« La socializzazione politica » : différence entre les versions

De Baripedia
Ligne 89 : Ligne 89 :
La differenza principale tra queste due definizioni è che per qualcuno come Portes, Bourdieu o Coleman, il capitale sociale è una risorsa individuale. Accanto a tutto questo, c'è un altro tipo di capitale che è legato all'inserimento nei social network. Tuttavia, per altri come Putnam, il capitale sociale è più qualcosa che caratterizza un insieme, un sistema o un'unità. È in questo senso che Putnam ha dimostrato che i regimi del nord Italia erano migliori di quelli del sud, in particolare grazie a una migliore cultura civica basata su un capitale sociale più sviluppato.
La differenza principale tra queste due definizioni è che per qualcuno come Portes, Bourdieu o Coleman, il capitale sociale è una risorsa individuale. Accanto a tutto questo, c'è un altro tipo di capitale che è legato all'inserimento nei social network. Tuttavia, per altri come Putnam, il capitale sociale è più qualcosa che caratterizza un insieme, un sistema o un'unità. È in questo senso che Putnam ha dimostrato che i regimi del nord Italia erano migliori di quelli del sud, in particolare grazie a una migliore cultura civica basata su un capitale sociale più sviluppato.


=Différentes conceptualisations du capital social : Stolle=
=Diverse concettualizzazioni del capitale sociale: Stolle=


[[Fichier:comportement politique conceptualisations du capital social  Stolle 1.png|vignette|Dalton, R.J. et H.-D. Klingemann, éds. (2007). The Oxford Handbook of Political Behavior. Oxford: Oxford University Press.]]
[[Fichier:comportement politique conceptualisations du capital social  Stolle 1.png|vignette|Dalton, R.J. et H.-D. Klingemann, éds. (2007). The Oxford Handbook of Political Behavior. Oxford: Oxford University Press.]]


Ce tableau fait référence à trois perspectives liées à trois auteurs clefs. Sont mises en avant par Stolle les trois similitudes et différences de ces visions du capital social. On distingue trois approches en fonction de la définition, quels aspects des interactions sociales sont importants, quels bénéfices le capital social peut apporter aux individus ou aux systèmes et quelle est la prise de conscience de bénéfices de la part de ces acteurs. Chez Putnam apparaît l’importance des normes de réciprocités. Coleman définit les différents aspects de la structure sociale qui donne différentes ressources aux acteurs afin de satisfaire ses intérêts. Pour Lin, le capital sociale est vu comme l’investissent dans des relations sociales avec un retour sur le marché.  
Questa tabella si riferisce a tre prospettive relative a tre autori chiave. Stolle evidenzia le tre analogie e le differenze di queste visioni del capitale sociale. Si possono distinguere tre approcci a seconda della definizione, quali aspetti delle interazioni sociali sono importanti, quali benefici il capitale sociale può portare agli individui o ai sistemi e la consapevolezza dei benefici da parte di questi attori. L'importanza delle norme di reciprocità è evidente nell'opera di Putnam. Coleman definisce i diversi aspetti della struttura sociale che dà agli attori risorse diverse per soddisfare i loro interessi. Per Lin, il capitale sociale è visto come un investimento nelle relazioni sociali con un ritorno sul mercato.  


Dans un cas comme dans l’autre, l’idée de base est que le capital social est le fruit d’un ensemble de relations qu’on peut avoir avec différents groupes, personnes ou encore institutions.
In entrambi i casi, l'idea di base è che il capitale sociale è il risultato di un insieme di relazioni che si possono avere con diversi gruppi, individui o istituzioni.


=Sources du capital social=
=Fonti di capitale sociale=
Le schéma suivant concerne les sources et les conséquences du capital social. Il faut d’abord s’intéresser aux sources, à savoir d’où vient le capital social. C’est la perspective dominante aujourd’hui. L’idée est que le capital social ne vient pas seulement de la société civile, mais aussi de manière beaucoup plus verticale, venant aussi de l’État. L’État peut aussi produire du capital social.  
Le schéma suivant concerne les sources et les conséquences du capital social. Il faut d’abord s’intéresser aux sources, à savoir d’où vient le capital social. C’est la perspective dominante aujourd’hui. L’idée est que le capital social ne vient pas seulement de la société civile, mais aussi de manière beaucoup plus verticale, venant aussi de l’État. L’État peut aussi produire du capital social.  



