto un'importanza critica a partire dagli anni '90:

  • la globalizzazione: il dibattito sociale mette in discussione la globalizzazione in quanto creatrice o distruttrice di posti di lavoro, generatrice di ricchezza, impatto dell'apertura dei mercati, ecc. Si tratta di questioni politiche che determinano la scelta delle società e che riguardano l'impatto della globalizzazione da misurare qualitativamente e quantitativamente. La geografia economica è attenta alla varietà dei fenomeni spaziali, mentre la globalizzazione è un fenomeno geografico di cambiamento di scala, di apertura dello spazio, di riduzione degli ostacoli e di opacità dello spazio. Se l'economia ha risposte da dare sul piano teorico nel quadro di un'epistemologia realistica in cui siamo meno interessati al mondo come dovrebbe essere che com'è, i geografi sono stati ben posizionati per rispondere a ciò che rende la globalizzazione specifica e le sue conseguenze soprattutto spaziali. La crisi finanziaria del 2008 ha suscitato enorme preoccupazione e ancor più preoccupazione.
  • Disuguaglianze nello sviluppo: si trattava di una questione molto importante nell'agenda politica e sociale degli anni '70. All'epoca si parlava di paesi del terzo mondo. Negli anni '50 e '60 ci si rese conto che la decolonizzazione non si tradusse in un decollo economico delle ex colonie. Ci furono teorie come quella di Rostow che prevedevano le diverse fasi prevedibili che sarebbero avvenute passo dopo passo per acquisire sviluppo, industria e crescita, ma questo non avvenne. Per molto tempo, la lettura prevalente è stata quella marxista, con forme di neocolonialismo che continuavano a sfruttare i paesi del sud e che spiegavano il loro sottosviluppo. Queste spiegazioni hanno perso il loro fascino con il crollo del blocco sovietico e il progressivo abbandono del paradigma marxista. Si tratta di una questione che continua ad essere importante, perché molto minacciosa. Una volta comprese le cause delle disuguaglianze nello sviluppo, ci diamo le leve per capire dove sono le disuguaglianze nello sviluppo nei paesi poveri e ricchi. Alla domanda se la globalizzazione sia un fenomeno positivo o negativo, non c'è risposta. Per quanto riguarda le disuguaglianze nello sviluppo, non c'è risposta, non c'è accordo generale. Negli anni '70 si tennero ancora molte discussioni, mentre oggi abbiamo accettato l'idea che esistesse e che non ci fosse più bisogno di fornire spiegazioni. Non è ovvio che si stiano verificando disuguaglianze così gravi in termini di sviluppo tra i paesi.
  • le logiche spaziali della produzione: nell'era fordista con la produzione di massa, il consumo di massa, i prodotti standardizzati, le logiche spaziali sono abbastanza semplici da comprendere, in particolare con il modello di Weber che aiuta a capire come una fabbrica si posizionerà per limitare i costi di trasporto. Queste logiche spaziali di produzione sono cambiate con le modalità di produzione post-fordista che sono state istituite negli anni '80, quando le questioni logistiche, di stock e di flusso just in time sono diventate sempre più importanti. C'era un nuovo modo di gestire la produzione che è stato introdotto al momento di un'ondata di globalizzazione con la questione della posizione dello stabilimento. E' stata acquisita una sorta di libertà di localizzazione che prima non esisteva. Fino agli anni '50, la questione dell'ubicazione era relativamente limitata, perché le scelte erano scarse e le fabbriche non potevano spostarsi. Poi diventa una domanda, le aziende si porranno la questione della localizzazione. La dimensione logistica e cartografica della produzione è diventata essenziale, con il risultato di delocalizzazioni che hanno un impatto maggiore.
  • ambiente, rischi, risorse e sviluppo sostenibile: negli anni Settanta, con il Club di Roma, sono sorte preoccupazioni che si sono riversate nella mente dei cittadini. Il tema delle risorse naturali, dei rischi naturali, della popolazione e dell'ambiente ha acquisito una nuova attualità con il tema dello sviluppo sostenibile. Non si tratta solo di un problema di allocazione delle risorse nel tempo, ma anche nello spazio. A partire dagli anni '90, si è diffusa la sensazione che la geografia economica abbia perso il suo prestigio in alcuni dibattiti sociali.