Version du 12 mai 2020 à 22:22


Ci sono due principali prospettive teoriche sulla socializzazione in politica. Il primo si basa sul concetto di sociologia politica. La seconda prospettiva è quella della scelta razionale.

Socializzazione: definizione

Ci sono un gran numero di definizioni, ma tutte si sovrappongono in qualche modo.

La socializzazione è stata definita da Bélanger e Lemieux come un processo attraverso il quale i valori culturali vengono trasmessi e interiorizzati da una data popolazione. C'è l'idea della trasmissione e dell'internalizzazione che è il concetto chiave. La socializzazione è come l'interiorizzazione di certi valori per una certa popolazione.

Per Berger e Luckman, la socializzazione è l'installazione coerente ed estesa di un individuo all'interno del mondo oggettivo di una società o di un settore di essa. C'è un'idea di socializzazione come processo di inserimento dell'individuo nella società.

Boudon e Bourricaud definiscono la socializzazione come i diversi tipi di apprendimento a cui l'individuo è sottoposto, soprattutto in giovane età, sia esso linguistico, cognitivo, simbolico o normativo.

Socializzazione: Paradigma

Dietro queste definizioni, c'è una doppia prospettiva con una sorta di dicotomizzazione del campo. Ci sono due approcci principali nelle teorie della socializzazione, vale a dire:

  • paradigma condizionante: la socializzazione come "formazione" attraverso la quale il giovane è portato a interiorizzare norme, valori, atteggiamenti, atteggiamenti, ruoli, conoscenze e know-how. Da questo punto di vista, la socializzazione è qualcosa di unidirezionale essendo qualcuno che condiziona qualcun altro, che semplicemente, in modo passivo, ha interiorizzato certi valori che vengono trasmessi.
  • paradigma dell'interazione: la socializzazione è vista come adattamento e apprendimento. La socializzazione qui è bidirezionale, in ogni caso dove il soggetto ha un ruolo più attivo di apprendimento e di adattamento. I soggetti si adattano, non sono semplicemente condizionati. Gli individui imparano per tutta la vita. Questa è chiamata socializzazione secondaria più che primaria, come sottolinea il paradigma del condizionamento.

Socializzazione politica: definizioni

Questa distinzione si trova anche nelle teorie della socializzazione in politica.

Rush definisce la socializzazione politica come il processo attraverso il quale gli individui in una società acquisiscono familiarità con il sistema politico. Per Lacam, è l'insieme dei meccanismi e dei processi di formazione e trasformazione dei singoli sistemi di rappresentazione politica, delle opinioni e degli atteggiamenti. Johnston Conover lo definisce riflettendo il paradigma dell'interazione che è la socializzazione politica come l'apprendimento di valori, atteggiamenti e modi di comportamento che aiutano le persone a "inserirsi" nei loro sistemi politici, rendendole "buoni" cittadini.

La socializzazione politica: la ricerca delle tradizioni

È anche possibile distinguere due tradizioni di ricerca che si riferiscono alla distinzione tra sistema e attore, cioè tra il livello macro-politico e il livello micro-politico.

La teoria dei sistemi è incorporata nella prospettiva del sistema (macro). In questa prospettiva, la socializzazione fornisce la base per la stabilità politica e il mantenimento del sistema. La mandorla e il Verba si inseriscono in questa prospettiva. L'importante è che la socializzazione in politica sia vista come qualcosa che permette il mantenimento dei sistemi politici. L'accento è posto sulla socializzazione primaria (nell'infanzia), da parte dei genitori o durante la prima fase della scolarizzazione. Da ciò nasce l'idea che ciò che è cruciale per la socializzazione politica delle persone è ciò che accade nei primi anni di vita.