Geografia economica in piena espansione[modifier | modifier le wikicode]

La sfera economica si è ampliata. Per quanto la geografia dell'economia riguardi l'economia, negli ultimi vent'anni il suo campo di applicazione si è notevolmente ampliato. C'erano aree che non erano economiche, e ci sono entrate. Queste logiche sono quelle del successo dell'economia di mercato e della sua estensione. Settori che non erano economie di mercato come l'istruzione, la cultura o la sanità sono diventati questioni economiche. Le ragioni per cui si è cercato di introdurre l'economia di mercato in settori che non esistevano si riflettono in una migliore allocazione delle risorse. Gli anni '80 furono gli anni in cui lo Stato abbandonò i settori dell'economia di cui era responsabile il settore privato. Con l'espansione del campo dell'economia, anche il campo della geografia economica si è ampliato.

Per molto tempo si è ritenuto che lo spazio stesse perdendo importanza a causa della diminuzione dei costi di trasporto e dell'aumento dell'efficienza dei modi di telecomunicazione. Non è mai stato così facile trasformare i beni materiali e immateriali come oggi. Grazie alla prima, alla seconda e alla terza rivoluzione dei trasporti, abbiamo l'impressione che l'essere umano si sia liberato dal problema della distanza. Ciò avrebbe significato la fine della geografia e della geografia economica, perché lo spazio non avrebbe più contato e non si sarebbe più posta la questione dell'organizzazione dello spazio.

Comunicare facilmente con il proprio vicino come con un collega che vive dall'altra parte del mondo è una falsa supposizione. Le modalità di comunicazione sono diverse e adattive. Lungi dal far sparire la logica spaziale, Internet la fa apparire. L'idea che il trasporto di informazioni sia più facile oggi che in passato può essere argomentata, ma c'è stato un tale aumento nella quantità di informazioni trasportate e nella complessità delle informazioni trasportate che oggi è un problema maggiore che in passato. Il miglioramento delle condizioni di trasporto delle informazioni non compensa il colossale aumento delle nostre esigenze di informazioni e di informazioni complesse.

Negli anni '70 si pensava che le università fossero finite. C'era l'idea che in futuro saremmo stati in grado di prendere corsi a distanza. La co-presenza materiale è un costo enorme. La complessità dell'informazione non è solo un discorso. L'informazione non passa solo attraverso le parole, ma anche attraverso altri aspetti. L'incapacità di trasportare facilmente informazioni complesse spiega alcune delle modalità di comunicazione più tradizionali che richiedono il passaggio attraverso lo spazio. Offshoring richiede il controllo.

Geografia economica in piena rinascita[modifier | modifier le wikicode]

La geografia economica ha conosciuto un boom legato a queste nuove sfide e a queste nuove esigenze, ma anche ai cambiamenti epistemologici e teorici che hanno segnato una svolta culturale nella geografia economica degli anni Novanta. Per molto tempo, il mondo dell'economia è stato considerato come un mondo autonomo che ha avuto le sue logiche come logiche di razionalità con il modello di Christaller, per esempio, che ha ridotto lo spazio a poche spiegazioni. Questo consenso è crollato negli anni '80 ed è emerso dagli approcci culturali degli anni '90.