La seconda prospettiva è quella dell'apprendimento politico. Si passa da un soggetto passivo, inculcato nelle norme in una fase della vita, a un soggetto attivo, che interagisce con diversi agenti di socializzazione e impara. Siamo nella prospettiva dell'attore con un focus non sul sistema, ma su ciò che l'attore può imparare e fare, su ciò che ha imparato con questa socializzazione a livello di comportamento politico. La questione è fino a che punto questo apprendimento politico permetterà o meno agli individui di agire politicamente. Si presume quindi che il comportamento politico sia il risultato dell'apprendimento. L'impegno politico stesso è anche fonte di socializzazione. Non c'è più l'idea di un percorso lineare, ma piuttosto di una circolarità in cui gli individui, attraverso la loro partecipazione politica, impareranno e impareranno costantemente. L'accento qui è posto sulla socializzazione secondaria, che inizia nell'adolescenza ed è caratterizzata da un'autodefinizione di sé e da una scelta di appartenenza sociale. Il capitale sociale deve essere visto anche come una forma di socializzazione dal punto di vista dell'apprendimento politico e dell'attore.

Caratteristiche del processo di socializzazione politica

Il concetto di socializzazione politica si colloca storicamente nelle prime fasi dello studio del comportamento politico, in particolare nelle fasi dell'emergere del comportamentismo con il predominio dell'approccio sistematico. È dalla fine degli anni Settanta che l'approccio dell'apprendimento è diventato gradualmente dominante sulla base delle critiche mosse ad alcuni studi condotti da alcuni ricercatori americani sull'approccio del sistema politico.

Fino agli anni Settanta, tradizionalmente, lo studio della socializzazione politica è rimasto fondamentalmente segnato da tre postulati fondamentali, ovvero gli approcci condizionanti e gli approcci di sistema. Questi postulati sono che :

  1. opinioni e comportamenti diventano fissi una volta per tutte nell'infanzia;
  2. la socializzazione politica è un processo unidirezionale di trasmissione automatica di atteggiamenti e comportamenti. La socializzazione è un processo non intenzionale. L'attore è fondamentalmente un oggetto e non un soggetto attivo;
  3. La socializzazione politica primaria procede secondo un modello universale. La socializzazione avviene in modi diversi, non solo da un individuo all'altro, ma anche da un contesto all'altro e può essere da un contesto storico all'altro.

Per riassumere le caratteristiche del processo di socializzazione politica, si può dire che si tratta di un processo interattivo, intenzionale e deliberato, cioè che si riferisce al primo paradigma con una parte di socializzazione politica che ci viene data dagli agenti della socializzazione primaria, ma anche una parte legata all'auspicato e ricercato apprendimento politico. Questo processo ha due scopi complementari. C'è uno scopo legato all'esistenza di meccanismi di regolazione dei sistemi sociali. La socializzazione o socializzazione permette anche di rafforzare il sistema politico. C'è un aspetto che assicura la permanenza e la coesione del sistema politico o sociale, ma c'è anche lo scopo legato alla teoria dell'apprendimento individuale che è l'idea di dire che lo scopo della socializzazione è quello di inserire gli individui in un dato sistema e di permettere o spiegare la partecipazione o il comportamento politico.

Ci sono diverse fasi di socializzazione che vengono svolte da diversi agenti che vengono chiamati agenti di socializzazione, che sono casi che possono essere istituzioni o persone che trasmettono atteggiamenti politici. Possono essere anche associazioni, organizzazioni politiche o partiti. Oggi si potrebbe persino sostenere che gli agenti di socializzazione secondaria sono forse più importanti degli agenti di socializzazione primaria. Anche il ruolo e l'importanza del contesto devono essere tenuti presenti. Il processo di socializzazione politica non avviene nello stesso modo a seconda del contesto, possiamo pensare al paese, ma anche ad altre forme o tipi di contesto.

L'impatto biografico dei movimenti sociali

Le teorie della socializzazione sono state importanti in diversi tipi di spiegazioni. La socializzazione è stata utilizzata nello studio dei movimenti sociali e più specificamente nello studio delle conseguenze dell'impegno nei movimenti sociali. Il cosiddetto impatto biografico dei movimenti sociali è un esempio dell'importanza della socializzazione secondaria, che è un campo di studio che ha dimostrato che l'impegno politico ha importanti conseguenze in termini di socializzazione degli individui verso la politica.