L'irruzione della cultura nell'economia è legata al fatto che vengono venduti sempre meno beni materiali e sempre più beni simbolici. In altre parole, ci sono sempre più simboli nei prodotti che vengono venduti e nei beni materiali. Realizziamo sempre meno oggetti e sempre più idee e che negli oggetti che realizziamo la componente utilitaristica è sempre meno importante della componente simbolica che è sempre più importante. La cultura è indubbiamente diventata il primo bene economico dei paesi ricchi. C'è un fenomeno di terziarizzazione dell'industria, mentre l'industria si sta trasformando sempre di più in manipolazione dei simboli. Ciò non significa necessariamente che queste industrie culturali debbano essere analizzate in un modo nuovo. Quando parliamo di una svolta culturale, sono gli stessi economisti che hanno tre tendenze principali:

  • un'economia "built-in" (Polanyi[1943], Granovetter[1985] e la nuova sociologia economica) (nel sociale, nello spazio)  è l'idea di segnare una rottura con i modi di pensare degli economisti che consideravano il mondo dell'economia come un mondo a sé stante che si poteva considerare, modellare e teorizzare, facendo astrazione dal contesto in cui si trovava. Era l'emancipazione economica. È stato possibile comprendere il funzionamento di una società isolandola dal suo funzionamento politico o spaziale, ma anche dal suo posto nello spazio. Polania e Granovetter hanno dimostrato che l'economia è profondamente radicata nel tessuto sociale e politico, non c'è bisogno di distinguere il tessuto sociale, politico ed economico. Se consideriamo il funzionamento reale dell'economia e del sociale, l'economia è profondamente radicata nell'economia e nel sociale. Fondamentalmente, non riuscivamo a capirlo perché stavamo lavorando a una finzione che fosse libera dal suo carattere sociale.
  • economisti eterodossi (economia post-autistica): c'è stato lo sviluppo di economisti eterodossi che accettano e hanno sviluppato altri modi di fare impresa. Questi economisti eterodossi hanno preso in considerazione il sociale, il politico con la scuola delle convenzioni, l'economia istituzionale, l'idea del mercato come finzione in particolare. Questo ha portato allo sviluppo di nuove correnti economiche prese in considerazione da geografi che hanno cercato di capire in che misura può essere teorizzato nel quadro della comprensione dello spazio.
  • varietà delle culture di produzione e di consumo, forme di capitalismo (epistemologia "realistica"): per comprendere i modelli di consumo e di produzione occorre guardare alla realtà nello spazio della varietà dei comportamenti.

Ci sono essenzialmente tre direzioni principali:

  • Lo spazio è fondamentalmente coinvolto nei processi economici (scuola di Los Angeles, scuola francese di prossimità): le due scuole sono partite dalla stessa domanda: mentre i trasporti non sono mai stati così economici, mentre le merci sono prodotte sempre più materiale, l'economia non è mai stata così concentrata nello spazio con l'emergere dei distretti industriali. L'esempio paradigmatico è la Silicon Valley a sud di San Francisco, dove si trova l'Università di Sanford. Questo quartiere è diventato l'ipercentro mondiale della produzione e della ricerca sul campo, e ci si chiede perché si sia posto lo stesso obiettivo. Una delle risposte è che queste informazioni sono così sensibili e complesse che abbiamo bisogno di vederci l'un l'altro. I distretti industriali sono luoghi in cui un tipo di produzione si concentrerà con strutture produttive piuttosto particolari. Si utilizza anche il termine "distretto di produzione specializzato" (SPL). Nelle politiche di pianificazione territoriale cerchiamo di valorizzare i distretti industriali. E 'stato questo mistero che ha portato alla vicinanza della scuola a Los Angeles e francese per lo sviluppo. Si tratta di un orientamento della ricerca che è tanto più importante in quanto ha un impatto diretto sulle politiche di sviluppo.
  • le componenti non economiche dell'economia (modi di regolazione, istituzioni, culture d'impresa, culture dei consumi, ecc.): i geografi hanno iniziato a lavorare su oggetti considerati economici, come la galleria commerciale, che non possono essere compresi se ridotti a un oggetto economico. Il centro commerciale è diventato una forma di luogo di socializzazione.
  • la nuova economia geografica: Krugman propone una nuova teoria del commercio internazionale e della disuguaglianza. A differenza dei due precedenti, Krugman è nel modello di economia liberale. Nelle principali ipotesi dell'economia liberale, abbandonerà l'ipotesi di una concorrenza pura e perfetta, enfatizzando i rendimenti crescenti che permettono una migliore comprensione delle disuguaglianze nello sviluppo.