Nel campo dei movimenti sociali, ci sono diversi aspetti trattati. Le conseguenze più studiate sono quelle politiche. Ci sono anche teorie e studi sul più ampio impatto culturale e sociale. C'è anche l'impatto che la partecipazione a un movimento sociale può avere sulle persone che sono coinvolte in un movimento rispetto a quelle che non lo sono, e questo è chiamato l'impatto biografico dei movimenti sociali.

Tutta una serie di studi sono stati condotti, in particolare negli Stati Uniti, su una popolazione specifica che sono gli attivisti della nuova sinistra negli Stati Uniti tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio degli anni Settanta. Su questa popolazione sono stati condotti molti studi e soprattutto studi qualitativi basati su dati di panel, che sono dati per i quali gli individui vengono interrogati in diversi momenti, per i quali viene tracciato il background di un individuo, a differenza dei dati trasversali. Cosa hanno scoperto i ricercatori e l'importante ruolo della fase di socializzazione, che consiste nel primo impegno politico. Questo impatto forte e duraturo è un'esperienza di impegno.

Ci sono stati impatti a livello di atteggiamenti, cioè sulla successiva partecipazione di queste persone, soprattutto di quelle che hanno continuato a definirsi in un certo modo rispetto a quelle che non si erano impegnate. Quelli che si consideravano sinistrorsi sono rimasti sinistrorsi, mentre altri sinistrorsi che non si erano impegnati nel movimento non erano necessariamente o molto meno impegnati. Queste persone impegnate sono rimaste più attive anche in politica. Interessanti sono anche gli effetti sulla vita personale, cioè sulle scelte di vita, e in particolare su quelle che questi autori hanno definito scelte di vita "alternative". In questo caso, questi studi hanno dimostrato che coloro che si erano impegnati per il nuovo-sinistra avevano più probabilità di non essere sposati rispetto a coloro che non lo erano, avevano più probabilità di convivere piuttosto che di essere sposati, ed erano anche più propensi a non avere figli o beni in seguito rispetto a coloro che non si erano impegnati. Ci fu anche un effetto sul tipo di occupazione in cui questi individui erano impegnati. Ciò che è importante è che una serie di ricerche ha dimostrato l'effetto socializzante dell'impegno politico sul comportamento e sugli atteggiamenti politici. C'è un impegno per le proprie scelte di vita che vengono fatte in seguito.

Questo esempio rafforza l'idea che il paradigma dell'apprendimento politico sia quello che meglio può spiegare il ruolo della socializzazione.

Capitale sociale

È un concetto che è diventato molto di moda negli ultimi quindici anni circa nelle scienze politiche, ma che affonda le sue radici nella sociologia. È anche un concetto su cui c'è poco consenso, soprattutto per quanto riguarda la sua definizione, concettualizzazione e utilizzo nello studio dei comportamenti politici. Nelle definizioni e nella concettualizzazione del capitale sociale c'è una distinzione tra il livello micro e quello macro.

C'è questa distinzione tra un approccio microsociologico o micropolitico con il capitale sociale come risorsa individuale che è un tipo di capitale sociale posseduto dagli individui. Si può fare riferimento a Pierre Bourdieu, che distingue diversi tipi di capitale, tra cui il capitale culturale ed economico, e anche il capitale sociale. Diversi autori concettualizzano questo concetto in modi diversi.

Una definizione autorevole in letteratura è quella di Portes, per il quale il capitale sociale è la capacità degli attori di ottenere benefici in virtù dell'appartenenza a reti sociali o ad altre strutture sociali. Il capitale sociale è visto come qualcosa che deriva dall'appartenenza ai social network. La socializzazione può essere pensata come il risultato dell'inserimento in diversi social network. Questa è una definizione molto generale che circola nella letteratura del capitale sociale.