Esempi[modifier | modifier le wikicode]

San Paolo[modifier | modifier le wikicode]

Geoeco exemple sao paolo plateforme 1.png

Su questo edificio è stata installata una piattaforma. San Paolo è un agglomerato enorme. Questo edificio si trova in un centro storico. La presenza di un internet café probabilmente attesta che le persone non hanno internet a casa. L'internet café mostra il potenziale di essere in contatto con tutto il mondo a costi quasi gratuiti, ma allo stesso tempo non lo è.

Con questo paesaggio urbano, ci sono come tre spazi economici che convivono:

  • lo spazio della strada;
  • lo spazio della globalizzazione;
  • lo spazio che si manifesta nelle torri degli uffici e nell'eliporto.

Ci sono incompatibilità tra questi tre tipi di spazi. Le cose non possono funzionare allo stesso tempo. Tutte queste bilance funzionano contemporaneamente.

Le Indie Occidentali – Théodore de Bry[modifier | modifier le wikicode]

Geoeco exemple théodore de bry 1.jpg

Questa incisione di Theodore de Bry mostra l'arrivo di Cristoforo Colombo nelle Indie Occidentali. L'incisione risale al 1590, circa cento anni dopo l'arrivo di Cristoforo Colombo, che immagina questo incontro. Compaiono le tre carovane di Cristoforo Colombo, gli uomini che atterrano, l'urgenza è quella di mettere una croce perché c'è la questione dell'evangelizzazione, e poi c'è il potere, l'esercito e la bandiera. I nativi sono nudi perché sono selvaggi ed è caldo, altri fuggono. I nativi danno regali.

C'è uno scambio economico. Ci sono due atteggiamenti tra i selvaggi: quelli che fuggono e quelli che offrono doni. C'è uno scambio di ricchezza che non passa attraverso il mercato. Esiste uno scambio unilaterale che solleva la questione della logica di tale scambio. Perché offre Colombo? Fanno di Cristoforo Colombo il loro debitore in cambio della vita. L'idea è che cerchiamo di persuadere i potenziali aggressori offrendo loro qualcosa. Cristoforo Colombo partì per cortocircuitare la Via della Seta e arrivò direttamente in Cina da ovest. Lo scopo del viaggio era puramente economico per alimentare le casse ispaniche deviando dalla Via della Seta. È possibile effettuare un'analisi in termini di geografia economica.

Introduzione alla geografia regionale – Paul Claval[modifier | modifier le wikicode]

Geoeco exemple ouvrage paul claval 1.jpg

Paul Claval è stato uno dei pensatori più importanti della geografia economica. Abbiamo l'impressione che ci siano due tipi molto diversi di organizzazione dello spazio. In fondo allo spazio, sentiamo una presenza umana e un'artificializzazione molto marcata. Il quadrige molto marcato non è la natura, è un'organizzazione dello spazio fatta di società umane. Nel nord non troviamo questa griglia, inoltre, non è dello stesso colore. In fondo sono campi coltivati e in alto sono boschi.

Si ha l'impressione che due spazi coltivati siano presi in fotografia dando l'impressione di due foto, tanto più che il confine tra i due, ci sono due spazi rettilinei. Tuttavia, è solo una foto che mette in relazione lo stesso spazio dove c'è semplicemente una forte opposizione tra due diversi tipi di produzione economica.

Una delle prime spiegazioni può essere il clima. La transizione da un clima all'altro è graduale e non vi è motivo per cui debba corrispondere a tale limite. Questa immagine rappresenta il confine tra Stati Uniti e Canada. La spiegazione sta nel sistema politico. Siamo in un luogo dove normalmente non c'è motivo di produrre grano perché il costo della manodopera e la natura del suolo sono tali che non è redditizio. Il Canada ha smesso di produrre grano, a differenza degli Stati Uniti, che continuano a produrre grano in perdita. Il loro interesse sarebbe quello di smettere di produrre grano e di importarlo. La ragione di tale produzione è che è sovvenzionata. Lo Stato pagherà il prezzo diverso.

Il motivo non è legato ad uno stato d'animo, la natura del suolo o freddo, a nord è solo foresta perché il grano non è sovvenzionato. Ci sono diverse ragioni per cui un paese non può rinunciare alla propria agricoltura perché deve essere autosufficiente dal punto di vista alimentare, perché il grano è un'arma, perché le zone rurali sono un problema dal punto di vista dell'identità. C'è stato un tempo in cui la geografia era i vincoli dell'ambiente naturale. La geografia è presente in questa linea che si oppone a due diversi spazi strutturati. Ci sono due diversi sistemi giuridici e politici che si svolgono in modi opposti nella globalizzazione. Grazie al suo potere, gli Stati Uniti sono in grado di imporre il libero scambio senza applicarlo da soli, a differenza del Canada. Il fattore principale che spiega tale opposizione è un fattore strettamente economico, ossia le sovvenzioni versate.

Il mercato in Martinica[modifier | modifier le wikicode]

Geoeco exemple marché martinique 1.png

E' un mercato turistico. Siamo in una vecchia struttura di mercato che è una struttura metallica con perni ondulati. Si tratta di una struttura tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo che in origine era certamente un mercato locale creato dall'amministrazione francese. La diffusione dell'economia di mercato da parte dell'amministrazione francese ha portato alla creazione di un mercato per centralizzare gli scambi in un unico luogo con periodicità e controllo del peso e delle misure.

Se guardiamo a questi prodotti, notiamo che i diversi stand presentano prodotti comparabili, ma anche organizzati nello stesso modo. Si può vedere che tutti questi negozi sembrano vendere esattamente la stessa cosa. Qualcosa che non sembra razionale che da un lato sta vendendo "fatto in Cina" in un mercato Martinicano, d'altra parte, la struttura commerciale di queste imprese che vendono la stessa cosa presentata nello stesso modo.

Il motivo per cui l'accordo è tale non è probabilmente perché ciascuno di questi attori economici è egoista, pienamente razionale, informato e cerca di massimizzarne l'utilità indipendentemente dai suoi vicini. Forse queste attrici non sono razionali, informate, forse cercano qualcosa di diverso dalla loro utilità, forse non decidono da sole. Dobbiamo iniettare qualcosa che non sia il modello homo oeconomicus in questo luogo di vendita, che è il mercato.

Una prima spiegazione è che ci troviamo in una fase iniziale di sviluppo economico in cui vi sono pochi modelli, non c'è ancora stato un momento per la diversificazione in cui tutti stabiliscono un modello diverso. Un'altra spiegazione è che i fornitori non sono in competizione per risolvere il conflitto tra queste due persone. La condivisione della clientela non dipende dai commercianti, la clientela sarà distribuita in modo casuale a scelta dei clienti. La concorrenza viene annullata per evitare conflitti, ma anche per mantenere i prezzi a un certo livello. Un terzo tipo di spiegazione consisterebbe nell'affermare che questi negozi sono di proprietà dei proprietari e che le venditrici sono impiegate, il sistema economico è tale che le venditrici non hanno alcun incentivo a vendere e non sono motivate a realizzare profitti.

In termini di geografia economica, due elementi sono interessanti: il passaggio da un mercato all'altro e la spiegazione degli stand che sono esattamente gli stessi.

Allegati[modifier | modifier le wikicode]

Riferimenti[modifier | modifier le wikicode]