Esiste un altro approccio che vede il capitale sociale come una proprietà del sistema. È un approccio che può essere descritto come sistemico, ma nel senso più leggero del termine. È un approccio che è stato democratizzato da Putnam negli anni Novanta. In questa prospettiva, il capitale sociale può essere definito come le caratteristiche delle organizzazioni sociali, come le reti, le norme e la fiducia, che facilitano l'azione e la cooperazione a vantaggio reciproco. Per alcuni, la nozione di capitale sociale e di rete sociale si sovrappongono, cioè, il capitale sociale è un insieme di reti in cui uno è inserito, mentre per altri, il capitale sociale è il risultato dell'inserimento in queste reti.

La differenza principale tra queste due definizioni è che per qualcuno come Portes, Bourdieu o Coleman, il capitale sociale è una risorsa individuale. Accanto a tutto questo, c'è un altro tipo di capitale che è legato all'inserimento nei social network. Tuttavia, per altri come Putnam, il capitale sociale è più qualcosa che caratterizza un insieme, un sistema o un'unità. È in questo senso che Putnam ha dimostrato che i regimi del nord Italia erano migliori di quelli del sud, in particolare grazie a una migliore cultura civica basata su un capitale sociale più sviluppato.

Diverse concettualizzazioni del capitale sociale: Stolle

Dalton, R.J. et H.-D. Klingemann, éds. (2007). The Oxford Handbook of Political Behavior. Oxford: Oxford University Press.

Questa tabella si riferisce a tre prospettive relative a tre autori chiave. Stolle evidenzia le tre analogie e le differenze di queste visioni del capitale sociale. Si possono distinguere tre approcci a seconda della definizione, quali aspetti delle interazioni sociali sono importanti, quali benefici il capitale sociale può portare agli individui o ai sistemi e la consapevolezza dei benefici da parte di questi attori. L'importanza delle norme di reciprocità è evidente nell'opera di Putnam. Coleman definisce i diversi aspetti della struttura sociale che dà agli attori risorse diverse per soddisfare i loro interessi. Per Lin, il capitale sociale è visto come un investimento nelle relazioni sociali con un ritorno sul mercato.

In entrambi i casi, l'idea di base è che il capitale sociale è il risultato di un insieme di relazioni che si possono avere con diversi gruppi, individui o istituzioni.

Fonti di capitale sociale

Le schéma suivant concerne les sources et les conséquences du capital social. Il faut d’abord s’intéresser aux sources, à savoir d’où vient le capital social. C’est la perspective dominante aujourd’hui. L’idée est que le capital social ne vient pas seulement de la société civile, mais aussi de manière beaucoup plus verticale, venant aussi de l’État. L’État peut aussi produire du capital social.

Portes, A. (1998). “Social Capital: Its Origins and Applications in Modern Sociology”. Annual Review of Sociology 22: 1-24.

Ce qui est important dans ce schéma, issue de l’article Social Capital: its origins and applications in modern sociology publié en 1998 de Portes est qu’il distingue la définition, à savoir ce qu’est le capital social, de ses sources, ses origines et de ses effets, mais de façon un peu mélangée.[8] Le résultat est que sur le plan empirique, cela devient difficile à étudier.

Pour Portes, il faut distinguer la définition de ces sources. Le capital social peut venir de différentes choses et il faut distinguer la définition et les sources de ses conséquences. Il y a également une distinction entre les sources de type expressif et les sources de type instrumental, à savoir le capital social comme une fin en soi ou comme découlant d’un échange basé sur les intérêts réciproques. Il faut également regarder ce que sont les conséquences comme le fait Portes. Selon Portes, la littérature s’est intéressée seulement aux sources positives.

Il faut distinguer la définition du capital social par ses origines et par ses conséquences. Parmi ses origines, il y en a plusieurs comme l’État, la société civile, des sources de type instrumentales, à savoir les motivations qu’on les acteurs pour s’engager dans des relations sociales qui vont ensuite produire du capital social. Ces raisons peuvent être de type expressive, identitaire, ou alors instrumental et d’échange. Il faut également rendre compte des conséquences positives, mais aussi négatives du capital social.

Types de capital social

Le capital social a été étudié dans plusieurs contextes afin d’étudier le comportement politique, mais il y a un sous-domaine ou un domaine d’étude qui s’intéresse en particulier en Suisse à l’étude de l’engagement des étrangers ou des immigrés. De nombreux travaux sont fait dans ce contexte, en particulier et pas seulement, on utilise une distinction proposée par Putnam lui-même. Cette distinction se fait entre trois types différents de capital social :

  • bonding : ce type de capital est constitué par la valeur attribuée aux réseaux sociaux qui relient des groupes socialement homogènes.
  • bridging : valeur attribuée aux réseaux sociaux qui relient des groupes socialement hétérogènes. Pour Putnam, c’est ce capital qui permet de faire le pont entre des groupes différents.
  • linking : c’est le capital social qui relie de manière verticale les institutions à la société civile. C’est la valeur attribuée aux réseaux sociaux qui relient des groupes sociaux aux institutions politiques.

Ces différents types de capital social ont des impacts différents sur l’explication de la participation politique.

Capital social et participation politique des immigrés : modèle

Jacobs, D. et J. Tillie (2004). “Introduction: Social Capital and Political Integration of Migrants”. Journal of Ethnic and Migration Studies 30: 419-427.[9]

Un ensemble de chercheurs s’est intéressé à tenter d’expliquer la participation politique des immigrés. C’est un modèle de path analysis dit aussi de choix causaux où on veut expliquer une ou des variables indépendantes. Ce sont des chercheurs qui sont partis d’une critique de Putnam disant que le capital est essentiellement une propriété du système donc que c’est la densité des associations qui donne un indicateur de la qualité ou de la quantité du capital social qui existe dans une société donnée. Pour ces chercheurs, ce n’est pas seulement cela. Ce qui importe, surtout pour expliquer les comportements politiques, est justement, dans quelle mesure ce capital social au niveau systémique se traduit dans une ressource individuelle qui est possédée ou pas possédée par les acteurs. Apparaissent les variables de contrôle et les variables de capital social mesurées à travers le membership dans des associations de volontariat. Il y a quand même l’idée putnamienne que le capital social est constitué par l’appartenance à des associations. Il y a une distinction entre « ethnic-membership » et « cross-ethnic-membership », ce que Putnam a appelé « bonding » et « bridging ». C’est une application de cette distinction à l’étude de l’impact de l’insertion dans des associations de la part des immigrés sur leur participation politique.

Capital social et participation politique des immigrés : résultats

Jacobs, D. et J. Tillie (2004). “Introduction: Social Capital and Political Integration of Migrants”. Journal of Ethnic and Migration Studies 30: 419-427.[9]

Ce tableau résume le schéma précédent. Pour les quatre pays, il y a différentes variables. On voit que dans chaque pays, le ethnic-membership est quelque chose qui explique la participation. Les immigrés qui sont membres d’associations qui fournissent un bounding social capital ont plus de chance de participer que ceux qui ne sont pas membres.

En ce qui concerne la participation politique des immigrés, le capital social, en tout cas mesuré à travers l’appartenance à des associations et important voire crucial, mais ce n’est pas tellement le type de capital social qui explique la participation, mais c’est le fait d’être membre d’une association et de tirer de cette appartenance associative un capital social qui favorise la participation. Le modèle du civic voluntarism, avec Verba, dit que l’appartenance à des associations ne donne pas le capital social, mais donne des capacités civiques qu’on peut mettre à l’œuvre ensuite dans notre participation.

Annessi

Referenze

  1. Marco Giugni - UNIGE
  2. Marco Giugni - Google Scholar
  3. Marco Giugni - Researchgate.net
  4. Marco Giugni - Cairn.info
  5. Marco Giugni - Protest Survey
  6. Marco Giugni - EPFL Press
  7. Marco Giugni - Bibliothèque Nationale de France
  8. Portes, A. (1998). Social Capital: Its Origins and Applications in Modern Sociology. Annual Review of Sociology, 24(1), 1–24. https://doi.org/10.1146/annurev.soc.24.1.1
  9. 9,0 et 9,1 Jacobs, D., & Tillie, J. (2004). Introduction: social capital and political integration of migrants. Journal of Ethnic and Migration Studies, 30(3), 419–427. https://doi.org/10.1080/13691830410001682016